giovedì 27 Gennaio 2022
1.6 C
Venezia

Uomo Vitruviano di Leonardo Da Vinci, Italia Nostra: prestito Venezia – Parigi in palese violazioni delle leggi

HomeLa ProtestaUomo Vitruviano di Leonardo Da Vinci, Italia Nostra: prestito Venezia - Parigi in palese violazioni delle leggi

uomo vitruviano leonardo gallerie venezia light

L’accordo sottoscritto oggi a Parigi dai Ministri della Cultura di Italia e Francia – per uno scambio di opere d’arte nell’ambito di mostre temporanee – senza dubbio accrescerà il prestigio personale del ministro pro tempore Francheschini, tuttavia costituisce un atto politico e amministrativo illegittimo. Riguarda infatti anche il contestatissimo prestito dell’Uomo Vitruviano di Leonardo Da Vinci, conservato presso le Gallerie dell’Accademia di Venezia.

Ai sensi dell’art. 66, comma 2, del Codice dei beni culturali, non possono uscire dal territorio della Repubblica «i beni che costituiscono il fondo principale di una determinata ed organica sezione di un museo, pinacoteca, galleria, archivio o biblioteca o di una collezione artistica o bibliografica». E l’Uomo Vitruviano appartiene al fondo principale delle Gallerie dell’Accademia in base all’identificazione fatta con nota del 23 ottobre 2018 (Prot. 2470) dell’ex Direttrice del Museo Paola Marini.

Sempre in base all’art. 66, comma 2, del Codice dei beni culturali non possono uscire dal territorio della Repubblica «i beni suscettibili di subire danni nel trasporto o nella permanenza in condizioni ambientali sfavorevoli».

Nei mesi scorsi l’Uomo Vitruviano è stato esposto nella mostra “Leonardo da Vinci. L’uomo modello del mondo” alle Gallerie dell’Accademia. Il funzionario responsabile del Gabinetto Disegni e Stampe delle Gallerie dell’Accademia a tal riguardo scrive: «L’ipotesi di mostrare il foglio nell’autunno prossimo dello stesso anno al Louvre, quindi in un arco temporale brevissimo, contravvenendo alle norme tecniche e conservative illustrate sopra, sottopone il disegno a un rischio elevato ed eccessivo non giustificabile e sostenibile per un’opera di tale rilevanza. Per compensare la doppia esposizione, le Gallerie dell’Accademia si vedrebbero costrette a non rendere visibile il disegno per molti anni, con grave pregiudizio per le proprie collezioni».

Sembrerebbe inoltre (ma effettueremo l’accesso agli atti) che ad oggi non vi sia il parere obbligatorio della Direzione generale Musei come prescrive l’art. 35 del DPCM n. 76/2016 e nemmeno una richiesta da parte della Repubblica francese! Ricordiamo che l’art. 48, comma 2, del Codice dei beni culturali stabilisce che «Qualora l’autorizzazione abbia ad oggetto beni appartenenti allo Stato o sottoposti a tutela statale, la richiesta è presentata al Ministero almeno quattro mesi prima dell’inizio della manifestazione».

In ogni caso, alla procedura non è applicabile l’art. 67 del Codice dei beni culturali (accordi culturali con istituzioni museali straniere), poiché tale articolo non concerne i beni identitari dell’art. 66.

Stanti tutte queste palesi violazioni di legge, Italia Nostra valuta la possibilità di un ricorso al Tar Veneto affinché, sancendone l’illegittimità, venga annullato il provvedimento di autorizzazione del prestito alla Repubblica francese dell’Uomo Vitruviano, e affinché venga emesso immediatamente un Decreto inaudita altera parte di sospensione dell’uscita dal territorio nazionale dell’opera d’arte.

Italia Nostra considera anche l’eventualità di un esposto alla Procura regionale della Corte dei Conti contro il dott. Manieri Elia, Direttore delle Gallerie dell’Accademia, per danno erariale conseguente al mancato introito da bigliettazione per omessa esposizione dell’Uomo Vitruviano alle Gallerie dell’Accademia nei prossimi dieci anni (periodo un cui dovrà permanere al buio del caveau in conseguenza della doppia esposizione a Venezia e a Parigi) e per i danni che dovesse subire durante il trasporto.

