-0.6 C
Venezia
domenica 17 Gennaio 2021

Venezia, sequestra la compagna e le spezza un dito. Due episodi di violenza a donne in centro storico

Home Violenza contro le donne Venezia, sequestra la compagna e le spezza un dito. Due episodi di violenza a donne in centro storico
sponsor

caserma carabinieri san zaccaria femminicidio

sponsor

Venezia, sequestra la compagna e le spezza un dito. Due episodi di violenza contro le donne sono capitati proprio negli ultimi giorni nel centro storico veneziano.
Nell’ambito delle iniziative per la “Giornata Mondiale contro la violenza sulle donne”, prevista per oggi, 25 novembre 2020, il Comando Provinciale Carabinieri di Venezia e le Compagnie di Mestre e San Donà di Piave in collaborazione con “Soroptimist International Club”, in ragione del rapporto di collaborazione instauratosi a seguito della realizzazione delle tre stanze dedicate alle “audizioni delle donne vittime di violenza” (“Una stanza tutta per sé”), stanno illuminando d’arancione la facciata delle rispettive caserme anche quest’anno.
Il progetto, denominato “Orange the World”, nato sotto l’egida delle Nazioni Unite che ha inserito la violenza di genere, che culmina con il femminicidio, tra le più gravi forme di violazione dei diritti umani, vuole sensibilizzare l’opinione pubblica sul tema della violenza contro le donne.
Anche in quest’ultimo anno sono state decine le donne che sono state accolte nelle predette stanze e le cui storie
sono state seguite con particolare attenzione. Tuttavia i fatti collegati al fenomeno sono sempre numerosi ed in alcuni casi hanno raggiunto epiloghi tragici; perciò l’Arma dei Carabinieri invita le donne che vivono una situazione di disagio, sia nel contesto familiare o affettivo ma anche in quello lavorativo, ad avvicinarsi alla Stazione dei Carabinieri sicura di trovare personale pronto ad ascoltare con la dovuta sensibilità la loro condizione di difficoltà e che la accompagnerà durante tutto il percorso.
Purtroppo anche in questi giorni a Venezia i Carabinieri sono intervenuti in due episodi. Nel primo caso, un uomo che rifiutava la fine del fidanzamento ha sequestrato in casa la compagna, spezzandole un dito.

commercial

SEQUESTRA LA COMPAGNA E LE SPEZZA UN DITO
I carabinieri della Compagnia di Venezia hanno denunciato in stato di libertà due cittadini stranieri, di origine tunisina, che, in concorso tra di loro, si sono resi responsabili di lesioni aggravate, sequestro di persona e maltrattamenti in famiglia, in danno di una giovane italiana e di detenzione di sostanza stupefacente con finalità di spaccio. Questo il drammatico quadro raccontato, in sede di denuncia, dalla donna ai carabinieri di San Zaccaria: l’evento, verificatosi proprio alla vigilia della giornata mondiale contro la violenza delle donne, è stato accertato dai militari, che hanno immediatamente avviato le indagini, ricostruendo uno scenario di sevizie e di soprusi all’interno del centro storico della municipalità lagunare che andava avanti da mesi.
La donna, infatti, ha raccontato di intrattenere da tempo una relazione sentimentale con uno dei due stranieri che,

dopo qualche tempo, ha iniziato a mettere in atto maltrattanti nonché, contro la volontà della vittima, a spacciare sostanze stupefacenti all’interno delle calli veneziane con un connazionale, utilizzando l’appartamento della donna come “base logistica”.
Ieri i due denunciati hanno raggiunto il picco più alto della violenza: la donna, stanca dei continui soprusi subiti e delle violenze, aveva deciso di raccontare tutto ai carabinieri ed in quel momento, dopo essere stata picchiata in maniera tanto violenta da provocarne la frattura di un dito della mano, la giovane è stata rinchiusa per l’ennesima volta in casa, per impedirle fisicamente di rivolgersi ai militari per un aiuto.
Riuscita comunque a fuggire dall’abitazione, la donna è stata accolta dai militari di San Zaccaria, che, all’esito della perquisizione effettuata, hanno rinvenuto all’interno della casa diverse dosi di cocaina, già pronte per essere spacciato su piazza, per un valore totale di circa 2.000 euro. La donna è

