2.4 C
Venezia
martedì 30 Novembre 2021

Venezia o Mestre? Una diatriba fuori campo su Facebook per l’ M9

HomeMestre e terrafermaVenezia o Mestre? Una diatriba fuori campo su Facebook per l' M9
la notizia dopo la pubblicità

Frasi su Fabook, calciatore marocchino in Procura

Nomen omen è una locuzione latina che significa il nome del presagio, del destino, o meglio, il destino del nome. Così la pensavano i Romani e il concetto si è tramandato fino a farci pensare per secoli, ad esempio, che chiamarsi Libero significasse sentirsi, essere per sempre liberi.

Chissà se sono stati influenzati anche da quest’antico enunciato il Gruppo Facebook “M9 Mestre”, che ha creato uno scatenamento indignato nel constatare che Mestre è stato sostituito con Venezia. Una valanga di commenti ha invaso la polemica che sembra rivelare un problema, un conflitto non risolto, fra la città di terra e quella d‘acqua che trova accenti significativi nell’ipotesi e nelle divergenze di una separazione amministrativa del Comune.

Nell’ordine: il cambio di dicitura sembra aver offeso i sostenitori dell’identità mestrina che non accettano di veder apparire il nome Venezia “dappertutto”, ricordando che M9 è l’espressione della nascita del Museo del ‘900 per Mestre, a Mestre e di Mestre, come ha commentato l’architetto Filippo Caprioglio, che con orgoglio rivendica la matrice originaria, che a suo giudizio, non può essere sempre prevaricata dall’altra, sorellastra e più famosa, veneziana.

Si potrebbe dire che il Comune è uno solo e che è il Comune di Venezia. Ma la spiegazione nominalistica (ancora nomen omen), non basta a spiegare una diatriba che certamente assurge da ragioni ‘lontane’ nel tempo il suo malessere e lo dicono i tanti commenti posti sulla pagina social del Museo della Fondazione di Venezia, di chi non ha gradito la sostituzione di Mestre con Venezia e che rivendica il diritto di Mestre alla fierezza “nominata” delle sue iniziative. L’apertura del museo, all’ex convento Santa Maria delle Grazie un polo contrassegnato da alta tecnologia, è prevista per il primo dicembre 2018: sono stati investiti 110 milioni di euro per i lavori del convento e del previsto spazio commerciale, al fine di rilanciare Mestre.

Qualche critica sul progetto è emersa dal mondo artistico e culturale veneziano, che ha individuato una preminenza dell’offerta commerciale, sulla valorizzazione del Museo, cui è spettato un ruolo subordinato e non esauriente rispetto la documentazione e le testimonianze degli artisti del ‘900.

Getta acqua sul fuoco delle polemiche nominali, l’amministratore delegato di Valerio Zingarelli di Polymnia Venezia, – società della Fondazione di Venezia, asserendo che M9 significa Mestre (Museo, Multimediale, Mostre) e forse la moltiplicazione delle M nell’immaginario e nella completezza, dovrebbe calmare gli animi per questa smart city che si estende a tutta l’Area Metropolitana di Venezia.
Il presidente della Municipalità di Marghera Gianfranco Bettin invita al superamento delle polemiche e suggerisce di orientare il giudizio sul valore, sull’importanza della nascita di un grande museo che accomunerà la città d’acqua e di pietra.

Andreina Corso

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Andreina Corso
Cittadina 'storica' di Venezia, si occupa della città e della sua cronaca. Cura gli approfondimenti, è giornalista, insegnante, autrice letteraria, poetessa.

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

Notizie più seguite dall'archivio

spot_img

Bentornati turisti a Venezia. Tutti contenti ora. Lettere al giornale

Bentornati turisti. Mercoledì. Motoscafo 4.2 che alle 17.20 imbarca al pontile di San Pietro in direzione Fondamente Nuove. Primi posti, rigorosamente quelli riservati agli invalidi, una coppia nonostante tutta la cabina sia per metà libera. Evidente che sui quei posti c’è più spazio per...

