Gianluca Stival
Gianluca Stival
Gianluca Stival
2.6C
Venezia
mercoledì 03 Marzo 2021
HomeMestre e terrafermaInfermiere del Suem di Mestre dà l'addio a tutti: suicidio con un'iniezione di farmaci

Infermiere del Suem di Mestre dà l’addio a tutti: suicidio con un’iniezione di farmaci

Infermiere del Suem di Mestre dà l'addio a tutti: suicidio con un'iniezione di farmaci

Una panchina, un fiume, i colori della sera. E un uomo con il viso rivolto al Sile, che si è tolto la vita. Un suicidio che lascia senza parole. Siamo a Casier, è lì che è andato, è questo il posto che ha scelto per iniettarsi in vena un liquido mortale. Sa quel che fa, è un infermiere di quarant’anni del Suem, lavora all’Ospedale all’Angelo di Mestre, è un operatore stimato e apprezzato, i colleghi lo ricordano come un uomo generoso e sempre pronto a prestare aiuto.

E’ sposato con un’infermiera, anche lei dell’Angelo e la coppia ha due bambini piccoli. Quando esce di casa, verso le 18.00, avverte la moglie, dice che non vuole più vivere. E si allontana lasciando in angoscia la consorte che lo chiama ripetutamente al cellulare, senza ottenere risposta alcuna, informa la polizia che riesce a comunicare con l’infermiere, cerca di farlo desistere da quel gesto estremo, ma inutilmente.

E’ proprio lui a spiegare alla polizia con lucidità che si sarebbe iniettato un medicinale che gli avrebbe procurato un arresto cardiaco. Intanto in questura approfittano della comunicazione per tentare di capire da dove parla e individuano la zona di Treviso. A pochi minuti dalla comunicazione giunge una telefonata che interrompe ogni speranza di arrivare in tempo e di salvarlo: un uomo è stato trovato a Casier, seduto su quella panchina davanti al Sile, privo di vita.

A nulla è valsa l’ambulanza e vani i tentativi di rianimazione. Il farmaco iniettato in vena ha provocato la morte di quell’infermiere professionale che operava come volontario anche con la Croce Verde di Mestre, apprezzato per il suo lavoro di formatore nei corsi di aggiornamento rivolto agli operatori sanitari. Un uomo allegro, dicono, che amava scherzare, un buon compagno e amico nel lavoro e nella vita.

Un uomo buono e generoso, così lo ricordano gli amici e i colleghi, che lo aspettavano per il turno di notte, gli stessi che stentano a credere a quel che è successo. Eppure aveva pensato a tutto, come procurarsi il farmaco, all’autorizzazione a donare le cornee (il giorno prima del suicidio).
Difficile se non impossibile per la famiglia, per quanti gli hanno voluto bene, individuare le cause che lo hanno portato davanti al Sile, nell’ora che si avvia alla notte, a sedersi e addormentarsi definitivamente su quella panchina.

Andreina Corso

04/11/2016

Data prima pubblicazione della notizia:

sponsor

Vuoi lasciare un commento? Nessuna registrazione necessaria

Please enter your comment!
Please enter your name here

Le notizie più lette dopo la pubblicità
Loading...

Rialto, la banda di aggressori ha le ore contate [il video]

Rialto, la banda di aggressori ha le ore contate. Hanno urinato sul ponte di Rialto e colpito chi li ha rimproverati. Non sapendo, probabilmente, che...

“Ci viene impedito di issare la bandiera di San Marco. Danno alle generazioni veneziane”. Lettere

Riceviamo e pubblichiamo. "L' Associazione culturale wsm Venexia Capital tiene a far sapere che a Venezia non è possibile commemorare la nascita del Doge Morosini...

Auto si capovolge, giovane donna perde la vita. Ultima ora

Auto si capovolge, una giovane donna ha perso la vita. Un incidente mortale quello che si è verificato questa sera alle 21.30 a Salzano,...
spot

Aggressione a Rialto: denunciato un ventenne, individuati due amici

Il comandante della Polizia locale, Agostini: "Venezia è una città sicura e sotto controllo, grazie anche alla collaborazione con le altre forze di polizia...

Ricercato internazionale arrestato a Venezia, faceva colazione in un hotel di lusso

Come in un intrigo internazionale, di quelli che si vedono nei film o nei romanzi ad alta suspense , il giallo si conclude con...

Assembramenti a Venezia, Polizia chiude bar

Veneto ancora zona gialla ma non deve venire meno l'attenzione per le norme anti-contagio. Nella giornata di ieri, invece, la Sezione Polizia Amministrativa del Commissariato...
le notizie più lette dopo la pubblicità
Loading...

Concorso Letterario de “La Voce di Venezia”. Prima edizione: “Racconti in Quarantena”. La classifica

» vota il tuo racconto preferito » vai alla presentazione del concorso » leggi tutti i racconti arrivati

Morto Antonio Catricalà. E’ suicidio

Antonio Catricalà è morto. Aveva 69 anni. Ex sottosegretario alla Presidenza del Consiglio ed ex Garante dell'Antitrust, Catricalà si sarebbe suicidato in casa. La scoperta...

Covid ospedaliero a Venezia in ripresa: 22 ricoveri in due giorni

Covid Venezia, numeri in ripresa di riflesso agli indicatori che arrivano dalla situazione regionale e nazionale. 22 altre persone si sono ricoverate in due giorni...
spot

Covid, a Mestre centro sabato tamponi rapidi gratuiti

Domani, sabato, a Mestre, in piazzale Donatori di Sangue, sarà possibile sottoporsi al test del 'tampone rapido'. L'esame sarà eseguito con tampone di terza generazione. In...

Nuovo Dpcm: niente riaperture fino a Pasqua

Nuovo Dpcm: il governo non allenta le misure. "Le variante inglese, a maggior diffusione, sarà presto prevalente. L'Rt si appresta a superare la soglia...

Aggiornamento Covid: balzo dei positivi

Covid Veneto: è allarme per un nuovo forte balzo dei positivi. Nuovi contagi Covid in Veneto oggi: si registrano 1.304 positivi al virus in 24...
error: Contenuto coperto da Copyright. Ogni trasgressione verrà perseguita a termini di legge. Questo messaggio costituisce informativa, l\'interessato del plagio non potrà quindi invocare la \"buona fede\" ai sensi di Legge.