23.1 C
Venezia
lunedì 26 Luglio 2021

Simona Vinci, ‘La Prima Volontà’: le persone vinte dalla istituzione totale, prima che dalla malattia

HomeVoce del Verbo di Andreina CorsoSimona Vinci, 'La Prima Volontà': le persone vinte dalla istituzione totale, prima che dalla malattia

Simona Vinci ha vinto Il Campiello 2016 con una tematica maturata in otto anni di tensione narrativa rivolta alle persone vinte dalla istituzione totale, prima che dalla malattia.

Dentro le vite dei reclusi, delle persone abbandonate al loro disagio mentale, ha saputo render visibile la storia dei dimenticati, degli ultimi della terra.

Pagine di grande responsabilità percorrono le vicende degli internati nell’isola di Leros, in Grecia, là dove la dittatura aveva messo insieme oppositori politici e sofferenza umana e mentale e Vinci racconta le loro storie traendo forza e insieme dolore da una vicenda familiare che racconta l’esperienza psichiatrica della madre.

Un vissuto che segnerà un profondo solco sull’esistenza della scrittrice e insieme un percorso, un viaggio fra quella che sente “la sua gente”, perché quello è il suo posto, ed è da loro che nasce l’esigenza di scrivere, di osare a riproporre un tema tanto delicato, ma indispensabile anche ai giorni nostri, dove ancora si consumano crimini impietosi sull’uomo.

Li ricerca la scrittrice quei luoghi della memoria che sono insiti nel suo cuore ed è dal cuore e dalle affinità elettive della mente, che ritrova il manicomio di Budrio in Emilia Romagna, la città dove ancor oggi vive, ed è lì ancora che prende per mano le persone che erano internate, che ancora portano i segni sul volto e sugli occhi dell’umiliazione subita.

Li mette insieme nel suo narrare in una unica grande sofferenza. Il libro ha voluto restituire la voce a chi non può più parlare e ripropone il tema della segregazione, di tutti i luoghi che contengono e reprimono l’uomo, ma richiama ognuno di noi alla consapevolezza che quelli che la memoria ci restituisce come fantasmi, sono esistenze alle quali è stata rubata la libertà, di chi ha pagato senza colpa la malattia, l’handicap, la povertà sociale, l’invisibilità.

Otto anni di lavoro, di studio, di osservazione cocente di un passato sempre presente ai suoi occhi, sempre accanto alla sua tensione emotiva che le parole hanno raccolto per raccontare a tutti noi la storia di una umanità esclusa.

Andreina Corso | 17/09/2016 | (Photo d’archive) | [cod vincica]

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Data prima pubblicazione della notizia:

Condividi la notizia, potrebbe interessare agli altri:

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

altre notizie dall'archivio qui sotto
spot
Advertisements
sponsor

Grazie per aver sfogliato la nostra pagina. La tua considerazione è un'attestazione per il nostro lavoro.
Questo giornale è libero e gratuito per tutti dal 2006.
E' gradito ai lettori perché teniamo le pubblicità in modo meno invasivo possibile anche se questo significa rinunciare a introiti.
Come hai potuto vedere, tutte le righe si leggono perfettamente e non ci sono finestre o video che si aprono contro la tua volontà.
Così come garantiamo la qualità dell'informazione pubblicando solo notizie verificate.
Per tutto questo non chiediamo nulla ma se vuoi sostenerci puoi farlo con il 5x1000. Oppure puoi scorrere le altre news e leggere un'altra notizia in modo da darci un punto in più nelle prossime rilevazioni statistiche. Infine, potresti cliccare il "Mi Piace" sul 'Like Page' di Facebook qui sotto.
Grazie e speriamo che tu possa tornare a trovarci presto, in modo da poterti essere ancora utili con il nostro giornale libero e gratuito.