Storia di un albero. Oggi abbattuto in funzione di chissà quali esigenze, San Basilio è meno bella ora

"È stato un uomo, più di settant’anni fa a impiantare quel pioppo su quell’angolo di San Basilio. Quell’uomo era mio padre. Mia madre diceva a noi figlie, quello è l’albero che ha fatto nascere vostro padre e noi ai nostri figli, quello è l’albero che ha impiantato il nonno e i figli ai loro figli, quello è l’albero del bisnonno..."

Fiabe gay per i bambini negli asili e nelle materne: il Comune compra libri contro omofobia

Arrivare ai bambini attraverso le favole per contrastare l’omofobia. Il Comune di Venezia ha dotato asili nido e scuole materne di quarantasei storie per bambini, regolarmente acquistate e distribuite in migliaia di volumi. E' un’iniziativa di Camilla Seibezzi, la delegata del...

Plateatici liberi a Venezia, ma mia madre non riesce più a passare. Lettere

Gran parte della città comprende e approva la delibera comunale che recita ”I pubblici esercizi possono occupare suolo pubblico anche in deroga alle limitazioni poste dalle norme vigenti, con il massimo della semplificazione amministrativa possibile, fino al 31 Luglio”. Ma la...

Le colpe dei veneziani e dei ‘venezianassi’. Lettere

In merito alla "lettera al giornale":  “Venezia è destinata a diventare un museo, fatevene una ragione”

Storia di un albero. Oggi abbattuto in funzione di chissà quali esigenze, San Basilio è meno bella ora

"È stato un uomo, più di settant’anni fa a impiantare quel pioppo su quell’angolo di San Basilio. Quell’uomo era mio padre. Mia madre diceva a noi figlie, quello è l’albero che ha fatto nascere vostro padre e noi ai nostri figli, quello è l’albero che ha impiantato il nonno e i figli ai loro figli, quello è l’albero del bisnonno..."

Caro capitano Actv ti ringrazio. Lettere al giornale

Caro capitano Actv ti ringrazio. Sono quello che aspettava la corsa del 4.1 al pontile dei Giardini ieri, venerdì mattina alle 7.27. Non è colpa mia se sono una persona anziana. Ho lavorato tutta una vita e adesso ho bisogno di usufruire dei...

“Frecce tricolori su Venezia: io non le gradisco e il mio cane ha paura”. Lettere al giornale

Gentile cronista, la prego di pubblicare quanto segue. Le Frecce Tricolori a Venezia oggi (venerdì 28 maggio, ndr) sono passate ripetutamente con sorvoli verosimilmente bassi, tanto che mi tremavano i vetri della casa. Avevo letto che la loro esibizione è domani (sabato 29...

Cinema Santa Margherita: avevamo i pantaloni corti

La Venezia che era. Quella in cui siamo nati e cresciuti. Per molti l'unica vera, intesa come città. La foto risale agli anni 50-60. A quei tempi la città era ricca di sale cinematografiche che attiravano sempre un grande pubblico soprattutto nei...

Donne sputano la comunione, altre sputano sul Cristo. Nelle chiese si moltiplicano le profanazioni

Oltraggi e profanazioni nelle chiese veneziane pare siano molto più frequenti di quanto si immagini. Altri episodi che, seppur meno gravi, testimoniano della situazione che si vive nelle chiese del centro storico veneziano, affollate da fedeli ma anche da turisti.

“Limitare il turismo per una ristretta parte di residenti di Venezia? Follia”. Lettere

"L'unica ricchezza per Venezia è il turismo e un turismo molto sostenuto è l'unico che può dare delle entrate a tutti".

Musei Civici Veneziani, grave attacco a lavoratrici e lavoratori

Nei Musei Civici Veneziani si aggrava l’attacco alle lavoratrici e ai lavoratori dei servizi in appalto, con l’annuncio delle cooperative Coopculture e Socio Culturale della disdetta dei contratti integrativi aziendali. Ancora una volta l'unica strategia che le aziende intendono attuare è quella...