domenica 16 Gennaio 2022
2.4 C
Venezia

Tornelli a Venezia nel 2022 perché quest’anno è invasione di turisti

HomeVenezia e i turistiTornelli a Venezia nel 2022 perché quest'anno è invasione di turisti

Venezia quest’anno sta subendo una vera e propria invasione di turisti, tornati in massa come e più del 2019, per questo dal 2022 arriveranno i “tornelli”.
La misura è stata annunciata dal sindaco, assieme alla prenotazione e ad una ‘app’.
L’estate 2021 fa ritornare in massa i turisti a Venezia, assieme alle polemiche per lo ‘stress’ al sistema dei trasporti, dei musei e della viabilità nel centro storico, della vivibilità per i residenti, così torna al centro del dibattito anche la questione del ‘contributo d’accesso’ alla città assieme alla regolamentazione dei flussi attraverso i ‘tornelli’ in alcuni punti nevralgici per la circolazione.

Il prossimo anno dunque – come già annunciato in varie occasioni dagli amministratori – partirà la gestione attiva dei flussi turistici giornalieri, la cui sperimentazione era stata avviata in alcune occasioni come il Carnevale, ma poi frenata dal Covid-19.
Un sistema di varchi elettronici situati nei punti di accesso e un’app che consentirà di prenotare e di pagare il contributo di accesso, comunemente noto come “tassa di sbarco”, previsto dalla Legge di Bilancio per il 2019 ma mai partito.
Dal pagamento saranno esentati i residenti, i pendolari e altre categorie.

I primi tornelli di Venezia potrebbero essere ‘testati’ dai dipendenti del Comune e delle società partecipate nell’isola del Tronchetto, poi alla stazione ferroviaria e a Piazzale Roma.
Il sindaco Luigi Brugnaro lo aveva anticipato l’11 luglio scorso, quando fu presentata la Fondazione per Venezia Capitale mondiale della Sostenibilità.
“Ci saranno dei tornelli come quelli del supermercato – aveva detto – e con una ‘app’ si potrà passare, in base alla disponibilità che si ha. Se uno è un cittadino, avrà sempre la ‘chiave’ del cancello, se uno e’ un ospite ce l’avrà per il periodo in cui e’ ospite. Con il contributo d’accesso possiamo usare la leva finanziaria per dissuadere le persone che non hanno prenotato l’ingresso alla città”.

“Nell’arco di uno, due o tre anni, vedremo come andrà la pandemia, ma Venezia non si fermerà”.
Di fronte ai disagi e alle resse, soprattutto agli imbarcaderi dei vaporetti, che si sono registrati i questi giorni, si sono levate le voci delle opposizioni.
“Dopo sei anni l’amministrazione non ha ancora avviato alcun piano per la gestione e programmazione del turismo – ha dichiarato oggi Monica Sambo, capogruppo comunale del Pd -. Il Comune ha ricevuto innumerevoli risorse statali per la gestione e programmazione del turismo. Basta solo ricordare i 10 milioni del Patto per Venezia. Purtroppo la giunta Brugnaro ha deciso di destinare questi fondi per altre funzioni assolutamente non condivisibili, come ad esempio i milioni di euro dirottati sul Salone nautico”.

Vedi anche:

Dal 2022 per venire a Venezia si dovrà prenotare

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

redazione centrale
A cura della redazione centrale. Per inviare una segnalazione: [email protected]

6 persone hanno commentato. La discussione è aperta...

  1. in giugno Venezia era ancora vuota, in luglio quel poco di turismo portava un poco di gioia alla città. Forse in agosto c’è stata ressa, ma un mese non è tutta l’estate!!!

  2. Ottima la foto usata. Pre virus cinese le code erano quadrate e si notavano meno, c’erano più mezzi in servizio senza limiti di capienza e c’era il servizio Gran Turismo che gestiva molte di queste persone che invece di arrivare individualmente con il proprio mezzo arrivava in gruppo con bus turistici.
    Si potrebbe inoltre spostare in terraferma tutti gli enti, uffici pubblici, tribunali e quant’altro di pubblico.

  3. No, ma quest’anno non ci sono turisti, anzi, solo il weekend, infrasettimana solo colombi e gabbiani, gestiti da una banda di criminali

  4. frequento Venezia e Chioggia con regolarita’ per il mio benessere psicofisico: i tornelli violano gravemente la mia libertà personale! Non ho mai recato danno a Venezia che amo, la costituzione garantisce la mia libertà totale e gratuita di andarci

  5. È contro la costituzione italiana limitare la libera circolazione dei cittadini italiani. Riguardo poi ai residenti veneti, che hanno amicizie nella città e che vedono la citta’ dichiararsi loro capoluogo è anche peggio! È una misura effettuata in modo umanamente indegno! Che affossa i meno abbienti!

