venerdì 28 Gennaio 2022
3.9 C
Venezia

Weird Western all’italiana: “Se sei vivo, spara!” (1967)

HomefilmWeird Western all'italiana: "Se sei vivo, spara!" (1967)

WEIRD WESTERN ALL’ITALIANA Una passeggiata estiva attraverso le pellicole più strane e sorprendenti del nostro cinema delle praterie.

Mi è capitato recentemente di aver partecipato a un podcast, invitato a parlare di western “all’italiana” strani e sorprendenti.
L’occasione mi ha permesso di fare alcune riflessioni su un genere cinematografico che, benchè ormai da tempo riscoperto e rivalutato, non ha ancora davvero messo in luce presso il grosso pubblico delle zone d’ombra contenute in alcuni titoli che, benché meno famosi, han fatto la differenza, vuoi per la messinscena, vuoi per soluzioni narrative ora bizzarre, ora inquietanti, ora anche comiche e paradossali.
In questa mia piccola rassegna ho selezionato alcuni tra i vari titoli che spiccano per un carattere “weird”.
Non ho pretesa di essere esaustivo ma solo di stimolare alcune visioni che, col senno di poi, suggerivano altre derive possibili dal mainstream del filone.
Derive, eccentricità, tentativi di smarcamento dalla linea madre (Leone, Corbucci, Petroni, Tessari), linea che già di per sé segnò un cambio di passo internazionale ma che vanta alcuni titoli meno “nobili” che forse, per certi versi hanno pure affondato di più nel profondo del nostro modo tutto particolare di interpretare la leggenda del West.

“SE SEI VIVO SPARA!” (1967, Giulio Questi)

Con Tomas Milian, Milo Quesada, Marilù Tolo, Roberto Camardiel, Ray Lovelock

Se c’è un western weird realizzato nel nostro paese e che ha fatto scuola,bene: è proprio questo.
Senza troppi giri di parole siamo di fronte a un incubo messo in scena.
Quando siamo avvertiti del fatto che Questi volle portare nel west la sua esperienza di partigiano e di tutti gli orrori visti, allora il film diventa un libro aperto.
Ma anche senza questa informazione ciò a cui assistiamo durante la visione della pellicola è una riduzione su schermo della cattiveria umana. Per cui siamo pronti a perdonare le imperfezioni del film e ad abbracciarlo come un monito e una digressione entomologica sull’avidità.
Ma questo film non sarebbe lo stesso senza un contributo essenziale: il montaggio e la collaborazione alla scrittura di Franco Arcalli, nome da partigiano “Kim”, spericolatissimo autodidatta della moviola, che inventa accostamenti, rovesciamenti, ritmi che avvicinano “Se sei vivo spara!” alla nouvelle vague francese o al cinema surrealista spagnolo.
Soluzioni poi amplificate nel seguente thriller industriale “La morte ha fatto l’uovo” Film di compromesso (Questi non era interessato al western ma riuscì a inserire tra le maglie del genere il discorso che voleva portare avanti) che ebbe una vita travagliatissima.

Dopo le prime proiezioni venne sequestrato, poi rimontato col titolo cambiato con “Oro Hondo”.
Oggi abbiamo una edizione pressoché integra.
Il tasso di violenza esibita era per i tempi altissimo e ancora oggi è piuttosto disturbante e faticoso da digerire.
Indiani scalpati, gente che mette le dita nei fori di proiettili sul corpo ancora vivo di Piero Lulli perché i proiettili sono d’oro, gente a cui cade oro fuso in faccia, cadaveri lasciati penzolare come ne “Il manoscritto trovato a Saragozza”.
E in effetti il mcguffin del film è proprio l’oro.
E anche la luce del film è d’oro: è un universo caldissimo, afoso sino al mancamento del fiato.


 

In sintesi siamo all’inferno… La trama è semplice: dopo una rapina il capo dei banditi fa fuori la quota messicana che ha partecipato al colpo, dopo averli obbligati a scavare le loro fosse.
Una notte, dal tumulo, esce un sopravvissuto, Hermano. Viene assistito da due indios che forgiano delle pallottole d’oro. Hermano raggiunge un villaggio dove i rapinatori son stati giustiziati dalla “brava gente” del luogo. Hermano riesce ad uccidere il capobanda Oaks, che era scampato al linciaggio. Ma il paese è il peggior posto in cui Hermano poteva capitare.

I cittadini se non son pazzi sono degli ipocriti moralisti assetati di ricchezza, tenuti però sotto scacco dal criminale Sorrow e dalla sua banda di pistoleri tutti vestiti di nero.
Non aggiungo altro perché la trama è ricca di colpi di scena.
Dicevo della violenza esibita: che nel film è però necessaria, anzi è il cuore di un film spietato e disilluso, il cui finale anticipa un po’ l’incipit di “Il mucchio selvaggio” di Peckinpah.
Un film imperfetto ma che riesce completamente nel suo obbiettivo. Per stomaci forti.

