3.1 C
Venezia
sabato 04 Dicembre 2021

Venezia, San Zaccaria. La sorpresa all’imbarco: ignoti hanno defecato in vaporetto

HomeVenezia, San Zaccaria. La sorpresa all'imbarco: ignoti hanno defecato in vaporetto
la notizia dopo la pubblicità

Venezia, San Zaccaria. La sorpresa all'imbarco: ignoti hanno defecato in vaporetto

Venezia, il degrado del comportamento delle persone ha toccato livelli mai raggiunti prima. Questa mattina un vaporetto ha attraccato al pontile di San Zaccaria, ma i viaggiatori che sono saliti a bordo hanno trovato una disgustosa sorpresa.
Un passeggero si era appena “liberato” a bordo defecando su un sedile.
Qualcuno tra i presenti recupera un po’ di garbo e copre pietosamente il “prodotto” con uno straccio o una carta. Ma quanto coperto è inconfondibile.

I lettori ci scuseranno per l’immagine e per la storia disgustosa, ma non divulgarla sarebbe sbagliato perchè equivarrebbe a “proteggere” l’autore del gesto invece di indignarsi per la nuova generazione di bifolchi che girano in città.

La proprietà della foto è di Maurizio Icio Vianello che l’ha postata nel popolare gruppo Facebook “Venice Golden Goldon” e noi rimbalziamo la “notizia” a ulteriore testimonianza di degenerazione e degrado degli ultimi tempi.

Non erano ancora completamente sopite, infatti, le polemiche scaturite dopo il fatto nel quale una povera commessa di un negozio di vestiti della zona di Rialto, aveva trovato feci nel camerino usato da tre giovani turiste per provare vestiti. Una del trio, inoltre, aveva usato vestiti nuovi che avevano preso in prova per pulirsi.

E’ inutile invocare presenze più massicce di vigili. Non può esserci una guardia per ogni calle o per ogni vaporetto. L’imbarbarimento però, allo stesso tempo, ha rotto qualsiasi argine, quindi è facile prevedere che tra poco qualcuno arriverà a “farsi giustizia da solo” essendosi ormai consumata qualsiasi misura di tollerabilità.

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Mattia Cagalli
Fin dalla prima ora tra i fondatori di questo Giornale, è giornalista, scrittore e regista cinematografico. Laureato in Scienze della Comunicazione, si occupa anche di calcio e del Verona, sue grandi passioni.

7 persone hanno commentato. La discussione è aperta...

  1. No no impossibile se ne vedono troppo e uno schifo,vedere Venezia ridurre in un mondezzaio io non vado a Roma per non vedere come hanno ridotto la mia città natale e ora mi vedo sotto gli occhi Venezia ,non c’è più rispetto e dignità

    • Grazie della testimonianza Anna.
      Siamo rimasti tutti sconcertati per questa vergogna. In un mondo civile certe cose non dovrebbero accadere, e scoprirle dopo una giornata di duro lavoro lascia ancora più indignati.
      Un saluto.
      La redazione

  2. Mi domando soltanto, con tutta la gente che c’è nei vaporetti in questi giorni, possibile che nessuno abbia visto o odorato?
    Certo che una cosa del genere non l’avevo mai vista!
    Capitava sì in pontone a san Basilio, ma erano barboni che vi dormivano la notte, ora non succede più.
    Ma nei mezzi viaggianti ed affollati è proprio una sgradevole novità!

  3. Subito a difendere i vigili. Chiaro che non possono essere in tutti i vaporetti (anzi, nei mezzi pubblici non devono starci: o vigilanza privata o personale di bordo, per il controllo); ma dov’erano quando un incivile ha urinato all’ingresso della Marciana? Non ci fosse stato il direttore che l’ha rincorso, il trasgressore l’avrebbe fatta franca.

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

Notizie più seguite dall'archivio

spot_img

Fiabe gay per i bambini negli asili e nelle materne: il Comune compra libri contro omofobia

Arrivare ai bambini attraverso le favole per contrastare l’omofobia. Il Comune di Venezia ha dotato asili nido e scuole materne di quarantasei storie per bambini, regolarmente acquistate e distribuite in migliaia di volumi. E' un’iniziativa di Camilla Seibezzi, la delegata del...

