mercoledì 19 Gennaio 2022
4.3 C
Venezia

Veneto, fatti tutti i vaccini. Zaia: «Siamo i primi. Mi deridevano per le siringhe, oggi me le chiedono»

HomeZaiaVeneto, fatti tutti i vaccini. Zaia: «Siamo i primi. Mi deridevano per le siringhe, oggi me le chiedono»

Il Veneto ha fatto 24.464 tamponi (rapidi e molecolari) nelle ultime 24 ore. I positivi sono 3.596, incidenza al 14%. I positivi sono 92.176 (da inizio pandemia) i ricoverati 3.367,
2978 in area non critica e 389 in terapia intensiva. «Sembra esserci una lieve inversione di tendenza nei ricoveri, ma una rondine non fa primavera», ha affermato il governatore del Veneto Luca Zaia, aggiornando la situazione Covid. I morti sono 7.157, 43 nelle ultime 24 ore.

L’incontro con il governo

«Avremo due giorni di zona gialla e il fine settimana sarà arancione. Domani capiremo in base all’Rt se il Veneto entrerà in fascia arancione anche dopo – dice Zaia – Ma verrà presa in considerazione l’introduzione, sul piano nazionale, dell’incidenza dei postitivi sui centomila abitanti, probabilmente dopo il 15 gennaio, dopo il nuovo Dpcm. Abbiamo pressione ospedaliera ma la stiamo gestendo. Vedo i probabile la zona rossa: l’Rt è intorno a 1,01. Abbiamo fatto una riunione con il governo e tutti noi governatori, quando ci hanno annunciato il pericolo di una terza ondata, abbiamo detto “ci rimettiamo a quello che decide l’Iss (Istituto superiore della sanità). Vedremo per il resto quale sarà la classificazione».

Cosa è cambiato dalla prima a fase

«Non avevamo i dispositivi – ha affermato il presidente – la diagnostica (a parte il pungidito). Il 20 marzo facevamo 2000 tamponi al giorno, oggi 60 mila. Non avevamo le terapie intensive di oggi. Il 21 febbraio ce n’erano 464: ad oggi con quella quota non avremmo preso in carico tutti i pazienti. Anche il virus è cambiato – ha continuato – perché è mutato, rispetto a marzo e rispetto all’estate. Abbiamo 8 mutazioni, tra cui l’inglese che è la più contagiosa. E abbiamo due varianti solo venete, nel database di quelle nazionali. È cambiato anche lo spirito dei cittadini. A febbraio avevamo paura di morire, oggi il tema è più distante e ospedaliero. La vaccinazione? Siamo i primi in Italia. Oggi finiamo tutti i vaccini. Da domani non abbiamo più vaccini. E le siringhe? Mi deridevano. Oggi me le chiedono a prestito. Ne abbiamo prese un milione e servono tutte». Da domattina arrivano altre 40 mila vaccini. Le scorte sono state somministrate tutte e in provincia di Venezia ne hanno già fatto richiesta. «Speriamo in Moderna, che si conserva a temperatura da frigo, non come il Pfizer che si conserva a -80 gradi ed è più complicato. Se stringiamo i denti le prossime due, tre settimane credo che potremmo vedere qualche risultato incoraggiante», afferma Zaia. La seconda fase della vaccinazione dovrebbe iniziare i primi di febbraio, con il personale dei servizi pubblici.

Il personale

Il bando della protezione civile ha avuto risposta da 24 mila unità sanitarie, di cui 19 mila attivabili tra medici e infermieri. Sono interessate le agenzie di lavoro, le unità sono gestite completamente dal commissario per la sanità nazionale Domenico Arcuri e sono legate all’emergenza.

Le Usca

Sono 97 le equipe regionali, 865 gli infermieri delle Unità di assistenza e cura domiciliare in Veneto. La presa in carico con continuità è forte in regione. Sono nate a marzo e garantiscono l’assistenza ai pazienti non da ricovero in collegamento con i medici di medicina generale. È come avere 180 medici in più. A fine gennaio iniziano le frequenze delle specializzazioni, è probabile alcune unità, che sono i laureati in medicina, vengano perse. Per quanto riguarda le attività, operano per effettuare i tamponi a domicilio, nelle scuole, nei punti tamponi, nelle rsa: oltre il 21% di tutti i tamponi, circa 9 mila al giorno, rapidi e  anche molecolari. Degli oltre 9 mila pazienti assistiti, oltre 2 mila sono seguiti in maniera continuativa in regione. Ogni giorno gli accessi delle Usca sono poco meno di 800 (582 a casa e 36 nelle case di riposo). Nell’ultima finanziaria del governo sono state prorogate.

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

La discussione è aperta: una persona ha già commentato

  1. I siti nazionali, pochi minuti fa, parlavano di un indice di positività del 20,85% in Veneto.
    …ma c’è più di un Veneto, in Italia?

