Venezia, anche i libri fanno la quarantena dopo i prestiti. Biblioteche aperte da domani senza sala lettura

ultimo aggiornamento: 19/05/2020 ore 14:14

278

'Corpi' antologia dei partecipanti al corso di scrittura creativa

Venezia, anche i libri fanno la quarantena dopo i prestiti. Da domani riaprono tutte le biblioteche di pubblica lettura del Comune di Venezia per i servizi di prestito.

La Rete Biblioteche Venezia riaccende tutte le luci e spolvera gli scaffali per tornare ad essere fruibile dagli utenti, se pur per il momento senza sale lettura.


Dopo la Vez, Marghera, Lido e le due biblioteche per bambini Vez e Bettini Junior che hanno riaperto i battenti venerdì 8 e lunedì 18 maggio, da domani, mercoledì 20 maggio, riaprono tutte le altre biblioteche di pubblica lettura del Comune di Venezia (ad eccezione di Forte Marghera e di Gazzera in quanto sia il forte che la scuola sono ancora chiusi al pubblico): Giudecca, San Tomà, Castello, Murano, Burano, Pellestrina, Pedagogica, Bissuola, Favaro, Zelarino.

Le biblioteche riapriranno per fornire informazioni, ad esempio per il prestito dei libri (sono oltre 400 mila i titoli disponibili) che andranno prenotati via mail o su richiesta specifica allo sportello e per restituzione di prestiti.

Non sarà invece consentito l’accesso alle sale per leggere e studiare seduti al tavolo.


Le aperture delle biblioteche sono state decise dall’amministrazione comunale dopo l’ordinanza della Regione Veneto, che ha previsto le riaperture anche di questi luoghi della cultura, dopo aver stabilito un protocollo per la gestione del servizio che prevede una quarantena di 14 giorni per i libri di ritorno dal prestito.

“Una gran bella notizia per i tantissimi lettori delle biblioteche della città – ha affermato l’assessore alla Coesione Sociale Simone Venturini – e un’altra promessa mantenuta. Ma soprattutto un altro importante segnale di graduale e prudente ritorno ad una normalità di cui abbiamo tutti bisogno”

Per la messa in totale sicurezza degli ambienti si è proceduto inoltre all’installazione di pannelli in plexiglas sui desk all’ingresso delle biblioteche, è stata eseguita la sanificazione dei locali e agli operatori sono stati forniti dispositivi di protezione individuale.

Rimane fondamentale la collaborazione ed il senso di responsabilità da parte di tutti, nell’indossare la mascherina, igienizzare le mani e/o indossare i guanti, stare ordinatamente in coda mantenendo la distanza di almeno un metro dalle altre persone ed evitare assembramenti.

Per ogni ulteriore informazione e per gli orari di apertura delle singole biblioteche è possibile consultare le pagine web della Rete Biblioteche Venezia.

TEMI PIU' RICERCATI IN QUESTE ORE:

➔ Coronavirus: tutti gli aggiornamenti
➔ Mose e Acqua alta a Venezia
➔ Pensioni, le novità
➔ 'Racconti in quarantena': il concorso letterario aperto a tutti
 

⌂ titoli di prima pagina

Please enter your comment!
Please enter your name here