7.1 C
Venezia
giovedì 02 Dicembre 2021

Terra e Acqua 2020: auto di candidato danneggiata dal fuoco

HomeMestre e terrafermaTerra e Acqua 2020: auto di candidato danneggiata dal fuoco
la notizia dopo la pubblicità

Terra e Acqua 2020: auto di candidato danneggiata dal fuoco

Brusco risveglio per uno dei candidati consiglieri comunali della squadra Terra e Acqua 2020. Lunedì mattina Nicola Sabatini si è trovato a dover far i conti con la propria vettura danneggiata in seguito ad un incendio. Ad avvisarlo una chiamata da parte dei vigili del fuoco. I pompieri sono intervenuti alle 2.15 della notte.

Ancora da stabilire la matrice, se dolosa o accidentale, sebbene i vigili del fuoco propendano per la prima ipotesi. Quello che invece è evidente è il posizionamento: il fatto è infatti avvenuto davanti alla sede di Terra e Acqua di Corso del popolo 31, a Mestre.

Il Movimento, che corre alle prossime Comunali con Marco Gasparinetti candidato sindaco, ritiene che sia da escludere che si volesse danneggiare proprio la lista.
Le fiamme, divampate in una delle due notti del fine settimana, hanno danneggiato la vettura, ma anche il cassonetto poco distante e un albero.

«Non ho mai litigato con nessuno, non so se sia un attacco perché non ho mai avuto a che fare con questi episodi, né so se solo il calore possa aver sciolto le plastiche dell’auto. Dal faro anteriore in giù tutto è colato, la fiancata è ingiallita e le plastiche sono fuse. All’interno devo ancora fare le valutazioni. Mi disturba molto questo fatto, infastidisce», ha affermato il candidato consigliere comunale.

Quanto accaduto è stato commentato anche da Ottavio Serena, designato assessore alla sicurezza della lista: «Si tratta di un fatto spiacevole, perché il vandalismo non può esser tollerato – esordisce l’ex generale dei carabinieri – L’amministrazione uscente evidenzia tutti i suoi limiti nel proporre temi di sicurezza all’interno della città salvo poi esser smentita dai fatti che si continuano a verificare ultimamente».

Serena ha poi proseguito: «Le forze dell’ordine deputate all’approfondimento facciano il loro lavoro, vadano in fondo alla questione per cercare di capire l’origine del danneggiamento. Se anche fosse “solo” un atto vandalico, è comunque da condannare, una città non può essere ostaggio di questi atti e chi è alla guida deve necessariamente farsene carico».

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Redazione
A cura della Redazione di www.lavocedivenezia.it

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

Notizie più seguite dall'archivio

spot_img

A Venezia siamo scortesi? Gravissima protesta di una ragazza arrivata a detestare i veneziani

Venezia ospita fra i 23 e i 25 milioni di visitatori all’anno. A questi vanno sommati i "gitanti giornalieri" (con treno e auto) e poi i circa 3 milioni l'anno di cosiddetti «falsi escursionisti» (chi pur visitando la città pernotta...

Psoriasi, nuova cura: Secukinumab risulta efficace e può arrivare presto

Psoriasi, c'è una nuova cura: Secukinumab. Finalmente, dopo tante speranze e dopo tanti falsi miti, arriva una buona notizia su una patologia della pelle che riguarda 125 milioni di persone nel mondo. Psoriasi, c'è una nuova cura che promette molto bene e, soprattutto,...

Carabinieri chiudono noto bar-ristorante di Venezia

I Carabinieri del Nucleo Natanti di Venezia, al termine di accertamenti eseguiti con l’ausilio della Compagnia Carabinieri di Venezia, di tecnici dell’Ufficio Salvaguardia del Provveditorato Provinciale alle Opere Pubbliche per il Veneto e della Polizia Locale, hanno posto sotto sequestro...

Psoriasi, nuova cura: Secukinumab risulta efficace e può arrivare presto

Psoriasi, c'è una nuova cura: Secukinumab. Finalmente, dopo tante speranze e dopo tanti falsi miti, arriva una buona notizia su una patologia della pelle che riguarda 125 milioni di persone nel mondo. Psoriasi, c'è una nuova cura che promette molto bene e, soprattutto,...

Salvate Venezia: i vip contro lo sfruttamento selvaggio che uccide la città

Sotto la spinta di Venetian Heritage, benemerita associazione già intervenuta tante volte generosamente per aiutare la salvaguardia, Mick Jagger, Francis Ford Coppola, James Ivory, Wes Anderson, Tilda Swinton, il direttore del Guggenheim Museum Richard Armstrong, l'artista Anish Kapoor scrivono a politici e amministratori.

“Venezia è tutta centro storico, ma vedo gente non residente a passeggio”. Lettere

Emergenza Covid: Ordinanza regionale 151: si può passeggiare solo "al di fuori delle strade, piazze del centro storico della città, delle località turistiche, e delle altre aree solitamente affollate". Venezia tutta centro storico, fatta di strade non certo rurali, è località turistica,...

Venezia, come si aggirano i divieti. Anziani che fingono stretching, passeggiate di coppia, di gruppo, ecc

Un normale pomeriggio veneziano primaverile, come se il coronavirus non esistesse. È questa la situazione di venerdì 10 aprile incontrata scendendo a piedi da Sant'Elena dove il parco è ancora quasi normalmente frequentato anche da bimbi con genitori. In via Garibaldi,...

Studiare a casa? Un orizzonte che ci riguarda. Di Andreina Corso

Quanti bambini, quanti ragazzi sognerebbero di non andare a scuola, di studiare a casa, magari supportati dai genitori, se non devono andare a lavorare, dai nonni, dagli amici, dai vicini, guidati dai loro interessi nella scelta degli argomenti che più li...

Jesolo: cani in spiaggia, perché in pochi rispettano le regole? Perché nessuno le fa rispettare?

Come ogni anno, decido di trascorrere qualche giorno di vacanza a Jesolo con la mia compagna e il nostro bimbo di un anno e mezzo. Dato che non abbiamo esigenze particolari, andiamo in spiaggia libera, in modo da avere più spazio...

Lettere. Nuova legge sugli alloggi pubblici, Zaia tratta i veneti peggio delle altre regioni leghiste

NUOVA LEGGE ALLOGGI PUBBLICI: TANTA PROPAGANDA SULL’AUTONOMIA, MA PROPRIO IL POPOLO VENETO E’ TRATTATO DALLA REGIONE DI ZAIA PEGGIO DELLA LOMBARDIA! I VENETI “FIGLI DI UN NORD MINORE”?

“Studenti con le gonne: i soliti per rappresentare un mondo alla rovescia”. Lettere

Gli studenti maschi del liceo classico Zucchi di Monza hanno indossato la gonna durante le lezioni per protestare contro il sessimo. A Parte il fatto che per rappresentare il sesso femminile avrebbero dovuto indossare dei maschilissimi jeans, il grottesco e ridicolo gesto...

Donne sputano la comunione, altre sputano sul Cristo. Nelle chiese si moltiplicano le profanazioni

Oltraggi e profanazioni nelle chiese veneziane pare siano molto più frequenti di quanto si immagini. Altri episodi che, seppur meno gravi, testimoniano della situazione che si vive nelle chiese del centro storico veneziano, affollate da fedeli ma anche da turisti.