L’edicola delle Zattere portata via dall’acqua: la solidarietà di tutti per riaverla dov’era, com’era

ultimo aggiornamento: 18/11/2019 ore 17:53

1564

walter mutti edicola zattere affondata venezia

La notte del 12 novembre Walter Mutti ha perso tutto. La forza devastante dell’acqua gli ha strappato la sua edicola alle Zattere, trascinandola tra le onde e facendola letteralmente scomparire.

“I danni sono incalcolabili – commenta Walter, edicolante e punto di riferimento per gli abitanti della zona – nessuno pensava a una marea di queste proporzioni”.


La sua storia ha trovato spazio su tutti i media, elevandolo a simbolo di una città completamente in ginocchio . “Allarmato dall’aggravarsi delle previsioni ero tornato a controllare l’edicola, e per la prima volta l’ho sentita muoversi e tremare dal vento. L’ho lasciata e ho fatto ritorno a casa, alla Giudecca; dopo qualche ora la struttura non c’era più.”

“L’edicola non era ‘del Comune’ – prosegue Walter – ma quasi interamente pagata dalla mia famiglia. La struttura era stagna, impermeabile e totalmente ignifuga, ma dopo il rifacimento delle rive del 1997 non è stata ancorata al suolo, pare, per una decisione della Salvaguardia. Certo che nessuno poteva prevedere un evento di tale entità, con marea a 187 cm e raffiche di vento fino a 100 km/h: una calamità naturale! Ci ho rimesso anche computer e registratore di cassa, oltre all’intera giacenza di giornali che gli editori, almeno, sembrerebbero rimborsarmi”.

Ma mentre si attendono le modalità degli indennizzi pubblici, i Veneziani non sono stati a guardare, facendo partire una raccolta fondi per Walter che in meno di 48 ore ha superato la soglia prefissata di 25 mila euro. “E’ incredibile – commenta l’edicolante – ringrazio di cuore chiunque abbia contribuito. Quel chiosco è tutta la mia vita: non so quanto possa costarne uno nuovo, ma voglio riaprire e tornare alla normalità il prima possibile”.


Il fautore dell’iniziativa è Carlo Cardan, un cittadino che si è dichiarato sostenitore delle edicole e che, nonostante il raggiungimento della soglia prefissata, non ha fermato le donazioni. E sulla pagina ufficiale della sottoscrizione riporta la volontà di Walter di condividere la generosità di Veneziani (e non) per aiutare conoscenti e amici che, come lui, hanno fatto i conti con la furia degli eventi.

Dopo la terribile notte del 12 novembre, Venezia si è svegliata generosa e solidale, con i suoi residenti uniti per lasciarsi alle spalle i 187 cm di marea, i brutti ricordi e poter al più presto ripartire.

Walter Mutti ha potuto contare anche sul supporto del premier. walter mutti edicola zattere venezia tondo ns
Al tweet di Giuseppe Conte – che annunciava il suo imminente arrivo a Venezia – Walter ha risposto con le foto della sua edicola, staccata dalla fondamenta e trascinata chissà dove. Ed è così che Palazzo Chigi lo ha contattato.

“Il premier mi voleva vedere – continua – ho spiegato che l’indomani sarei stato in Prefettura, di conseguenza l’incontro è stato fissato lì. C’erano anche il Ministro delle Infrastrutture, il Presidente della Regione Zaia e il Prefetto Zappalorto”. Com’è stato l’atteggiamento del premier? “Conte è apparso toccato e molto solidale: ha ascoltato la mia storia e ha ventilato dei rimborsi immediati per tutti i Veneziani che come me sono stati colpiti dalla sciagura. Non si è soffermato sulle cifre, anche perché era in partenza per Roma: l’annuncio dei 5 mila euro ai privati e 20 mila agli esercenti è partito in un secondo momento”.

Per Walter, intanto, il conforto della consapevolezza di poter contare sulla vicinanza di tanti che lo sostengono.

L'edicola delle Zattere portata via dall'acqua: la solidarietà di tutti per riaverla dov'era, com'era

TEMI PIU' RICERCATI IN QUESTE ORE:

➔ Coronavirus: tutti gli aggiornamenti
➔ Mose e Acqua alta a Venezia
➔ Pensioni, le novità
➔ 'Racconti in quarantena': il concorso letterario aperto a tutti
 

⌂ titoli di prima pagina

Please enter your comment!
Please enter your name here