4.2 C
Venezia
domenica 05 Dicembre 2021

Mestrino condannato per violenze sessuali alla bimba di 6 anni

HomeViolenza sessualeMestrino condannato per violenze sessuali alla bimba di 6 anni
la notizia dopo la pubblicità

Venezia. Un abominevole abuso ai danni di una bambina di sei anni.
Le parole, la sentenza e le pene adeguate all’orrore di questo abominevole abuso, le assegnerà la Giustizia a colui che si stenta a chiamare uomo, colui che ha commesso reati di violenza sessuale perpetrati nel corpo e nella mente di una bambina di sei anni che lo chiamava papà. E che le ha distrutto l’infanzia e l’esistenza.

Quell’uomo non era il suo papà, era il compagno della sua mamma, ma lei lo chiamava immeritatamente papà.
Un crimine troppo odioso che si fatica a scrivere e che il pm Giorgio Gava voleva punire con 14 anni di carcere.
“I fatti sono gravissimi anche perché la bambina si fidava di quell’uomo, che lei stessa chiamava papà e perché sono avvenuti proprio all’interno della loro casa”, ha dichiarato il pubblico ministero nella requisitoria finale.
Un reato ignobile e vile, anche considerando che la madre proprio in quei mesi si trovava in un letto di ospedale e aveva affidato i figli al compagno e alla madre.

Ora è tempo di risarcimenti e di giustizia: per il momento l’uomo è stato condannato a 9 anni di reclusione e a un provvisorio risarcimento di 20mila euro alla madre, che aumenterà dopo un’apposita causa civile che determinerà la valenza economica, in rapporto al danno provocato alla bambina e al giudizio che ne conseguirà.

Poi c’è quell’altro danno, che nessun indennizzo può stemperare. Qui c’è il crimine inflitto per un anno, dal 2017 al 2018, da un adulto con cinquant’anni sulle spalle e una compagna incinta in ospedale.
Qui c’è un adulto che violenta la figlia di lei, che lo chiama papà. Qui c’è un uomo che perde la prerogativa di dirsi uomo.
Qui c’è una bambina con il cuore preso a sassate.

Chissà cosa ha provato la madre, quando ha ricevuto le confidenze di sua figlia, le sarà crollato il mondo, ma la forza l’ha subito trovata, come sanno fare le donne quando si deve, per denunciare quell’essere indegno che faceva vedere alla piccola film pedo pornografici per poi costringerla, come ha accusato la Procura, a subire rapporti sessuali.

La bambina, ascoltata con discrezione e con tutte le modalità protette previste in questo caso, con l’aiuto di una psicologa, ha raccontato tutto. E chissà quanto le è costato ricordare.
Non riportiamo i particolari tremendi che pur sono emersi, li lasciamo nella coscienza di ognuno di noi, purtroppo ne sappiamo abbastanza ma non a sufficienza delle violenze che si infliggono ai bambini.
E quando queste accadono fra le pareti di casa, tutto si smarrisce e si stenta a credere che tanto orrore possa esistere dentro e fuori la propria casa.

Sarà interessante sapere se il cinquantenne mestrino avrà il coraggio di ricorrere in appello e con quali motivazioni con quegli odiosi reati in tasca.

sponsor

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Andreina Corso
Cittadina 'storica' di Venezia, si occupa della città e della sua cronaca. Cura gli approfondimenti, è giornalista, insegnante, autrice letteraria, poetessa.

3 persone hanno commentato. La discussione è aperta...

  1. Credo non sfugga a nessuno che non tutti i reati sono uguali e questo è tra quelli che la giustizia interpreta e punisce con maggior rigore. Del resto non si capisce perché bisogna fare di tutta l’erba un fascio. Dove si può e ce lo dice la Costituzione, vale la pena di tentare una riabilitazione. Dove si può va recuperata la dignità delle persone, anche di quelle che hanno sbagliato. Per il bene di tutti. Ripeto, dove si può. Grazie per aver scritto.

  2. C’è qualcosa da dire davanti a queste cose? c’è qualcosa che può salvare quel tipo? qualcosa che può restituire i sogni a quella bambina? La giustizia ha fatto tutto ciò che doveva fare anche se è sicuramente poco rispetto a ciò che ognuno di noi avrebbe voluto per una schifezza come questa.
    Almeno, dovrebbero imporre che chi si macchia di un reato tanto infame sia costretto a portare segni che ne consentano la riconoscibilità per evitare che altri genitori debbano ascolare le parole tanto tristi dei figli vittime di abusi e che altri bambini siano costretti a proferirle.
    Certamente, se accadesse una cosa del genere a mia figlia, in tribunale dopo quel verme ci dovrei andare anch’io e non per ritirare l’assegno risarcitorio.