stata accolta immediatamente in una località protetta.
VENTENNE TREVIGIANO AGGREDISCE LA FIDANZATINA VENEZIANA E L’AMICA MINORENNE
Un altro episodio degli ultimi giorni riguarda un giovane che non accettava la fine della relazione con la sua fidanzata e l’ha aggredita più volte, scagliandosi anche contro l’amica minorenne.
I carabinieri del Nucleo Natanti hanno denunciato, a piede libero, un ventenne residente in provincia di Treviso, avvisato orale di Pubblica Sicurezza e con numerosi precedenti di polizia, il quale, non rassegnandosi alla fine della relazione sentimentale con una ragazza veneziana, ha pensato bene di “convincerla” a ritornare con lui colpendola con calci e pugni e minacciandola più volte in strada. L’uomo, determinato a ricondurre la donna a sé, ha colpito in un’occasione anche l’amica dell’ex fidanzata, una ragazza minorenne, che era intervenuta per difenderla.
Tutto nasce circa 10 giorni fa, quando i carabinieri sono intervenuti a Sant’Elena, a seguito di alcune segnalazioni al “NUE112” per una violenta lite in corso tra un uomo ed una donna. All’arrivo dei militari, oltre all’aggressore, fermato subito sul posto, si identificavano anche l’ex fidanzata e l’amica della stessa, vittima anche lei di violenza. Dopo un’iniziale fase di tentennamento e paura, la donna, tranquillizzata dai carabinieri, ha deciso di raccontare i fatti, facendo emergere una serie di episodi di violenza precedenti che, con le ricostruzioni testimoniali, hanno permesso di appurare un vissuto di violenze e vessazioni che la giovane donna, suo malgrado, ha dovuto subire. Nei giorni successivi, chiariti i contorni della vicenda, per l’uomo, non nuovo ad episodi di violenza, è scattata la denuncia per lesioni, minacce e violenza privata e, in base alla normativa vigente, è stato chiesto ed ottenuto anche il Foglio di Via Obbligatorio per due anni dal comune di Venezia.

I DATI
Incisiva l’attività di contrasto ai fenomeni legati alle violenze di genere svolta dall’Arma dei Carabinieri nella provincia di Venezia nel corso dell’anno. In particolare, sono state arrestate 21 persone in flagranza di reato o in esecuzione di misure cautelari in carcere e deferite all’Autorità Giudiziaria 289 persone, numeri in leggera flessione rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso ma comunque significativi di un fenomeno ancora ben presente.

sponsor

TEMI PIU' RICERCATI

sponsor

Vuoi lasciare un commento? Nessuna registrazione necessaria

Please enter your comment!
Please enter your name here

sponsor

Altri titoli

La morte di Daiana, 28 anni, mentre cammina in Strada Nova, sconvolge Venezia

La morte di Daiana, 28 anni, ha sconvolto la città. Già quando si riferiva di un improvviso malore per la giovane donna, mentre si...

Ospedale Civile: dimessa dal pronto soccorso va a casa a piedi e muore

Ospedale Civile di Civile ancora nelle prime pagine oggi. Una donna, visitata e dimessa dal pronto soccorso, è tornata a casa (con grande fatica) camminando...

Un Campagnolo a Venezia: la venezianità vista da un Millennial boy. Lettere

UN CAMPAGNOLO A VENEZIA: la venezianità vista da un Millennial boy Fin dai primi giorni di scuola superiore nel centro storico veneziano, il biglietto da...

Via libera alle crociere. Così il nuovo Dpcm in arrivo. Ultima ora

Via libera alle crociere. Così il nuovo Dpcm in arrivo domani. La norma è contenuta nella bozza del nuovo Dpcm. Via libera a crociere navi italiane. Le...

Accumulatore scomparso, lo trovano morto sotto metri di abbigliamento

Accumulatore scomparso da giorni, i pompieri lo trovano morto sotto alcuni metri di abbigliamento. Oggi pomeriggio, venerdì 15 gennaio 2021, i vigili del fuoco sono...

È morta Gina Smerghetto, la mamma del falconiere Ivan Busso

È morta ieri, venerdì 15 gennaio, Gina Smerghetto di 65 anni. È scomparsa poco prima della celebrazione del funerale del figlio Ivan Busso, il...
commercial

Il virus torna a scuola: classi che riprendono subito fermate (due a Venezia)

La scuola è ripartita ma nella provincia di Venezia ben otto classi sono state fermate dopo la pausa natalizia. Sono quelle in cui ha...

Coronavirus Venezia, quasi 10% di ricoveri in più in 3 giorni a Venezia e Mestre

Coronavirus Venezia e provincia che è ormai diventato come tirare i dadi ogni giorno. Al trend segnalato ieri con un leggero rallentamento dei numeri,...

