27.3 C
Venezia
lunedì 02 Agosto 2021

Stadio Venezia via libera, ora tocca ai privati

HomeNotizie Venezia e MestreStadio Venezia via libera, ora tocca ai privati

stadio penzo sant' elena venezia

Il sindaco Giorgio Orsoni ieri sera, presso la sala della Municipalità di Favaro gremita di persone, ha mostrato come il nuovo stadio di Venezia si potrà fare.

Questo grazie al parere positivo di Enac sulla compatibilità dei Pat con la crescita dell’aeroporto pensata da Master Plan.

Il Comune ha così spostato la futura location dello stadio più a Nord Ovest, uscendo dalla zona di vincolo predisposta per la futura seconda pista dell’aeroporto Marco Polo.

Ora tutto passa in mano ai privati che avranno la possibilità di usufruire delle aree del Comune, sottoposte a vincolo aeroportuale, ma sulle quali si potrà comunque edificare strutture più basse di 50metri, che però non dovranno contenere una cospicua quantità di gente. Qui, dunque, si potranno costruire gli edifici della cittadella dello sport, mentre lo stadio sorgerà un po’ più su, sui 24 ettari che Save ha messo a disposizione del presidente del Venezia Korablin.

Il magnate russo potrà ottenere la zona ad un prezzo più contenuto, visto che la stessa Save aveva bloccato il prezzo prima che partisse il rialzo dei costi da parte di proprietari.

A fine febbraio, se tutto procede come previsto, potrebbe quindi arrivare il tanto agognato annuncio per la creazione del nuovo stadio per l’Unione Venezia.

Sara Prian

[01/02/2014]

Riproduzione vietata

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Data prima pubblicazione della notizia:

Condividi la notizia, potrebbe interessare agli altri:

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

altre notizie dall'archivio qui sotto
spot
Advertisements
sponsor

Grazie per aver sfogliato la nostra pagina. La tua considerazione è un'attestazione per il nostro lavoro.
Questo giornale è libero e gratuito per tutti dal 2006.
E' gradito ai lettori perché ha pubblicità in modo meno invasivo possibile anche se questo significa rinunciare a introiti.
Come hai potuto vedere, tutte le righe si leggono perfettamente e non ci sono finestre o video che si aprono contro la tua volontà.
Così come garantiamo la qualità dell'informazione pubblicando solo notizie verificate.
Per tutto questo non chiediamo nulla ma se vuoi sostenerci puoi farlo con il 5x1000. Oppure puoi scorrere le altre news e leggere un'altra notizia in modo da darci un punto in più nelle prossime rilevazioni statistiche. Infine, potresti cliccare il "mi piace" sul 'Like Page' di Facebook qui sotto.
Grazie.