sabato 22 Gennaio 2022
0.4 C
Venezia

Ztl e musei civici, Bettin contro la giunta: «Scelte regressive, mentre arriva il G20»

HomePoliticaZtl e musei civici, Bettin contro la giunta: «Scelte regressive, mentre arriva il G20»

La giunta comunale veneziana in questi giorni ha prorogato la sospensione della Ztl (zona a traffico limitato) in centro a Mestre, per un altro anno, nelle stesse modalità della fase sperimentale dell’anno precedente. Mentre al tavolo di fine anno della Fondazione Musei civici veneziani la direzione ha riferito alle parti sociali la decisione di estendere la chiusura fino a marzo 2021 compreso, con il ricorso alla cassa integrazione per tutti i dipendenti e gli addetti delle ditte in appalto. Due provvedimenti contro i quali si è scagliato il consigliere comunale Gianfranco Bettin che ha parlato di: «scelte regressive della giunta mentre arriva il G20 a Venezia», il vertice delle Finanze e dell’Economia legato alla presidenza italiana dell’organismo nel 2021.

«Una scelta – quella relativa alla proroga della sospensione della Ztl – che ha permesso di supportare le attività commerciali del territorio», ha commentato l’assessore alla Mobilità Renato Boraso. Mentre a sostegno della chiusura dei Musei civici è intervenuto il sindaco Brugnaro nel discorso di fine anno, assumendosi la responsabilità, per «conservare le risorse per agganciare con rinnovate energie la ripresa».

«L’anno nuovo è cominciato replicando, al suo peggio, l’anno vecchio – ha affermato Bettin – con due provvedimenti sostanziali e simbolici che collocano Venezia tra le città con le politiche più regressive d’Europa. La giunta terrà chiusi i musei “perché non ci sono turisti e non si fanno soldi” a Venezia, unica grande città d’Europa che delle Ztl e dei provvedimenti contro lo smog non sa che farsene, malgrado i picchi di inquinamento che la città subisce in questo periodo, “perché così si aiuta il commercio”. Sono idee arretrate e fallimentari», ha scritto il consigliere dell’opposizione.

«L’invasione di auto in centro non ha per niente frenato la crisi del commercio – ha continuato – (che semmai potrebbe giovarsi di una migliore qualità urbana, oggi invece nettamente peggiorata) mentre, in compenso, ha fatto del cuore della città, e non solo, una camera a gas. Quanto all’idea di una cultura che resta disponibile e aperta, solo “se si fanno soldi”, parla da sola – ha sostenuto Bettin – un patrimonio comune, universale, ridotto a slot machine e la stessa governance di uno dei settori cruciali della città, i beni culturali, svuotata e immiserita, e i suoi lavoratori penalizzati. La maggioranza ha scelto: Venezia retroguardia d’Europa, altro che ruolo centrale ritrovato».

Antonella Gasparini

 

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

Notizie più seguite dall'archivio

pubblicità

Ponte della Costituzione scivoloso, altri lavori. Amore-odio dei veneziani per il Ponte di Calatrava

Ancora guai per il Ponte della Costituzione progettato dall’architetto Santiago Calatrava, che tanto ha fatto discutere i cittadini veneziani, che hanno prima incontrato e poi vissuto gli effetti di un’opera che è costata 11 milioni di euro. Il Ponte era entrato nell’immaginario...

Un Campagnolo a Venezia: la venezianità vista da un Millennial boy. Lettere

UN CAMPAGNOLO A VENEZIA: la venezianità vista da un Millennial boy Fin dai primi giorni di scuola superiore nel centro storico veneziano, il biglietto da visita da parte dei miei nuovi compagni e compagne di classe è stato questo: -“Da dove ti vien,...

“Venezia non è più in pericolo??” Decisione Unesco incredibile. Lettere

I TURISTI continuano a soffocare Venezia senza alcuna limitazione, specie quelli pendolari che sbarcano con barche “Gran Turismo” col benestare del sindaco che ad oggi non ha posto in essere alcun limite. Anzi, pare interessato a far “assaltare” la città da...

Commessa veneziana perde 2.900 euro col ‘phishing’ e la banca non risponde: “Colpa sua”

Banca si rifiuta di riaccreditare le somme prelevate indebitamente a una commessa di Venezia, vittima del phishing: “colpa sua”.

La strana storia della bambina di tre anni in giro da sola di notte a Venezia

La bimba, tre anni non ancora compiuti, ha attraversato a piedi, di notte, da sola, una parte di Venezia, città certamente bella e romantica, ma anche piena di insidie per una bimba così piccola a spasso da sola.

Processo del lavoro e prova per testimoni: la delicata posizione del collega-testimone

In questo articolo analizzeremo la delicata posizione del testimone all'interno del processo del lavoro e come tale problematica stia evolvendo alla luce della crescente precarizzazione della forza-lavoro. Nel rito speciale del lavoro, come più in generale nel processo civile, è ammessa la...

Mobbing e lavoro. Quando il mobbing è «illusione». Perché promesse di vari avvocati sono spesso «processualmente» irrealizzabili

Questo breve articolo non ha come scopo quello di citare giurisprudenza complessa o iniziare discorsi astratti e bizantini sul mobbing che non servono ad altro che a tediare il lettore nella migliore delle ipotesi o a creare false aspettative nella peggiore....

Ospedale Civile: dimessa dal pronto soccorso va a casa a piedi e muore

Ospedale Civile di Civile ancora nelle prime pagine oggi. Una donna, visitata e dimessa dal pronto soccorso, è tornata a casa (con grande fatica) camminando sulle sue gambe ma dopo poche ore è spirata. F.C., signora di 52 anni residente a Lido, mercoledì...

Come e’ morta Marilyn Monroe? giallo risolto dopo 51 anni in un libro

La Morte di Marilyn Monroe è uno dei più grandi misteri che costellano la storia americana. Ora, dopo 51 anni, la verità su Come e' morta Marilyn Monroe, venuta a mancare il 4 agosto del 1962, potrebbe essere svelata da un...

Padova: “Prego biglietti”. Stranieri minori fanno il finimondo: scaraventate a terra due verificatrici

Padova, lunedì poco prima delle sei del pomeriggio autobus di linea in via Venezia. Alla fermata sul "10" salgono i controllori, uomini e donne. Ormai da tempo fare il verificatore nei mezzi pubblici è mestiere "a rischio" quindi i dipendenti di Busitalia...

5×1000 alla Voce di Venezia: da 16 anni ti siamo fedeli, ci meritiamo una firma?

5x1000 al nostro giornale: da 16 anni ti siamo fedeli, meritiamo una tua firma? Tu che ci leggi conosci già il nostro lavoro. Sicuramente conosci i nostri articoli: le ultime notizie più importanti del giorno da leggere già dalle prime ore del mattino. 365...

Dottoressa di base No Vax sospesa: paese senza medico

La dott.ssa è sospesa come medico di base dall'Ulss di Padova privando la comunità di Cervarese Santa Croce della sua assistenza