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

Notizie più seguite dall'archivio

pubblicità

Si tuffa dal Ponte degli Scalzi in mezzo a barche e vaporetti, arrivano i vigili: diventa violento

Si tuffa dal Ponte degli Scalzi: un comportamento sconsiderato e incosciente che poteva finire in tragedia. Il fatto oggi, martedì mattina. L'uomo si getta nelle acque del Canal Grande dal Ponte degli Scalzi rischiando di schiantarsi sopra un mezzo di trasporto pubblico dell’Actv...

Storia di un albero. Oggi abbattuto in funzione di chissà quali esigenze, San Basilio è meno bella ora

"È stato un uomo, più di settant’anni fa a impiantare quel pioppo su quell’angolo di San Basilio. Quell’uomo era mio padre. Mia madre diceva a noi figlie, quello è l’albero che ha fatto nascere vostro padre e noi ai nostri figli, quello è l’albero che ha impiantato il nonno e i figli ai loro figli, quello è l’albero del bisnonno..."

Rapinano delle scarpe un 14enne coltello alla gola: sono due minorenni stranieri

Rapinano 14enne armati di coltello e gli portano via le scarpe sneakers. E' successo oggi nei pressi di un centro commerciale a San Pietro di Legnago (Verona). La coppia di minorenni ha rapinato il ragazzo di 14 anni minacciandolo con un coltello. Bottino della...

“Alcune malattie non hanno cure dopo 40 anni, il vaccino lo hanno fatto in pochi mesi: è un miracolo”. Lettere

E' convinzione che i miracoli siano spettanza religiosa: falso! Nell'ultimo anno e mezzo è accaduto un miracolo "laico" che ha dell'incredibile. Dopo 40 anni di ricerca, nessun vaccino contro l'HIV; nessun vaccino perpetuo contro la banale influenza; nessun trattamento farmaceutico valido...

Pipì in calle e bottiglie di vetro vicino a un monumento: multa e daspo per 4 giovani

Multa e daspo per quattro giovani in campo Santa Margherita a Venezia per comportamenti che violavano il Regolamento di Polizia urbana.

Elezioni scolastiche: “Far votare solo con chi ha Green Pass è discriminatorio!”. Lettere

Ci sono cittadini di serie a e di serie z... e poi ci sono i fedelissimi esecutori, che oggi come nel '36 eseguono ordini come autentiche macchinette da regime... ma che poi si pentono amaramente come nel '45. Inutile dire che ...

Assessore alla Sicurezza spara durante una lite: morto marocchino

Massimo Adriatici, avvocato, assessore alla sicurezza del Comune di Voghera (Pavia), è l'uomo che ha sparato il colpo di pistola che ieri sera, poco dopo le 22, ha ucciso un uomo di 39 anni di nazionalità marocchina. Il fatto è accaduto...

“Studenti con le gonne: i soliti per rappresentare un mondo alla rovescia”. Lettere

Gli studenti maschi del liceo classico Zucchi di Monza hanno indossato la gonna durante le lezioni per protestare contro il sessimo. A Parte il fatto che per rappresentare il sesso femminile avrebbero dovuto indossare dei maschilissimi jeans, il grottesco e ridicolo gesto...

Con l’addio alle Suore Imeldine la mia Salizada San Canciano non esiste più

(Seguito dell'articolo "La Venezia perduta. Le Suore Imeldine e la scuola a San Canciano che non esistono più") L’uscita da scuola. La fine delle lezioni, come l’inizio, era un altro rito. Si correva fuori, in un Campo San Canciano affollato di genitori, cercando con...

Operatori sanitari non vaccinati in Veneto: sono oltre 2.000 ed ora rischiano

Rieccola la Commissione di valutazione che sempre apre la porta e l’ascolto alle ragioni (e ai torti) dei conflitti. Ritorna il problema di chi ancora non si è vaccinato, o non si può o vuole vaccinare, o ha paura, o ha bisogno...

Reliquie Santa Lucia da Venezia alla Sicilia con assistenza della Polizia

Santa Lucia da Venezia alla Sicilia Domenica 14 dicembre, la Polizia di Stato accompagnerà “Santa Lucia” nel suo prossimo viaggio in Sicilia. Alle 7:30 del mattino le spoglie della Santa saranno portate, con imbarcazioni della Polizia di Stato, dalla basilica dei Santi Geremia...

“Lido: ragazzi ubriachi di notte ovunque. Uno saltava sul tetto di un’auto. Ci si preoccupa solo di far arrivare turisti…”. La lettera

Lido, in una laterale del Lungomare all'altezza della zona A, ore 2.00 del lunedì notte. Ormai col caldo si dorme con le finestre aperte, anzi in realtà non si dorme molto perché dalla strada arrivano voci, urli e schiamazzi, non c'è...