8.4 C
Venezia
mercoledì 01 Dicembre 2021

Stefano Tondi, primario di Cardiologia, aggredito con l’acido con un giocattolo

HomeCronacaStefano Tondi, primario di Cardiologia, aggredito con l'acido con un giocattolo
la notizia dopo la pubblicità

Stefano Tondi, primario di Cardiologia, aggredito con l'acido con un giocattolo

Stefano Tondi, 60 anni, è il direttore del reparto di Cardiologia dell’ospedale Baggiovara di Modena. Una volta si chiamavano “primario”, ma le funzioni sono sostanzialmente le stesse. Un direttore di reparto organizza il personale, decide la disciplina, riceve gli informatori per le forniture delle ditte, esprime pareri e giudizi. E’ stato aggredito e fregiato con acido spruzzato in faccia da uno sconosciuto. Perché?

Partiamo dalle certezze: il dott. Tondi racconta che il suo aggressore gli ha «sparato» in faccia l’acido con uno di quei fucili giocattolo che i bambini caricano ad acqua. Pochi istanti e non vedeva più nulla perché la sostanza corrosiva, quale che fosse, è arrivata velocemente alle cornee e adesso è proprio questo a preoccupare i medici che lo tengono in prognosi riservata: la vista.

Il dottor Tondi è ora ricoverato al Policlinico di Modena da giovedì sera e assieme a lui anche il figlio Michele, 19 anni, accanto a suo padre al momento dell’agguato e raggiunto dall’acido (forse soda caustica) alla nuca.

La dinamica dell’aggressione. Padre e figlio tornavano a casa, e avevano appena parcheggiato l’auto in garage quando sono stati aggrediti da quello sconosciuto sbucato da chissà dove che li aspettava fuori. Tutto questo nelle campagne di Vignola (sempre nel Modenese), lontano da strade trafficate e da altri edifici, quindi nessun testimone e niente telecamere nelle vicinanze.

Il movente. Stefano Tondi è stato testimone d’accusa (prima davanti alla polizia giudiziaria e poi in aula) in uno dei più grandi processi di sempre sul malaffare della sanità modenese. «Quel processo è molto importante e lui ha testimoniato il 25 giugno scorso — ha detto la procuratrice Musti —. Noi non possiamo non considerare questo elemento ma dobbiamo anche dire che non era certo il testimone più importante e ovviamente non è detto che l’aggressione sia legata al processo».

Per quel caso giudiziario — i fatti sono accaduti fra il 2009 e il 2011 — oggi sono imputate davanti ai giudici di primo grado cinquanta persone, accusate a vario titolo di associazione per delinquere, peculato, corruzione, truffa ai danni del Servizio sanitario nazionale, falso in atto pubblico, e sperimentazioni cliniche senza autorizzazione. Fra loro anche primari e medici ex colleghi di Stefano Tondi.

Quella che parte dal suo ruolo di testimone «è una pista che non possiamo trascurare», dicono gli inquirenti, che però sembrano non guardare molto in quella direzione. Anche dalle relazioni sentimentali del primario sfregiato (vedovo e compagno di una donna separata da anni) non emergono dettagli che potrebbero aprire una via d’inchiesta. Né ha dato lui particolari utili alle indagini nel corso della lunga deposizione fatta ieri davanti al magistrato e ai carabinieri del Reparto operativo di Modena. Non una minaccia, un nemico di recente o vecchia data, qualcosa di strano che possa averlo insospettito, qualcuno che lo accusa di un intervento medico finito male… Niente di tutto questo e al momento dell’aggressione né lui né suo figlio avrebbero visto la faccia dell’uomo con il fucile giocattolo che sembra abbia agito senza dire una parola (volutamente perché non è italiano? si chiedono gli investigatori).

Quindi l’inchiesta parte con un fascicolo (per lesioni gravi) vuoto di particolari e pieno zeppo di domande.

A cominciare dalla più banale: perché quest’agguato?

Redazione

11/11/2016

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Redazione
A cura della Redazione di www.lavocedivenezia.it

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

Notizie più seguite dall'archivio

spot_img

Venezia da oggi ha il ticket di ingresso. Potrà arrivare a 10 euro

Gli indotti che l'amministrazione potrà incassare riguarderanno verosimilmente i visitatori che arrivano con: grandi navi, autobus gran turismo, lancioni provenienti da altri comuni, treni, auto private, ecc.

