24 C
Venezia
domenica 01 Agosto 2021

Tosiani in Regione: “I conti della Sanità Veneta non tornano”

HomeNotizie VenetoTosiani in Regione: "I conti della Sanità Veneta non tornano"

Tosiani in Regione: "I conti della Sanità Veneta non tornano"

Con queste parole i consiglieri regionali tosiani Giovanna Negro, Stefano Casali, Andrea Bassi e Maurizio Conte commentano le notizie a mezzo stampa emerse negli ultimi giorni.

“Una gran confusione – affermano i tosiani – da una parte i conti della sanità veneta non tornano: le spese ingiustificate per le Ulss di 76 milioni che abbiamo letto sui giornali potrebbero far rischiare il posto ai Direttori generali delle aziende sanitarie, dall’altra parte si prospettano disagi di natura contrattuale per il personale ospedaliero (medici e infermieri) a fronte dell’incorporazione e fusione delle varie Ulss secondo quanto previsto dalla nuova Legge (già Pdl 23 “Azienda Zero”) che teoricamente doveva portare forti risparmi economici. E in tutto questo caos, cosa accadrà nei servizi ai cittadini?”

“In questi mesi – proseguono i quattro – ci sono giunte più segnalazioni su malfunzionamenti dei servizi sanitari e ricordiamo ai cittadini che fino al 31 dicembre è attivo il nostro un servizio di monitoraggio sulla qualità dei servizi sanitari: per segnalare eventuali disservizi, malfunzionamenti o inefficienze negli ospedali, i veneti possono scrivere un sms al numero 348 6520662 oppure mandare una mail a: listatosi@consiglioveneto.it. I due canali resteranno attivi fino al 31 dicembre”.

“Con questo servizio – proseguono i quattro – ci mettiamo in contatto con i cittadini e ci facciamo carico delle loro segnalazioni per dare risposte in un clima che, con questa riforma della sanità e con questi “buchi” nel bilancio, non è di certo migliorato, anzi. La fase di assestamento di questa riforma sanitaria non deve significare in alcun modo un peggioramento dei servizi né un disagio per i veneti”.

25/11/2016

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Data prima pubblicazione della notizia:

Condividi la notizia, potrebbe interessare agli altri:

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

altre notizie dall'archivio qui sotto
spot
Advertisements
sponsor

Grazie per aver sfogliato la nostra pagina. La tua considerazione è un'attestazione per il nostro lavoro.
Questo giornale è libero e gratuito per tutti dal 2006.
E' gradito ai lettori perché teniamo le pubblicità in modo meno invasivo possibile anche se questo significa rinunciare a introiti.
Come hai potuto vedere, tutte le righe si leggono perfettamente e non ci sono finestre o video che si aprono contro la tua volontà.
Così come garantiamo la qualità dell'informazione pubblicando solo notizie verificate.
Per tutto questo non chiediamo nulla ma se vuoi sostenerci puoi farlo con il 5x1000. Oppure puoi scorrere le altre news e leggere un'altra notizia in modo da darci un punto in più nelle prossime rilevazioni statistiche. Infine, potresti cliccare il "Mi Piace" sul 'Like Page' di Facebook qui sotto.
Grazie.