Venezia, bassa marea dopo l’incubo dell’alta. Difficoltà per ambulanze e pompieri

ultima modifica: 10/01/2020 ore 14:25

2978

venezia bassa mare 090120

Venezia e la bassa marea ora. Povera la nostra città oppressa dagli elementi della natura. Dopo l’autunno-horror 2019 dell’acqua alta, arrivano ora le basse maree a ostacolare la navigazione, soprattutto nei canali interni.

La marea oggi ha toccato un -50 centimetri e una ‘secca’ di questo tipo comporta grandi difficoltà in alcuni rii, soprattutto pensando ai servizi di emergenza.

Venezia purtroppo convive con queste criticità, basti pensare che questo periodo è detto delle ‘secche della Befana’.

Tuttavia, il livello di -50 centimetri sul medio mare significa navigazione vietata in alcune zone.

Nessuna difficoltà per il trasporto pubblico che segue i canali maggiori, ma per chi si muove nei rii interni, come gondole o, peggio, ambulanze, i problemi ci sono. Anche e soprattutto per il pericolo di ‘toccare’ qualcosa sul fondo che comprometta l’elica del mezzo.

Negli ultimi tempi molti canali sono stati ripristinati con il metodo a umido (ovvero con dragaggi) e non con il più efficace sistema ‘a secco’, chiudendo i canali per asportare i fanghi e sistemare le rive.

La mancanza di fondi non lo permetterebbe più e sono state fatte altre scelte.

Secondo fonti del’amministrazione comunale le zone maggiormente interessate dall’acqua bassa sono i sestieri di San Polo e Santa Croce con qualche problema per i servizi di emergenza come il passaggio delle idroambulanze e dei vigili del fuoco.

Di minime notevoli recenti il Centro maree ricorda la sequenza dal 16 al 19 febbraio del 2008 con in serie: -60, -75, -83 e -71.

Più recentemente, invece, un -66 è stato registrato il 29 dicembre 2016 e il -66 del 30 gennaio 2018.

(foto da archivio)

Riproduzione Riservata.

LEGGI TUTTO

Una persona ha commentato

Lascia un commento alla notizia che hai appena letto (nessuna registrazione necessaria)

Please enter your comment!
Please enter your name here