Giovanni Natoli

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Giovanni Natoli
Giornalista e critico cinematografico. Puntuale testimone della Mostra Internazionale del Cinema di Venezia, pubblica le sue recensioni sulla rubrica 'Moviegoer, appunti di uno spettatore cinematografico'.

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Notizie più seguite dall'archivio

pubblicità

Legge n. 104, cosa si può e non si può fare. Quali sono le sanzioni in caso di abusi?

Molti lettori si saranno posti il seguente problema: se usufruisco di giorni di permesso retribuito per assistere un familiare con handicap, devo occuparmi di quest’ultimo in quel periodo a «tempo pieno», solo durante il normale orario di lavoro, oppure posso comunque utilizzare quei giorni anche per riposarmi e dedicarmi ad altre attività? Quali sono gli abusi? Quali sanzioni rischio?

Mauro da Mantova è morto. L’ospite della trasmissione ‘La Zanzara’ non ce l’ha fatta

Mauro da Mantova è morto ieri a Verona. Era ricoverato dal 10 dicembre, quasi subito era entrato in condizioni critiche e, alla fine, non c'è stato niente da fare. Mauro da Mantova, "ospite-incursore" della trasmissione radiofonica "La Zanzara" è spirato all’ospedale Borgo...

Rapinano delle scarpe un 14enne coltello alla gola: sono due minorenni stranieri

Rapinano 14enne armati di coltello e gli portano via le scarpe sneakers. E' successo oggi nei pressi di un centro commerciale a San Pietro di Legnago (Verona). La coppia di minorenni ha rapinato il ragazzo di 14 anni minacciandolo con un coltello. Bottino della...

“Venezia è patrimonio del mondo e non appartiene ai veneziani di adesso”. Lettere

In risposta alla lettera: "Le colpe dei veneziani e dei ‘venezianassi’. Venezia è patrimonio del mondo e non appartiene ai soli veneziani, specialmente quelli di adesso che non l’hanno davvero fondata. Tanto sbraitano contro il turismo /petrolio della città, ma in fondo cos’altro...

Malore fatale in bicicletta a Lido e due giovani picchiano vigile perché non possono passare

Mentre avveniva la tragedia, negli stessi istanti in cui perdeva la vita il 65enne lidense, una coppia picchiava selvaggiamente un agente della Polizia locale del Lido, solo perché non permetteva loro di passare essendo la strada bloccata.

Arrivo a Venezia e subito multato in vaporetto per non aver obliterato, ma non è giusto

"Appena il tempo di sedersi e 2 addetti mi chiedono i biglietti che mostro prontamente. Mi dicono laconicamente che non sono stati validati e siamo in contravvenzione".

Weekend di sofferenze a Venezia. Alla Celestia visitatori della Biennale opprimono i residenti

L'ultimo weekend a Venezia ha portato un flusso eccezionale di persone. I numeri ufficiali si sapranno più avanti ma per chi abita in città non ce n'è bisogno: la prima settimana estiva ha visto la città assalita da turisti, vacanzieri e...

Morte improvvisa dopo vaccino, esposto in Procura a Mira

Alessandro Cavarretta, 51 anni, mercoledì scorso si sottopone al vaccino, dopo due giorni la morte improvvisa lasciando tutti nell'angoscia e con una domanda pendente: perché? Il certificato di decesso parla di arresto cardiocircolatorio ma essa non chiarisce come diagnosi di morte, è...

Lettere. Nuova legge sugli alloggi pubblici, Zaia tratta i veneti peggio delle altre regioni leghiste

NUOVA LEGGE ALLOGGI PUBBLICI: TANTA PROPAGANDA SULL’AUTONOMIA, MA PROPRIO IL POPOLO VENETO E’ TRATTATO DALLA REGIONE DI ZAIA PEGGIO DELLA LOMBARDIA! I VENETI “FIGLI DI UN NORD MINORE”?

Venezia, gondoliere aggredito da turista perchè lo ha fatto scendere dalla gondola [video]

Venezia, gli anni passano ma le cose non cambiano. La cultura del turista che è convinto di entrare in una città finta, dove tutto è permesso perché "paga", non migliora. Anzi. L'ultimo episodio a dimostrazione di ciò ci è giunto in redazione...

Venezia: da oggi mascherine all’aperto in certe aree. Ecco dove

Venezia: allargamento dell’obbligo dell’uso di mascherine all'aperto alle aree della movida e nelle piazze. Dal 6 dicembre Green Pass obbligatorio fin dai pontili degli imbarcaderi per favorire i controlli a campione

La confessione di chi è “scappato” da Venezia: “Vetrerie, portieri, bugie…”. Lettere al giornale

In risposta alla lettera al giornale: "Il lusso dei grandi alberghi veneziani porta ricchezza? La confessione di Jacopo, portiere per 5 anni". Il sistema delle vetrerie è stato creato grazie alle sale, praticamente dei supermercati del vetro ( dove gira anche vetro...