giovedì 20 Gennaio 2022
3.6 C
Venezia

Smart Working (telelavoro): aumento del 4.000 per cento

HomeLavoroSmart Working (telelavoro): aumento del 4.000 per cento

"Eccolo qui il virus. E' davanti a me. Non è come sentire la televisione". Lettere

Smart Working, o ‘telelavoro’ per meglio capirsi con la sua ‘vecchia’ definizione, un boom ai tempi del Covid: da 500mila i lavoratori con questo tipo di configurazione sono passati a 8 milioni.

Mezzo milione prima della pandemia Covid, 8 milioni con il lockdown: è un successo il ricorso allo smart working al tempo del coronavirus.

Una modalità di lavoro diventata spesso necessità di fronte alle misure di sicurezza e alle restrizioni anti-contagio, che un lavoratore su sei vorrebbe proseguire anche dopo l’emergenza.

Più gli uomini, che le donne, per le quali lavorare da casa risulta più pesante.

A fotografarli è la prima indagine sullo smart working promossa dall’Area politiche di genere della Cgil e realizzata insieme alla Fondazione Di Vittorio, dal titolo “Quando lavorare da casa è… smart”. Obiettivo: cogliere ragioni e percezioni alla base di questa esperienza e, guardando in prospettiva, individuare modalità per rendere “davvero smart” il lavoro da casa, perché non sia soltanto “home working”.

Di fronte al balzo attuale, diventa più urgente per il sindacato definire regole precise, nell’ambito dei contratti nazionali e aziendali, come rimarcato dal segretario generale Maurizio Landini: bisogna “prevedere pause, fare distinzioni tra lavorare di giorno e di notte, di sabato e festivi, sui mezzi da utilizzare”, ma anche “evitare le discriminazioni di genere: bisogna allargare la contrattazione e fare in modo che tutte le modalità di lavoro, compreso lo smart working, siano regolamentate”, sottolinea Landini, durante la presentazione dell’indagine, evidenziando i diversi punti, dal diritto alla disconnessione alla formazione, dagli orari alla salute e sicurezza allo stop all’unilateralità.

Tutti, o quasi (il 94%, secondo l’indagine a cui hanno risposto 6.170 persone), sono d’accordo sul fatto che lo smart working faccia risparmiare tempi di pendolarismo casa-lavoro, consenta flessibilità, renda efficace il lavoro per obiettivi, permetta il bilanciamento dei tempi di lavoro, cura e libero.

Dello smart working fa invece paura il fatto di avere meno occasioni di confronto e di scambio con i colleghi e l’aumento dei carichi familiari (per il 71%).

La stragrande maggioranza, l’82%, spiega di essere “precipitato” nel lavoro smart in coincidenza con l’avvio delle misure di contenimento del virus.

Guardando al dopo emergenza, il 60% vorrebbe proseguire l’esperienza, il 22% no, resta una quota di indecisi.

Meno convinte le donne, più propensi gli uomini: per le donne, infatti, questa modalità di lavoro “è meno indifferente e soprattutto più pesante, complicata, alienante e stressante”, rileva l’indagine.

“Discriminazioni reiterate anche nello smart working”, commenta l’ex segretaria generale e attuale responsabile dell’Area politiche di genere della Cgil, Susanna Camusso.

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Redazione
A cura della Redazione di www.lavocedivenezia.it

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

Notizie più seguite dall'archivio

pubblicità

Salvi abitanti delle isole: possibile salire sui mezzi di trasporto con Pass-base

"Salvi", si fa per dire, gli abitanti delle isole: è possibile salire sui mezzi di trasporto con Pass-base fino al 10 febbraio. E' tutt'ora considerata un'eccezione, quindi il nuovo documento parla dei soli motivi di salute e di studio, ma è sicuramente...

Operatori sanitari non vaccinati in Veneto: sono oltre 2.000 ed ora rischiano

Rieccola la Commissione di valutazione che sempre apre la porta e l’ascolto alle ragioni (e ai torti) dei conflitti. Ritorna il problema di chi ancora non si è vaccinato, o non si può o vuole vaccinare, o ha paura, o ha bisogno...

Venezia in asfissia: mai così tanti turisti a fine ottobre

Venezia verso alle 11 ha chiuso i terminal di Piazzale Roma e Tronchetto ma fermarsi prima per usare i mezzi ha creato altra congestione

Jesolo: cani in spiaggia, perché in pochi rispettano le regole? Perché nessuno le fa rispettare?

Come ogni anno, decido di trascorrere qualche giorno di vacanza a Jesolo con la mia compagna e il nostro bimbo di un anno e mezzo. Dato che non abbiamo esigenze particolari, andiamo in spiaggia libera, in modo da avere più spazio...

Venezia: ecco le barche private per evitare il controllo della certificazione verde sui mezzi Actv

Laddove non si convince, si scatena la creatività e il far da sé. Barche private, iniziative dovunque, social scatenati, soprattutto tra chi vive nelle isole e deve recarsi al lavoro o accompagnare i figli a scuola: ognuno si organizza a modo...

Si tuffa dal Ponte degli Scalzi in mezzo a barche e vaporetti, arrivano i vigili: diventa violento

Si tuffa dal Ponte degli Scalzi: un comportamento sconsiderato e incosciente che poteva finire in tragedia. Il fatto oggi, martedì mattina. L'uomo si getta nelle acque del Canal Grande dal Ponte degli Scalzi rischiando di schiantarsi sopra un mezzo di trasporto pubblico dell’Actv...

“Nessun veneziano che conosco tornerebbe a vivere a Venezia”. Lettere

In risposta alla lettera “Venezia è ingorda di denaro. Sarebbe l’ora di un progetto sostenibile”. Mi si spezza il cuore ogni volta che vado a Venezia. La mia città dove sono nata e cresciuta e che amo profondamente. Vivo in terraferma da...

Venezia in asfissia: mai così tanti turisti a fine ottobre

Venezia verso alle 11 ha chiuso i terminal di Piazzale Roma e Tronchetto ma fermarsi prima per usare i mezzi ha creato altra congestione

C’è chi abusa del nome di Venezia per riempirsi le tasche mentre “schiavi” lavorano per loro. Lettere

Passavo per Campo Santo Stefano attirata dalla bella musica classica sparata a tutto volume. Ho scorto un banchetto addobbato con fiori e circondato da uomini in tuxedo e donne in abiti d'atelier. Dapprima pensai fosse una sorta di celebrazione dell'antistante Istituto...

Ecco cosa si prova ad andar via dalla Venezia in cui si è nati. “Le lacrime durante il trasloco”. Lettere

In risposta alla lettera: “Venezia è patrimonio del mondo e non appartiene ai veneziani di adesso”. Di G.A. & D. Pugiotto La marsaria Quela matina del febraro sesantaoto Xe ga Liga la barca del Mario in fondamenta, e col careto del osto, che spussa de...

Chi volontariamente non si vaccina ruba un pezzo di probabilità di evitare la dissoluzione del genere umano. Lettere

Con la propaganda No-Vax io non riesco a discutere né a confrontarmi perché si tratta di un Extramondo *(una specie di Vandea del XXI secolo)* nel quale non riesco neanche a respirare. La Storia non si muove in senso vettoriale ma circolare...

Banchi souvenir in Piazza San Marco: più grandi e più ordinati

In arrivo nuove regole per i banchi di souvenir in piazza San Marco: stamani il sopralluogo sul posto  dell'assessore Costalonga. Il Comune è infatti al lavoro per riformare il vecchio regolamento per gli ambulanti del mercato di piazza San Marco, risalente al...