7 C
Venezia
domenica 28 Novembre 2021

Tacopina, Padova e il Prefetto, Calcio e stile: Filastrocca delle parole sportive (da non pronunciare)

HomeNotizie Venezia e MestreTacopina, Padova e il Prefetto, Calcio e stile: Filastrocca delle parole sportive (da non pronunciare)
la notizia dopo la pubblicità

Tacopina, Padova e il Prefetto, Calcio e stile: Filastrocca delle parole sportive (da non pronunciare)

Filastrocca delle parole, si faccia avanti chi le vuole. . . Così, Gianni Rodari in una sua poesia, aggiungendo:di parole ho la testa piena, con dentro la luna e la balena. . .

I “calci nel s. . . . .” era meglio non li promettesse alla squadra padovana e in previsione di un pepato derby, il presidente del Venezia Football Club Joe Tacopina, anche se pronunciate in inglese che fa sempre un po’ chich ( francese). E’anche vero che i tifosi bianco scudati qualche giorno prima, durante la presentazione della squadra patavina in Piazza San Marco avevano cantato i loro inni sfottò diretti ai veneziani :“Alta marea, portali via. . . “ scomodando persino le note di Bella ciao, e aggiungendoci altri epiteti!

Quei calci promessi non sono piaciuti al prefetto Domenico Cuttaia che ha inviato le sue rimostranze a Tacopina e ai Sindaci di Venezia e Padova. In sostanza il Prefetto giudica diseducativo quel linguaggio, che potrebbe entrare nella mente di quei tifosi che spesso preoccupano gli sportivi e la società civile con i loro comportamenti “poco” urbani e talvolta violenti.

Una valanga di critiche ha invaso il presidente del Venezia, “da poco leale a pericoloso, da provocatore a scorretto”, tanto che Joe Tacopina, ha cercato di rimediare, asserendo che in America quella frase non suona offensiva, è un modo di dire come tanti, un gioco, quasi, anche se di dubbio gusto.

Le parole dette, purtroppo, diventano cose e non c’è nessuno “che le vuole”, come spiega Rodari nella sua famosa Filastrocca e forse per qualcuno sarebbe il caso di andarsela a leggere, perché le parole sono anche “pietre”, come avvertiva Carlo Levi e una volta scagliate, possono far male.

Il prefetto Domenico Cuttaia auspica ad una chiara e schietta rivalità sportiva e in fondo è intervenuto per prevenire comportamenti dettati da risentimenti che una particolare, se pur minoritaria presenza di tifosi, potrebbero mettere in atto in modo sconsiderato. E l’aver coinvolto i Sindaci delle due città a misura di derby, è un richiamo alla responsabilità di tutti.

Andreina Corso | 06/09/2016 | (Photo La Voce di Venezia) | [cod calciove]

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Redazione
A cura della Redazione di www.lavocedivenezia.it

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

Notizie più seguite dall'archivio

spot_img

“Non mi hanno fatto entrare all’Ospedale di Venezia per accompagnare mia figlia”. Lettere

Riceviamo e pubblichiamo. Buongiorno sono una cittadina italiana. Martedì ho accompagnato mia figlia di 10 anni a fare una visita in ospedale di Venezia ma all' ingresso non mi hanno fatto entrare perché non ho il "Green Pass". Ma secondo voi è possibile lasciare...

Morte improvvisa dopo vaccino, esposto in Procura a Mira

Alessandro Cavarretta, 51 anni, mercoledì scorso si sottopone al vaccino, dopo due giorni la morte improvvisa lasciando tutti nell'angoscia e con una domanda pendente: perché? Il certificato di decesso parla di arresto cardiocircolatorio ma essa non chiarisce come diagnosi di morte, è...

La Venezia perduta. Le Suore Imeldine e la scuola a San Canciano che non esistono più

"Era finalmente nata la Scuola Elementare “Imelda Lambertini”, che nei decenni a venire diverrà vero e proprio fulcro dell’intera zona, confermando l’area di San Canciano come una tra le più vive e fornite dell’intero Centro Storico. I suoi bambini dal grembiule colorato allietavano il circondario, generando ricchezza non solo sociale, ma anche economica per ogni attività della zona".

Si tuffa dal Ponte degli Scalzi in mezzo a barche e vaporetti, arrivano i vigili: diventa violento

Si tuffa dal Ponte degli Scalzi: un comportamento sconsiderato e incosciente che poteva finire in tragedia. Il fatto oggi, martedì mattina. L'uomo si getta nelle acque del Canal Grande dal Ponte degli Scalzi rischiando di schiantarsi sopra un mezzo di trasporto pubblico dell’Actv...

8 Marzo dedicato alla Coreografa Luciana De Fanti. Di Andreina Corso

Se Italo Calvino ci perdona, se lo copiamo e ci lascia dire: se una sera d’inverno a Mestre una Grande Donna, un’Artista, una Ballerina, una Coreografa e una animalista ricorda suo figlio Omar Caenazzo, morto prematuramente in un incidente stradale, quella...

Pensioni: cosa vuol dire Quota 102

Pensioni: sembra segnata la strada, e va verso Quota 102. Ma che cos'è "Quota 102" che va a interessare una platea di 50mila persone in 2 anni? Quota 102 (che arriverebbe al posto di Quota 100 che si esaurisce il 31 dicembre) dall'anno...

Mestre, “prego biglietto”, tunisino fa il finimondo. Pugni e sputi: colpito anche infermiere del Suem. In tasca il foglio di Via

Tunisino violento da in escandescenze per i controlli anche dopo l'arrivo dei poliziotti.

C’è chi abusa del nome di Venezia per riempirsi le tasche mentre “schiavi” lavorano per loro. Lettere

Passavo per Campo Santo Stefano attirata dalla bella musica classica sparata a tutto volume. Ho scorto un banchetto addobbato con fiori e circondato da uomini in tuxedo e donne in abiti d'atelier. Dapprima pensai fosse una sorta di celebrazione dell'antistante Istituto...

“Limitare il turismo per una ristretta parte di residenti di Venezia? Follia”. Lettere

"L'unica ricchezza per Venezia è il turismo e un turismo molto sostenuto è l'unico che può dare delle entrate a tutti".

Musei Civici Veneziani, grave attacco a lavoratrici e lavoratori

Nei Musei Civici Veneziani si aggrava l’attacco alle lavoratrici e ai lavoratori dei servizi in appalto, con l’annuncio delle cooperative Coopculture e Socio Culturale della disdetta dei contratti integrativi aziendali. Ancora una volta l'unica strategia che le aziende intendono attuare è quella...

I plateatici dei bar di Venezia tornano al loro posto

I plateatici di Venezia torneranno al loro posto originale il 31/12/21 "rientrando" dalle espansioni concesse per compensare il lockdown.

“Far pagare spese sanitarie a chi non si vaccina: proposta oscena”. Lettera

La proposta di far pagare le cure sanitarie a chi si ammala dopo aver rifiutato il vaccino è oscena: "E le altre malattie?"