  6. Con i tornelli, dovremo dimostrare di essere veneziani, o lavoratori o veneti per entrare in città. Sarebbe il meno. Ci fanno male le cialtronerie di chi si butta in canale come di chi ci governa. I Musei semichiusi, il trasporto pubblico, plateatici diffusi, le polemiche sulle borsette di tela..
    Tutto questo rafforzerà l’idea che a Venice land, dopo aver prenotato, si potrà fare di tutto. Venezia non sarà più una città, ma un parco. La classe dirigente è indifferente, incapace, interessata. Le tre i. Le ricordate? E non da ora la classe dirigente sbaglia. Questa però, sta raschiando il fondo del barile.

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

Notizie più seguite dall'archivio

pubblicità

Separazione Venezia – Mestre, che cosa ne pensate? Sondaggio in tre clic

Separazione Venezia - Mestre sì o no? Referendum sì, referendum no. Importanti autorità cittadine affermano che il momento storico della città lo vede necessario ed ora è opportuno. Il sindaco, Luigi Brugnaro, invita, invece, a non andare a votare per 'invalidarlo'...

Pensioni: cosa vuol dire Quota 102

Pensioni: sembra segnata la strada, e va verso Quota 102. Ma che cos'è "Quota 102" che va a interessare una platea di 50mila persone in 2 anni? Quota 102 (che arriverebbe al posto di Quota 100 che si esaurisce il 31 dicembre) dall'anno...

La Venezia Scomparsa: Molin e il Ponte dei Giocattoli. I ricordi, la chiusura: incontro con Federico, l’ultimo gestore, 12 anni dopo

Il negozio Molin, conosciuto da tutti i veneziani tanto da aver ribattezzato “il Ponte dei Giocattoli”, non rappresentava per me un semplice, piacevole prolungamento del percorso mattutino, ma un vero e proprio luogo dei sogni a due soli passi da casa. La...

Porto off-shore: tempi lunghi e incertezza sulla crocieristica

Le 11 proposte per il concorso di idee del porto Off-shore di Venezia arrivate all’Autorità di Sistema portuale del Mare Adriatico Settentrionale sono state accolte con ottimismo. C’è chi ha letto in questa nutrita partecipazione un inaspettato interesse per Venezia ma in...

A Venezia siamo scortesi? Gravissima protesta di una ragazza arrivata a detestare i veneziani

Venezia ospita fra i 23 e i 25 milioni di visitatori all’anno. A questi vanno sommati i "gitanti giornalieri" (con treno e auto) e poi i circa 3 milioni l'anno di cosiddetti «falsi escursionisti» (chi pur visitando la città pernotta...

Viale San Marco, a Mestre, perde la sua storica pasticceria Corona

La Pasticceria Corona, di Raffaella e Fabio, fino ad oggi a Mestre, in Viale San Marco, si trasferisce a Fossalta di Piave.

La Venezia perduta. Le Suore Imeldine e la scuola a San Canciano che non esistono più

"Era finalmente nata la Scuola Elementare “Imelda Lambertini”, che nei decenni a venire diverrà vero e proprio fulcro dell’intera zona, confermando l’area di San Canciano come una tra le più vive e fornite dell’intero Centro Storico. I suoi bambini dal grembiule colorato allietavano il circondario, generando ricchezza non solo sociale, ma anche economica per ogni attività della zona".

Prende il viagra: la moglie chiama la polizia

Prende il viagra: la moglie chiama la polizia. 82 anni, dopo avere preso la pillolina blu ha tentato di avere un rapporto sessuale con la moglie. Ma la donna, sua coetanea, ha avuto paura "dell'impeto" ed ha chiamato la polizia.  E' inutile descrivere...

Non si è vaccinato: sospeso medico di base di Venezia, Castello

Salvatore Di Prisco, medico di base con ambulatorio a Venezia, nel sestiere di Castello, è stato sospeso dalla professione fino al 31 dicembre dal suo Ordine professionale. Il medico, molto preparato, con 34 anni di anzianità, con specializzazioni in otoiatrica e grande...

Venezia si spopola: contatore ormai a 50mila residenti

Lentamente, i veneziani sono costretti a lasciare la loro città. L’agonia silenziosa degli esiliati in terraferma, inesorabile come una malasorte, è registrata fin dal 2008 su iniziativa di Venessia.com, dalla Farmacia Morelli in campo San Bartolomeo che ha posto in vetrina un...

“Vaporetto da Lido: 7,50 euro e ammassati come animali”

Riceviamo e pubblichiamo. La lettrice prende spunto da una segnalazione precedentemente ricevuta in cui si dice: "Centinaia di persone costrette a stiparsi all’interno di un imbarcadero chiuso nell’attesa di un vaporetto che passa ogni 30 minuti. È stato ridotto il numero di...

“Alcune malattie non hanno cure dopo 40 anni, il vaccino lo hanno fatto in pochi mesi: è un miracolo”. Lettere

E' convinzione che i miracoli siano spettanza religiosa: falso! Nell'ultimo anno e mezzo è accaduto un miracolo "laico" che ha dell'incredibile. Dopo 40 anni di ricerca, nessun vaccino contro l'HIV; nessun vaccino perpetuo contro la banale influenza; nessun trattamento farmaceutico valido...