È morto Ivone Pitteri della Taverna Brenta di Oriago

È scomparso ieri, domenica 10 gennaio, il titolare della Taverna Brenta di Oriago di Mira, Ivone Pitteri, a 60 anni. Era conosciuto e stimato....

Venezia surreale per il covid. La basilica di San Marco diventa “faro”

Di Giorgia Pradolin E' un meraviglioso set a luci spente Piazza San Marco. Vuota e immersa nel silenzio, tranne l'eco di qualche passo sui masegni,...

Donna dimessa a piedi dal pronto soccorso di notte (poi morta), Lihard: verificare responsabilità

Il Movimento per la difesa della Sanità Pubblica Veneziana è venuto a conoscenza della dolorosa trafila, conclusasi tragicamente, di una signora colta da malore...

Covid martedì in Veneto: numeri pesantissimi. Prima regione d’Italia per nuovi contagi

Covid oggi in Veneto che si apre con un dato molto pesante. Il numero dei morti per Covid-19 in Veneto registra oggi, martedì, 166 decessi...
sponsor

Whatsapp cede dati a Facebook? Fuga di utenti in massa: sospeso tutto per tre mesi

Whatsapp cede i dati a Facebook? Sul punto c'è una gran confusione, dice l'azienda di messaggistica, ma ormai il l'allarme era partito tra i...

Quando finisce il Grande Fratello VIP? La conferma di Signorini

Dopo un primo allungamento all'8 febbraio e le successive voci che parlavano di "finale il 15 febbraio", nell'ultima puntata di GF VIP Party Alfonso...

Dati Covid Veneto oggi in calo. Flor “gela” Crisanti

Dati del Covid in Veneto oggi in calo nel bollettino odierno della Regione del Veneto. I nuovi contagi nelle ultime 24 ore sono 1.715,...

Nuovo Dpcm: altra stretta, ma è scontro con le Regioni

Nuovo Dpcm, in arrivo un'altra stretta. Si andranno a modificare i coefficienti ma il focus sarà anti-movida con un ulteriore stop agli spostamenti. Il nuovo...

Crisanti: “Variante Inglese responsabile in Veneto? Bloccare Regione!”

Andrea Crisanti: "Variante Inglese responsabile in Veneto? Bloccare Regione subito!". Il professore di Microbiologia all'Universita' di Padova "legge" le ultime dichiarazioni del governatore Luca...

Veneto zona arancione, cosa cambia. Cosa si può fare

Veneto zona arancione. Nella spinosa situazione in cui non ha evidentemente voluto entrare il presidente Zaia, ci entrano i provvedimenti nazionali aggiustando l'Rt, sotto...
commercial

Concorso Letterario de “La Voce di Venezia”. Prima edizione: “Racconti in Quarantena”. La classifica

» vota il tuo racconto preferito » vai alla presentazione del concorso » leggi tutti i racconti arrivati

Chi mi ha chiamato? Di chi è questo numero?

Chi mi ha chiamato con questo numero? Ecco le informazioni sul numero comunicate dagli altri utenti...

Coronavirus Venezia, altri 12 morti in un giorno. Ulss 3 Serenissima vaccina più di tutte

Coronavirus Venezia e provincia: numeri dei nuovi contagiati in calo rispetto alla media giornaliera. Un dato che da speranza nonostante la fisiologica diminuzione di...

Emilio Deboschi – allunno dea terza ellementarre. Tema: I miei cari parenti.

(Riceviamo e pubblichiamo). Emilio Deboschi – allunno dea terza ellementarre. Tema: I miei cari parenti. ...

Operazione ‘Onda Lunga’: alberghi e appartamenti a Venezia con traffici dei ‘Permessi di Soggiorno’

Operazione 'Onda Lunga' della Divisione Anticrimine della Questura di Venezia: sequestri per oltre un milione di euro. Nella mattinata di oggi si è infatti svolta...

Baby Gang in tram, Sambo: “Dov’è finito il piano educativo?”. Lettere

Baby Gang in tram. (Riceviamo e pubblichiamo). Ieri è andato in scena l'ennesimo episodio di violenza ad opera di adolescenti. Gli adulti, in particolare quegli adulti che...
sponsor
error: Contenuto coperto da Copyright. Ogni trasgressione verrà perseguita a termini di legge. Questo messaggio costituisce informativa, l\'interessato del plagio non potrà quindi invocare la \"buona fede\" ai sensi di Legge.