mercoledì 19 Gennaio 2022
8.5 C
Venezia

Venezia, buona la raccolta differenziata nonostante il coronavirus

HomeVeritasVenezia, buona la raccolta differenziata nonostante il coronavirus

Rivoluzione Veritas a Venezia: parte raccolta rifiuti porta a porta a Dorsoduro
Venezia, buona raccolta differenziata nonostante il coronavirus.

Veneziani educati anche durante l’emergenza. Nonostante il periodo difficile e la chiusura della attività produttive e commerciali causato dal Covid-19, nel primo quadrimestre di quest’anno la raccolta differenziata è arrivata nel territorio di Veritas al 73,04%, +3% rispetto alla media del 2019. Nel solo mese di aprile il la percentuale è stata ancora migliore (74,21%).

Un ottimo risultato, al quale fa però da contraltare un deciso (e ovvio) calo della produzione di rifiuti: 30.181 tonnellate contro le 40.772 (-25,9%) raccolte nel territorio dove opera Veritas.

Il tutto, fanno sapere dalla municipalizzata, senza utilizzare la discarica – la forma di smaltimento dei rifiuti purtroppo più diffusa in Italia – che nel nostro territorio è limitata al 3% del totale, ovvero a scarti di lavorazione e a materiali che non possono essere riciclati o trasformati in css, cioè il combustibile solido secondario prodotto da Veritas a Fusina dal trattamento del rifiuto secco residuo.

E’ una delle notizie che saranno contenute nella lettera che il presidente di Veritas, Vladimiro Agostini, scriverà al presidente della Regione del Veneto, Luca Zaia, per ribadire la funzionalità del sistema di trattamento dei rifiuti, che prevede alte percentuali di raccolta differenziata (l’anno scorso, per la terza volta consecutiva, Ispra ha riconosciuto Venezia come prima Città metropolitana e primo grande Comune per differenziata), uso della discarica vicino a zero e trasformazione del rifiuto secco in css (combustibile solido secondario).

Fino a pochi anni fa il css era utilizzato, insieme al carbone, nella centrale Enel Palladio per produrre energia elettrica, in virtù di un accordo di programma all’avanguardia sottoscritto da Ministero dell’Ambiente, Regione, Provincia e Comune di Venezia ed Enel, che ha permesso “di avviare una delle esperienze più all’avanguardia d’Europa – spiegano da Veritas – in campo ambientale”.

Ora però Enel ha deciso di riconvertire l’impianto a carbone e da tempo non utilizza più il css di Veritas.

“Per questo le circa 60.000 tonnellate di css – scrivono da veritas – prodotte dal trattamento delle 155.000 di rifiuti secco residuo raccolte esclusivamente nel nostro territorio sono attualmente portate in un impianto in Lombardia, con aumento dei costi di smaltimento (che ricadono e ricadranno sulle bollette dei cittadini), dell’inquinamento e del traffico causato dai camion che vanno e vengono dalla Lombardia”.

“60.000 tonnellate di css rappresentano l’11% del totale delle 530.000 tonnellate di rifiuti raccolte in un anno nel nostro territorio. La grandissima parte (74%) viene riciclata, quasi nulla (3%) finisce in discarica, il resto viene trattato, perde acqua, vengono ulteriormente recuperati tutti i materiali che possono ancora essere riciclati e diventa css (quindi energia), chiudendo così il cerchio dell’economia circolare”.

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

Notizie più seguite dall'archivio

pubblicità

Venezia, come si aggirano i divieti. Anziani che fingono stretching, passeggiate di coppia, di gruppo, ecc

Un normale pomeriggio veneziano primaverile, come se il coronavirus non esistesse. È questa la situazione di venerdì 10 aprile incontrata scendendo a piedi da Sant'Elena dove il parco è ancora quasi normalmente frequentato anche da bimbi con genitori. In via Garibaldi,...

“Mi sono trovata visitatori alle spalle in casa mia! Io grido e loro: ‘Ma non è tutto Biennale?’ “

L'articolo che avete pubblicato ieri sui turisti per la Biennale alla Celestia contiene un grande fondo di verità. Dopo averlo letto mi sono decisa a scrivervi per raccontarvi un fatto che mi è appena accaduto. Abito in una laterale di via Garibaldi,...

Santa Margherita (Venezia) e degrado: i residenti reagiscono

Degrado notturno in Campo santa Margherita: i residenti reagiscono. La pandemia l’aveva rimossa quella sgradevolezza di sapere e vedere un campo vivo, abitato dai residenti, amato per la sua solarità conviviale, trasformarsi nella notte in un deposito di rifiuti, di bottiglie e...

Sciopero Actv a Venezia: la gente “assalta” il motoscafo che fa finecorsa [video]

Qualcuno a bordo già lo sospettava: quel motoscafo era "anonimo", cioè senza cartello di linea. In più, ad ogni fermata precedente (Tre Archi, Madonna dell'Orto, ecc..), il marinaio ripeteva diligentemente "Solo Fondamente Nove", quindi assomigliava in tutto e per tutto ad...

Green Pass obbligatorio: quali sono le regole

Green Pass obbligatorio, la guida: tutte le regole. Dove non si entra senza, come procurarselo, quanto dura, ecc...

Elezioni scolastiche: “Far votare solo con chi ha Green Pass è discriminatorio!”. Lettere

Ci sono cittadini di serie a e di serie z... e poi ci sono i fedelissimi esecutori, che oggi come nel '36 eseguono ordini come autentiche macchinette da regime... ma che poi si pentono amaramente come nel '45. Inutile dire che ...

“Vaporetto da Lido: 7,50 euro e ammassati come animali”

Riceviamo e pubblichiamo. La lettrice prende spunto da una segnalazione precedentemente ricevuta in cui si dice: "Centinaia di persone costrette a stiparsi all’interno di un imbarcadero chiuso nell’attesa di un vaporetto che passa ogni 30 minuti. È stato ridotto il numero di...

“Anziani trattati come mentecatti all’aeroporto di Tessera”. Lettere

Buonasera, la presente per segnalare un fatto increscioso e poco carino accaduto ai miei genitori di 74 anni con una patologia grave di diabete che lo ha portato alla cecità di un occhio e a mia madre di 68 anni anche...

“Si parla tanto di spopolamento di Venezia, ma la città perde meno abitanti di prima”. Lettere

In riposta alla lettera: "Le colpe dei veneziani e dei 'venezianassi' ". Vedo, purtroppo, che ancora una volta si punta il dito contro questo mostro delle locazioni turistiche senza mai vedere tutto l’insieme. Chiedo al prof. Mozzatto che faccia meglio i compiti prima...

“Alcune malattie non hanno cure dopo 40 anni, il vaccino lo hanno fatto in pochi mesi: è un miracolo”. Lettere

E' convinzione che i miracoli siano spettanza religiosa: falso! Nell'ultimo anno e mezzo è accaduto un miracolo "laico" che ha dell'incredibile. Dopo 40 anni di ricerca, nessun vaccino contro l'HIV; nessun vaccino perpetuo contro la banale influenza; nessun trattamento farmaceutico valido...

Donna morta dopo 4 vaccini, figli: “A noi chiesto niente”, l’ospedale: “C’è il consenso informato”

La signora aveva fatto un ictus a marzo, dopo la prima coppia di vaccini. Ne avrebbe poi ricevuto altri due secondo la denuncia dei figli.

Rottweiler libero in spiaggia azzanna una donna, paura a Jesolo

Il rottweiler ha attaccato e affondato i denti al polso della malcapitata che cercava proprio in questo modo di "parare il colpo".