2.4 C
Venezia
martedì 30 Novembre 2021

Infermiere del Suem di Mestre dà l’addio a tutti: suicidio con un’iniezione di farmaci

HomeMestre e terrafermaInfermiere del Suem di Mestre dà l'addio a tutti: suicidio con un'iniezione di farmaci
la notizia dopo la pubblicità

Infermiere del Suem di Mestre dà l'addio a tutti: suicidio con un'iniezione di farmaci

Una panchina, un fiume, i colori della sera. E un uomo con il viso rivolto al Sile, che si è tolto la vita. Un suicidio che lascia senza parole. Siamo a Casier, è lì che è andato, è questo il posto che ha scelto per iniettarsi in vena un liquido mortale. Sa quel che fa, è un infermiere di quarant’anni del Suem, lavora all’Ospedale all’Angelo di Mestre, è un operatore stimato e apprezzato, i colleghi lo ricordano come un uomo generoso e sempre pronto a prestare aiuto.

E’ sposato con un’infermiera, anche lei dell’Angelo e la coppia ha due bambini piccoli. Quando esce di casa, verso le 18.00, avverte la moglie, dice che non vuole più vivere. E si allontana lasciando in angoscia la consorte che lo chiama ripetutamente al cellulare, senza ottenere risposta alcuna, informa la polizia che riesce a comunicare con l’infermiere, cerca di farlo desistere da quel gesto estremo, ma inutilmente.

E’ proprio lui a spiegare alla polizia con lucidità che si sarebbe iniettato un medicinale che gli avrebbe procurato un arresto cardiaco. Intanto in questura approfittano della comunicazione per tentare di capire da dove parla e individuano la zona di Treviso. A pochi minuti dalla comunicazione giunge una telefonata che interrompe ogni speranza di arrivare in tempo e di salvarlo: un uomo è stato trovato a Casier, seduto su quella panchina davanti al Sile, privo di vita.

A nulla è valsa l’ambulanza e vani i tentativi di rianimazione. Il farmaco iniettato in vena ha provocato la morte di quell’infermiere professionale che operava come volontario anche con la Croce Verde di Mestre, apprezzato per il suo lavoro di formatore nei corsi di aggiornamento rivolto agli operatori sanitari. Un uomo allegro, dicono, che amava scherzare, un buon compagno e amico nel lavoro e nella vita.

Un uomo buono e generoso, così lo ricordano gli amici e i colleghi, che lo aspettavano per il turno di notte, gli stessi che stentano a credere a quel che è successo. Eppure aveva pensato a tutto, come procurarsi il farmaco, all’autorizzazione a donare le cornee (il giorno prima del suicidio).
Difficile se non impossibile per la famiglia, per quanti gli hanno voluto bene, individuare le cause che lo hanno portato davanti al Sile, nell’ora che si avvia alla notte, a sedersi e addormentarsi definitivamente su quella panchina.

Andreina Corso

04/11/2016

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Redazione
A cura della Redazione di www.lavocedivenezia.it

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

Notizie più seguite dall'archivio

spot_img

La confessione di chi è “scappato” da Venezia: “Vetrerie, portieri, bugie…”. Lettere al giornale

In risposta alla lettera al giornale: "Il lusso dei grandi alberghi veneziani porta ricchezza? La confessione di Jacopo, portiere per 5 anni". Il sistema delle vetrerie è stato creato grazie alle sale, praticamente dei supermercati del vetro ( dove gira anche vetro...

“Controlli Actv alle 7 del mattino per chi va in ospedale, ma non avete altri?”. Lettera

Controlli Actv in motoscafo: controllori alle 7 del mattino due fermate prima di quella dell'Ospedale. Ma volete dirmi che non avete proprio altri o altro da controllare? Settimana scorsa - purtroppo - mi sono dovuta recare per qualche mattina consecutiva all'Ospedale Civile...

Rialto, turiste entrano per provarsi vestiti, defecano in camerino e si puliscono con i capi da provare

Rialto (Venezia), lunedì scorso, una giornata normale di flusso turistico nella direttrice Campo San Bartolomeo - San Lio nella prima vera apparizione di caldo estivo. Mai la commessa di un negozio di quella via, una giovane veneziana di 24 anni, avrebbe pensato...

Non si è vaccinato: sospeso medico di base di Venezia, Castello

Salvatore Di Prisco, medico di base con ambulatorio a Venezia, nel sestiere di Castello, è stato sospeso dalla professione fino al 31 dicembre dal suo Ordine professionale. Il medico, molto preparato, con 34 anni di anzianità, con specializzazioni in otoiatrica e grande...

L’autopsia dovrà chiarire perché è morto a 31 anni: non si è più svegliato dopo il vaccino

Mattia Brugnerotto è morto il giorno dopo l'iniezione. Si era sottoposto a dose unica del vaccino, andato a letto non si è più risvegliato.

“No al vaccino perché…”. Parla l’infermiere di Rianimazione: “Ecco le mie ragioni”

Troppo spesso si entra nel merito dei giudizi sul perché una percentuale di operatori sanitari rifiuti il vaccino anti-covid (non tutti i vaccini, si badi bene, essi non sono no-vax). Ecco le loro motivazioni espresse da un 'addetto ai lavori'. Gli si deve, quantomeno, l'opportuna libertà di parola, che tutti gli altri dovrebbero quantomeno fronteggiare con disponibilità all'ascolto. Questo significa essere informati.

La manifestazione di Venezia contro il vaccino: siringhe come carri armati

La difesa ferrea delle proprie convinzioni, ha scatenato gli oltre mille manifestanti contrari al vaccino e alla certificazione verde e li ha trasformati in oratori e attori impegnati a interpretare un copione pieno di riferimenti storici e di accenti letterari e...

Il Mose vince: Venezia “asciutta”. Perché la conferma tarda ad arrivare

L'acqua alta a Venezia non è arrivata: la marea ha toccato a Lido 138 cm. ma le paratie del Mose alle 18.40 di lunedì erano già issate

Aveva fermato la rapina in banca, guardia giurata condannata e deve risarcire il ladro

Lui una guardia giurata, Marco D. L'altro un rapinatore, Giorgio A., preso mentre fuggiva con il bottino dalla banca Unicredit di Cavallino Treporti che aveva appena assaltato con alcuni complici. Una storia che va avanti da 10 anni nei corridoi e nelle...

Mostra del Cinema: non si riesce a vedere film, noi andiamo via. Lettere

Buongiorno, siamo un gruppo di accreditati che da anni vengono a Lido per la Mostra. Vogliamo portare a conoscenza e rendere pubblico che ce ne andiamo, siamo in partenza anche se mancano cinque giorni alla fine. A che pro stare qui se non...

Dramma sul campo di calcio nel sandonatese: 17enne sviene e non si sveglia più

Christian Bottan, 17 anni, è svenuto sul campo da gioco. Con il passare dei secondi il malore ha assunto una valenza sempre più drammatica.

Accattoni e abusivi molesti, ora basta: denuncio chi non fa nulla

Ennesimo caso di accattonaggio molesto accorso tra campo san Cassian e Rialto ad opera di clandestini o rifugiati che vengono lasciati liberi di circolare pur essendo ospitati nelle cooperative e nei centri di accoglienza coi noti sussidi pagati dai contribuenti. E'...