Il consiglio direttivo della
Sezione di Venezia di Italia Nostra

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Redazione
A cura della Redazione di www.lavocedivenezia.it

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Notizie più seguite dall'archivio

pubblicità

Dottoressa di base No Vax sospesa: paese senza medico

La dott.ssa è sospesa come medico di base dall'Ulss di Padova privando la comunità di Cervarese Santa Croce della sua assistenza

Salvate Venezia: i vip contro lo sfruttamento selvaggio che uccide la città

Sotto la spinta di Venetian Heritage, benemerita associazione già intervenuta tante volte generosamente per aiutare la salvaguardia, Mick Jagger, Francis Ford Coppola, James Ivory, Wes Anderson, Tilda Swinton, il direttore del Guggenheim Museum Richard Armstrong, l'artista Anish Kapoor scrivono a politici e amministratori.

Escort: quello che i veneziani vogliono. I racconti di Silvia, escort di Venezia

Chi sono i clienti delle escort a Venezia? Lo racconta una delle prime escort in classifica del sito di Escort Advisor, il primo sito di recensioni di escort in Europa. Silvia di Venezia, che esercita la professione nella città lagunare da...

Dottoressa Maria Elena De Bellis sospesa per no al vaccino: 1500 assistiti devono cambiare medico

Dottoressa Maria Elena De Bellis, una professionista stimata alla quale i suoi 1500 assistiti si sono sempre affidati con fiducia. Sarà difficile per i suoi pazienti rinunciare a un rapporto solido e rassicurante, instaurato in un tempo di reciproco affidamento. Eppure quell’ambulatorio...

Le colpe dei veneziani e dei ‘venezianassi’. Lettere

In merito alla "lettera al giornale":  “Venezia è destinata a diventare un museo, fatevene una ragione”

“Alcune malattie non hanno cure dopo 40 anni, il vaccino lo hanno fatto in pochi mesi: è un miracolo”. Lettere

E' convinzione che i miracoli siano spettanza religiosa: falso! Nell'ultimo anno e mezzo è accaduto un miracolo "laico" che ha dell'incredibile. Dopo 40 anni di ricerca, nessun vaccino contro l'HIV; nessun vaccino perpetuo contro la banale influenza; nessun trattamento farmaceutico valido...

A Venezia turisti come prima della pandemia “Necessari trasporti adeguati”

"Venezia è ai livelli pre-pandemia di turisti: biglietterie, bus, pontili, vaporetti pieni, i lavoratori devono tornare a condizioni normali"

Banchi souvenir in Piazza San Marco: più grandi e più ordinati

In arrivo nuove regole per i banchi di souvenir in piazza San Marco: stamani il sopralluogo sul posto  dell'assessore Costalonga. Il Comune è infatti al lavoro per riformare il vecchio regolamento per gli ambulanti del mercato di piazza San Marco, risalente al...

Carnevale di Venezia 2022 “soft”: controlli e niente feste di massa

"Venezia è pronta a ripartire, sarà un Carnevale certamente non di massa, non ci sarà il volo dell'Angelo (il volo dal campanile di San Marco al palco), ma ci saranno tanti controlli. La città ha dimostrato di saper gestire bene la...

Guide turistiche abusive a Venezia: giusto multarle, ma chi vuole essere in regola che possibilità ha?

In questi giorni sono state sanzionate molte guide turistiche abusive a Venezia, ma vediamo anche l’altra faccia della questione: per chi volesse lavorare in regola, dopo una laurea sudata e successivi studi, da anni ormai non ha alcuna possibilità di abilitarsi. Sono...

Tornelli a Venezia nel 2022 perché quest’anno è invasione di turisti

Venezia quest'anno sta subendo una vera e propria invasione di turisti, tornati in massa come e più del 2019, per questo dal 2022 arriveranno i "tornelli". La misura è stata annunciata dal sindaco, assieme alla prenotazione e ad una 'app'....

L’autopsia dovrà chiarire perché è morto a 31 anni: non si è più svegliato dopo il vaccino

Mattia Brugnerotto è morto il giorno dopo l'iniezione. Si era sottoposto a dose unica del vaccino, andato a letto non si è più risvegliato.