Venezia, trambusto di notte in hotel: litiga con la fidanzata e vuole piantarsi un coltello in pancia

ultima modifica: 13/01/2020 ore 16:18

7611

venezia trambusto notte hotel coltello 080120

Venezia: notte travagliata per il litigio di una coppia di turisti che avrebbe potuto finire nel peggiore dei modi.

Qualche giorno fa, in un importante hotel di Sacca Fisola, alla Giudecca, l’episodio che ha tenuto tutti in piedi fino alle prime luci dell’alba.

La serata sembrava trascorrere tranquilla, come tante altre nell’albergo, quando improvvisamente scoppia un litigio in una camera che, secondo quanto riferito, sarebbe andato avanti per un po’. Inizialmente nulla di strano, ma verso le tre della notte viene chiamata la sicurezza, il personale dell’albergo disponibile in quel momento, persino un’ambulanza.

Il motivo del trambusto non riguardava la lite ma ciò che è accaduto dopo: un giovane turista, ospite dell’albergo, minacciava dei gesti autolesionistici.

Un diciannovenne di origine norvegese, in vacanza a Venezia con la fidanzata, manifestava la volontà di piantarsi un coltello nella pancia al culmine del litigio con l’amata.

E per rendere più credibile la minaccia, aveva reso ancora più preoccupante la paradossale situazione ferendosi davvero.

Il ragazzo si era infatti già procurato dei tagli, sulla pancia e al torace.

Sono stati lunghi minuti di tensione, di urla e preoccupazione nell’abituale silenzioso hotel della Giudecca, fino a quando l’arrivo dell’ambulanza ha portato un po’ di ordine e rigore nell’ambiente.

Ed è così che, dopo aver medicato le ferite sul posto, i sanitari hanno provveduto al trasporto del turista in ospedale, anche con il fine, non meno importante, di permettergli di smaltire gli effetti dell’alcol che aveva bevuto durante la serata.

gp

Riproduzione Riservata.

LEGGI TUTTO

Lascia un commento alla notizia che hai appena letto (nessuna registrazione necessaria)

Please enter your comment!
Please enter your name here