pubblicità
pubblicità
11.6 C
Venezia
sabato 17 Aprile 2021
HomeMaturitàTest Invalsi, ci siamo: 500mila maturandi alla prova

Test Invalsi, ci siamo: 500mila maturandi alla prova

Test Invalsi a scuola al via anche per elementari e medie.
E’ la prima tappa della maturità: i test Invalsi che partono oggi vertono su Italiano, Matematica e Inglese (lettura e ascolto) nelle quinte superiori.
Sono 500 mila i ragazzi che faranno gli esami di maturità.
I test saranno in presenza e saranno organizzati dalle scuole in autonomia, prevedendo piccoli gruppi di studenti fino al 31 marzo.
Per le prove suppletive per l’ultimo anno delle superiori c’è tempo fino al 21 maggio.
L’esito non sarà vincolante per l’ammissione agli Esami di Stato al via il prossimo 16 giugno, si tratta di una sorta di ‘prova generale’ che offrirà importanti indicazioni anche sulla preparazione che ha saputo offrire la scuola.
“Faccio i migliori auguri agli studenti: a loro dico

che faranno un lavoro interessante per loro stessi ma anche per gli altri – dice Anna Maria Ajello presidente Invalsi: dalle informazioni che arriveranno, avremo un primo dato importante, senza colpevolizzare nessuno per i tanti eventi contrari che ci hanno colpito in questi mesi. Con queste prove avremmo infatti i primi dati attendibili per poter dire cosa è successo e come e dove dovremo recuperare. E’ dunque anche un atto generoso quello di svolgere queste prove, per aiutare a comprendere l’ampiezza del gap di apprendimento”.
In II elementare le prove saranno su carta e inizieranno il 6 maggio.
In V elementare prove cartacee dal 5 maggio.
In terza media le prove saranno al computer e la data di inizio è il 7 aprile.
In II superiore – sempre su pc – le prove inizieranno il 10 maggio.
I test si svolgono tutti in presenza.
“Siamo pronti – dice all’ANSA la presidente Invalsi, Anna Maria Ajello – è stata allargata la finestra per far svolgere le prove, le scuole hanno più tempo e potranno convocare i ragazzi in piccolissimi gruppi o spostare le prove ai prossimi mesi in quelle zone in cui le lezioni non sono in presenza”.

I test Invalsi che partono oggi si scontrano con una difficoltà oggettiva: è stato indetto per la giornata odierna uno sciopero nazionale dall’organizzazione sindacale SISA – Sindacato Indipendente Scuola e Ambiente – riguardante tutto il personale docente e dirigente, di ruolo e precario, in Italia e all’estero, con totale esclusione del personale ATA (amministrativo, tecnico e ausiliario) di ruolo e precario.
La protesta riguarda l’ipotesi di prolungamento del calendario scolastico e chiede l’accelerazione dell’immissione in ruolo dei precari.

(foto da archivio)

Data prima pubblicazione della notizia:

Vuoi lasciare un commento? Nessuna registrazione necessaria

Please enter your comment!
Please enter your name here

notizie della settimana di Venezia dopo la pubblicità
spot
spot
sponsor