30.1 C
Venezia
lunedì 26 Luglio 2021

Virus cinese, Oms: attenzione all’infodemia. Le false news: curatevi con l’aglio

HomeSaluteVirus cinese, Oms: attenzione all'infodemia. Le false news: curatevi con l'aglio

virus cinese infodemia false news

Virus cinese: oltre alla paura per la malattia, un nuovo pericolo: l’ infodemia.

L’allarme è lanciato dell’ Oms: infodemia, cioè troppe informazioni che arrivano alla gente, e spesso sono false notizie sul virus.

Esperti sono al lavoro per questo, costretti a dedicarsi ad un ruolo che individui e risponda alle fake news.

L’epidemia del coronavirus 2019-nCoV è stata infatti finora “accompagnata da una massiccia ‘infodemia’, ovvero un’abbondanza di informazioni, alcune accurate e altre no, che rendono difficile per le persone trovare fonti affidabili quando ne hanno bisogno”.

Queste le parole dell’Organizzazione Mondiale della Sanità (Oms), nel focus del report pubblicato domenica.

L’organizzazione per la salute sottolinea di essere a lavoro “per rintracciare e rispondere a falsi miti e voci” sul virus di Wuhan.

Attraverso la sua sede centrale a Ginevra, i suoi sei uffici regionali e i suoi partner, l’organizzazione delle Nazioni Unite “lavora 24 ore su 24, ogni giorno per identificare le voci più diffuse che possono potenzialmente danneggiare la salute della popolazione, come le false misure di prevenzione e cure”.

Tali ‘falsi miti’, tra cui il fatto che gli antibiotici e alimenti come l’aglio possano essere utili alla cura del virus.

Oppure: anche il mito della possibilità che l’infezione venga trasmessa anche attraverso lettere e pacchi postali provenienti dalla Cina è una falsa credenza.

I dati “vengono quindi confutati con informazioni basate sull’evidenza” e rese disponibili sui canali social (incluso Weibo, Twitter, Facebook, Instagram, LinkedIn, Pinterest) e il sito web dell’Oms.

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Data prima pubblicazione della notizia:

Condividi la notizia, potrebbe interessare agli altri:

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

altre notizie dall'archivio qui sotto
spot
Advertisements
sponsor

Grazie per aver sfogliato la nostra pagina. La tua considerazione è un'attestazione per il nostro lavoro.
Questo giornale è libero e gratuito per tutti dal 2006.
E' gradito ai lettori perché teniamo le pubblicità in modo meno invasivo possibile anche se questo significa rinunciare a introiti.
Come hai potuto vedere, tutte le righe si leggono perfettamente e non ci sono finestre o video che si aprono contro la tua volontà.
Così come garantiamo la qualità dell'informazione pubblicando solo notizie verificate.
Per tutto questo non chiediamo nulla ma se vuoi sostenerci puoi farlo con il 5x1000. Oppure puoi scorrere le altre news e leggere un'altra notizia in modo da darci un punto in più nelle prossime rilevazioni statistiche. Infine, potresti cliccare il "Mi Piace" sul 'Like Page' di Facebook qui sotto.
Grazie e speriamo che tu possa tornare a trovarci presto, in modo da poterti essere ancora utili con il nostro giornale libero e gratuito.