Dramma sul campo di calcio nel sandonatese: 17enne sviene e non si sveglia più

Christian Bottan, 17 anni, è svenuto sul campo da gioco. Con il passare dei secondi il malore ha assunto una valenza sempre più drammatica.

Sanzione disciplinare irrogata dal datore di lavoro. L’impugnazione. I principi di immutabilità, specificità, immediatezza e proporzionalità

La Sanzione Disciplinare irrogata dal datore di lavoro. Vediamo oggi l'impugnazione della sanzione e i principi di immutabilità, specificità, immediatezza e proporzionalità

Arrivo a Venezia e subito multato in vaporetto per non aver obliterato, ma non è giusto

"Appena il tempo di sedersi e 2 addetti mi chiedono i biglietti che mostro prontamente. Mi dicono laconicamente che non sono stati validati e siamo in contravvenzione".

La manifestazione di Venezia contro il vaccino: siringhe come carri armati

La difesa ferrea delle proprie convinzioni, ha scatenato gli oltre mille manifestanti contrari al vaccino e alla certificazione verde e li ha trasformati in oratori e attori impegnati a interpretare un copione pieno di riferimenti storici e di accenti letterari e...

Accattoni e abusivi molesti, ora basta: denuncio chi non fa nulla

Ennesimo caso di accattonaggio molesto accorso tra campo san Cassian e Rialto ad opera di clandestini o rifugiati che vengono lasciati liberi di circolare pur essendo ospitati nelle cooperative e nei centri di accoglienza coi noti sussidi pagati dai contribuenti. E'...

Operatori sanitari non vaccinati in Veneto: sono oltre 2.000 ed ora rischiano

Rieccola la Commissione di valutazione che sempre apre la porta e l’ascolto alle ragioni (e ai torti) dei conflitti. Ritorna il problema di chi ancora non si è vaccinato, o non si può o vuole vaccinare, o ha paura, o ha bisogno...

Turisti riducono Piazza San Marco pizzeria a cielo aperto: da oggi non pagherò più le tasse

Il prof. Tamborini denuncia che la Polizia Municipale è intervenuta solo dopo molte insistenze e quando ormai non c'era più niente da rilevare. Oltre al fatto che ormai non viene praticamente sanzionato più nulla (neanche agli abusivi), perchè un cittadino deve...

La Venezia Scomparsa: Molin e il Ponte dei Giocattoli. I ricordi, la chiusura: incontro con Federico, l’ultimo gestore, 12 anni dopo

Il negozio Molin, conosciuto da tutti i veneziani tanto da aver ribattezzato “il Ponte dei Giocattoli”, non rappresentava per me un semplice, piacevole prolungamento del percorso mattutino, ma un vero e proprio luogo dei sogni a due soli passi da casa. La...

Giardinetti Reali di Venezia: eliminate due balaustre per dar spazio ai trasporti turistici. Lettere

"Recinzione Napoleonica ripristinata a San Marco dopo 14 anni di battaglie e un esposto del Prof. Mozzatto, ma subito rimossi ben due tratti della storica balaustra per fare dei pontili turistici: continua lo scempio a Venezia per dal posto alle attività...

Il nostro giornale festeggia: oltre 10 milioni di pagine viste

"La Voce di Venezia" a luglio 2014 ha incredibilmente abbattuto il muro delle 10 milioni di pagine viste. Era ormai qualche anno fa: un pugno di ragazzi (in parte di Venezia) usciti dal corso di laurea di "Scienze della Comunicazione"...

La Venezia Scomparsa: Molin e il Ponte dei Giocattoli. I ricordi, la chiusura: incontro con Federico, l’ultimo gestore, 12 anni dopo

Il negozio Molin, conosciuto da tutti i veneziani tanto da aver ribattezzato “il Ponte dei Giocattoli”, non rappresentava per me un semplice, piacevole prolungamento del percorso mattutino, ma un vero e proprio luogo dei sogni a due soli passi da casa. La...