20 C
Venezia
mercoledì 28 Luglio 2021

Troppi evasi durante quarantena: Ulss chiama prefetto

HomecontagiTroppi evasi durante quarantena: Ulss chiama prefetto

Troppi evasi durante quarantena. Forse anche per questo i numeri in Veneto non sono buoni come si vorrebbe. E’ comunque un dato di fatto che diverse persone durante la quarantena escono e creano il pericolo di diffondere il virus.
Intanto i dati dei contagi degli ultimi giorni sono “pessimi”, un numero così elevato che non si spiega se non riconoscendo che “molte persone in quarantena sono uscite comunque di casa o non si rendono reperibili, fornendo recapiti telefonici inesistenti”.
Le parole sono quelle del direttore generale dell’azienda sanitaria

Ulss 2 di Treviso, Francesco Benazzi, e sono state pronunciate oggi incontrando oggi la stampa in streaming.
Benazzi ha detto di voler chiedere per questo al prefetto una intensificazione dei controlli. “Abbiamo comunque aggiunto 140 posti letto Covid in più strutture della città e della provincia ed il nostro Rt è stabile a 0,99. Stiamo assumendo tantissime persone – ha concluso Benazzi – ma non riusciamo a trovare specialisti”.
Le preoccupazioni del direttore generale dell’Ulss 2 di Treviso trovano riscontro nei numeri: anche oggi per la nostra regione è stata una giornata pessima.
+3.165 casi e 46 morti in 24 ore indicano un leggero ribasso rispetto a ieri (4.805 nuovi contagi e 90 decessi in Veneto) ma rimangono dati preoccupanti

nello scenario generale, comunque i peggiori d’Italia a livello regionale.
I casi giornalieri di Covid-19 in Veneto si mantengono così oltre i 3.000 contagi quotidiani, ritmo che prosegue dalla metà di novembre.
Stazionaria la situazione dei reparti ospedalieri, con 2.992 ricoverati nelle aree non critiche, 7 in più rispetto a ieri; scende di un posto l’occupazione delle terapie intensive, con 400 pazienti presenti.

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Data prima pubblicazione della notizia:

Condividi la notizia, potrebbe interessare agli altri:

La discussione è aperta: una persona ha già commentato

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

altre notizie dall'archivio qui sotto
spot
Advertisements
sponsor

Grazie per aver sfogliato la nostra pagina. La tua considerazione è un'attestazione per il nostro lavoro.
Questo giornale è libero e gratuito per tutti dal 2006.
E' gradito ai lettori perché teniamo le pubblicità in modo meno invasivo possibile anche se questo significa rinunciare a introiti.
Come hai potuto vedere, tutte le righe si leggono perfettamente e non ci sono finestre o video che si aprono contro la tua volontà.
Così come garantiamo la qualità dell'informazione pubblicando solo notizie verificate.
Per tutto questo non chiediamo nulla ma se vuoi sostenerci puoi farlo con il 5x1000. Oppure puoi scorrere le altre news e leggere un'altra notizia in modo da darci un punto in più nelle prossime rilevazioni statistiche. Infine, potresti cliccare il "Mi Piace" sul 'Like Page' di Facebook qui sotto.
Grazie e speriamo che tu possa tornare a trovarci presto, in modo da poterti essere ancora utili con il nostro giornale libero e gratuito.