COMMENTA QUESTO FATTO
 

Venezia salvo per retrocessione in C del Palermo... ma non è definitivo

Venezia, che si era guadagnato la fase preliminare della permanenza in Serie B con la gloriosa rimonta sul campo del Carpi passando da uno 0-2 al 3-2, col percorso in discesa oggi? Forse…

Il Palermo viene dichiarato retrocesso d’ufficio in C e a questo punto i Playout non servirebbero più ma… c’è ancora l’appello rosanero. Difficile immaginare che un presidente come Zamparini accettasse la decisione così passivamente.

Il Palermo è stato retrocesso all’ultimo posto dal Tribunale federale per illecito amministrativo plurimo e spedito d’ufficio in terza serie.
La decisione è esecutiva ma in attesa del ricorso in secondo grado di giudizio.

Il Venezia è oggi virtualmente salvo senza passare attraverso gli spareggi salvezza. Il presidente Joe Tacopina — che accoglie la notizia con favore a livello personale, naturalmente, – parla dell’unica logica certa: se ci sono regole esse vanno rispettate. Un principio su cui insiste dall’inizio e che prevede che chiunque commetta degli illeciti debba pagarne le conseguenze.

Playoff e situazione retrocessioni, a questo punto, sono in una situazione piuttosto confusa: non ci saranno i temuti rinvii ma sono stati aboliti i playout, pertanto la retrocessione del Palermo (sub judice) a scivolare in C saranno i rosanero (ultimi), Carpi (penultimo), Padova (terzultimo) e Foggia (quartultimo).

Il Foggia però ora andrà in udienza al Coni per chiedere la restituzione di uno o due punti rispetto ai sei di penalizzazione. Nel caso di successo di quella spedizione il Venezia sarebbe comunque salvo per la classifica avulsa.

L’appello del Palermo in sospeso è l’ultimo aggancio a cui rimanere appesi con chiudere questa sofferta stagione.

Riproduzione Riservata.

 

Lascia un commento alla notizia che hai appena letto (nessuna registrazione necessaria)

Please enter your comment!
Please enter your name here