  3. sì, sì. Tanta rabbia verso questo signore che si è macchiato di un reato gravissimo, però poi non andiamo sotto le carceri a chiedere libertà, amnistia ed indulto per i delinquenti che sono lì rinchiusi. Altrimenti tanta richiesta di giustizia è solo ipocrisia

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

Notizie più seguite dall'archivio

spot_img

Anche la banca diventa bar: 50 ora i locali a Santa Margherita. Di Andreina Corso

Il problema Movida e i suoi affluenti, vien da dire ridendo amaro. Abbiamo ricevuto una bella lettera, lungimirante da Eric, cittadino canadese, che riportiamo qui sotto, per chi non l’avesse ancora letta. “Sono canadese e sono andato due volte in Venezia. Mi...

Venezia salva la motonave “Concordia”, non sarà smantellata

A Venezia nuova vita per la motonave Concordia. Il Consiglio di Amministrazione di Actv S.p.A. ha deliberato di non procedere alla demolizione della motonave Concordia, ormai fuori servizio dalla fine del 2010 ed attualmente classificata come "galleggiante". La decisione è stata presa a...

Legge n. 104, cosa si può e non si può fare. Quali sono le sanzioni in caso di abusi?

Molti lettori si saranno posti il seguente problema: se usufruisco di giorni di permesso retribuito per assistere un familiare con handicap, devo occuparmi di quest’ultimo in quel periodo a «tempo pieno», solo durante il normale orario di lavoro, oppure posso comunque utilizzare quei giorni anche per riposarmi e dedicarmi ad altre attività? Quali sono gli abusi? Quali sanzioni rischio?

Chiede di indossare la mascherina: turista picchia marinaio Actv

Il marinaio Actv chiede di indossare la mascherina: preso a pugni. Arriva il capitano: picchiato anche lui. Cattivo segno dei tempi di un turismo asfissiante e stressante a Venezia che sono tali anche per loro, per i turisti. La città, la pandemia,...

I plateatici dei bar di Venezia tornano al loro posto

I plateatici di Venezia torneranno al loro posto originale il 31/12/21 "rientrando" dalle espansioni concesse per compensare il lockdown.

“Alle vetrerie di Murano 3 milioni, anche ai furbetti, quelli che evadono milioni di euro”. Lettere

In riferimento all'articolo: "Fornaci di Murano ‘salvate’ dalla Regione". Lettere al giornale. Io penso che: …ma come, le vetrerie di Murano vengono finanziate con tre milioni di euro, dopo che più di qualcuna, da quanto leggo su quotidiani locali,   è stata “pizzicata” ad...

“Controlli Actv alle 7 del mattino per chi va in ospedale, ma non avete altri?”. Lettera

Controlli Actv in motoscafo: controllori alle 7 del mattino due fermate prima di quella dell'Ospedale. Ma volete dirmi che non avete proprio altri o altro da controllare? Settimana scorsa - purtroppo - mi sono dovuta recare per qualche mattina consecutiva all'Ospedale Civile...

Il Comune contesta la cassettina per i libri gratis, Ticozzi: “Da premiare, non sanzionare”

Il Comune di Venezia contesta al bookcrossing l'occupazione di suolo pubblico. Ticozzi: "iniziativa da premiare non da sanzionare".

Operatori sanitari non vaccinati in Veneto: sono oltre 2.000 ed ora rischiano

Rieccola la Commissione di valutazione che sempre apre la porta e l’ascolto alle ragioni (e ai torti) dei conflitti. Ritorna il problema di chi ancora non si è vaccinato, o non si può o vuole vaccinare, o ha paura, o ha bisogno...

19enne di Pianiga trovato morto a Padova. La disperazione della famiglia. Di Andreina Corso

Un ragazzo muore a 19 anni a Padova, all’interno di un capannone abbandonato poco distante dal Parco delle Mura, frequentato da chi si trova a vivere in strada, a cercare riparo e rifugio per la notte che sembra coprire con una...

Plateatici liberi a Venezia, ma mia madre non riesce più a passare. Lettere

Gran parte della città comprende e approva la delibera comunale che recita ”I pubblici esercizi possono occupare suolo pubblico anche in deroga alle limitazioni poste dalle norme vigenti, con il massimo della semplificazione amministrativa possibile, fino al 31 Luglio”. Ma la...

Marinaio ‘sprezzante’, alterco in motoscafo Actv

E' ormai un quarto alle 8 e alla fermata di San Pietro di Castello non si vede ancora all'orizzonte il motoscafo Actv con direzione Fondamente Nove, quello che porta i dipendenti dell'Ospedale Civile a lavorare (7,39 sul tabellone). "Passano altri cinque, dieci,...