Accattoni e abusivi molesti, ora basta: denuncio chi non fa nulla

Ennesimo caso di accattonaggio molesto accorso tra campo san Cassian e Rialto ad opera di clandestini o rifugiati che vengono lasciati liberi di circolare pur essendo ospitati nelle cooperative e nei centri di accoglienza coi noti sussidi pagati dai contribuenti. E'...

Legge n. 104, cosa si può e non si può fare. Quali sono le sanzioni in caso di abusi?

Molti lettori si saranno posti il seguente problema: se usufruisco di giorni di permesso retribuito per assistere un familiare con handicap, devo occuparmi di quest’ultimo in quel periodo a «tempo pieno», solo durante il normale orario di lavoro, oppure posso comunque utilizzare quei giorni anche per riposarmi e dedicarmi ad altre attività? Quali sono gli abusi? Quali sanzioni rischio?

Malattia durante le ferie del lavoratore dipendente. Che fare?

Innanzitutto, ringrazio la Voce di Venezia per avermi concesso questa rubrica in materia di diritto del lavoro. Sovente i media menzionano parole come TFR, licenziamento per giusta causa, parasubordinazione, contratti collettivi e infinite altre, dando per scontato il loro significato. In realtà,...

Rapina in villa sul Terraglio pistole in pugno, minacciata bambina

Rapina odiosa a Mogliano, domenica sera. Sono circa le 19 e 30, quando quattro malviventi con passamontagna in faccia, irrompono nella villa sul Terraglio con le pistole in mano. Immobilizzano il proprietario, il petroliere Giancarlo Miotto di 79 anni, la moglie, e non...

“No al vaccino perché…”. Parla l’infermiere di Rianimazione: “Ecco le mie ragioni”

Troppo spesso si entra nel merito dei giudizi sul perché una percentuale di operatori sanitari rifiuti il vaccino anti-covid (non tutti i vaccini, si badi bene, essi non sono no-vax). Ecco le loro motivazioni espresse da un 'addetto ai lavori'. Gli si deve, quantomeno, l'opportuna libertà di parola, che tutti gli altri dovrebbero quantomeno fronteggiare con disponibilità all'ascolto. Questo significa essere informati.

Il Mose vince: Venezia “asciutta”. Perché la conferma tarda ad arrivare

L'acqua alta a Venezia non è arrivata: la marea ha toccato a Lido 138 cm. ma le paratie del Mose alle 18.40 di lunedì erano già issate

5×1000 alla Voce di Venezia: da 16 anni ti siamo fedeli, ci meritiamo una firma?

5x1000 al nostro giornale: da 15 anni ti siamo fedeli, meritiamo una tua firma? Tu che ci leggi conosci già il nostro lavoro. Sicuramente hai già letto nostri articoli: le ultime notizie più importanti del giorno da leggere già dalle prime ore del...

La Venezia perduta. Addio a Testolini, la cartoleria dei veneziani. Storia e ricordi

Testolini chiude, dal 1911 la cartoleria dei Veneziani. Storia e ricordi di un altro pezzo di Venezia che scompare. Intervista a Stefano Bettio, assieme al fratello Alessandro, ultimi gestori.

Venezia, come si aggirano i divieti. Anziani che fingono stretching, passeggiate di coppia, di gruppo, ecc

Un normale pomeriggio veneziano primaverile, come se il coronavirus non esistesse. È questa la situazione di venerdì 10 aprile incontrata scendendo a piedi da Sant'Elena dove il parco è ancora quasi normalmente frequentato anche da bimbi con genitori. In via Garibaldi,...

A Venezia turisti come prima della pandemia “Necessari trasporti adeguati”

"Venezia è ai livelli pre-pandemia di turisti: biglietterie, bus, pontili, vaporetti pieni, i lavoratori devono tornare a condizioni normali"

5×1000 alla Voce di Venezia: da 16 anni ti siamo fedeli, ci meritiamo una firma?

5x1000 al nostro giornale: da 15 anni ti siamo fedeli, meritiamo una tua firma? Tu che ci leggi conosci già il nostro lavoro. Sicuramente hai già letto nostri articoli: le ultime notizie più importanti del giorno da leggere già dalle prime ore del...