11.9 C
Venezia
sabato 27 Novembre 2021

Shopping alle Barche con carte di credito rubate in ristorante di Venezia

HomeMestre e terrafermaShopping alle Barche con carte di credito rubate in ristorante di Venezia
la notizia dopo la pubblicità

carte di credito rubate in un ristorante di venezia

Avevano appena terminato di fare “la spesa”, e si era trattato di una sorta di shopping compulsivo, quando due ventitreenni dell’est Europa sono stati arrestati dalla squadra Volante della Questura di Venezia per il reato di uso fraudolento di carta di credito.

L’altro pomeriggio, presso il Centro commerciale “Le Barche” di Mestre, gli agenti di Polizia fermavano i due rumeni, visibilmente agitati e insofferenti al controllo, dopo che la commessa della Coin si accorgeva che la carta di credito utilizzata dai due clienti non corrispondeva al documento esibito.

Allertato il 113, gli operatori delle volanti giungevano celermente sul posto per procedere alla verifica del caso e si accertavano di cosa avessero nelle tasche e all’interno delle varie borse dopo svariati altri acquisti fatti anche in altri negozi di Mestre.

La perquisizione dava riscontro positivo: venivano trovati così gli scontrini quale prova dell’utilizzo della carta di credito e la carta stessa: quest’ultima, intestata ad un cittadino inglese, si trovava nel portafogli di uno dei due ragazzi che non sapevano giustificarne il possesso. Le diverse versioni fornite dal possessore non risultavano convincenti: prima asseriva che era del compagno della madre e poi che l’aveva trovata per terra.

A questo punto, i poliziotti, per approfondire la situazione, procedevano prima alla loro identificazione conducendo i due in Questura: qui riscontravano diversi precedenti a carico di uno dei due, in materia di reati contro il patrimonio.

Successivamente, proseguivano, recandosi presso tutti i negozi, indicati sulle borse degli acquisti effettuati, ove era stata utilizzata la carta di credito “trovata”.
I commessi interpellati confermavano che i due rumeni si erano effettivamente presentati nei rispettivi negozi con le carte di credito rubate.

Infine, si risaliva al proprietario della carta di credito, un cittadino americano che raccontava di essere stato derubato la sera del 21 all’interno di un ristorante di Venezia.

Dell’avvenuto arresto dei due (tali M.I.C. di 23 anni e P.F., coetaneo) e dell’attività svolta veniva informato il P.M. di turno presso il Tribunale Ordinario di Venezia che disponeva che i due stranieri fossero trattenuti presso le camere di sicurezza della Questura in attesa del processo con rito direttissimo.

27/09/2015

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Redazione
A cura della Redazione di www.lavocedivenezia.it

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

Notizie più seguite dall'archivio

spot_img

Studiare a casa? Un orizzonte che ci riguarda. Di Andreina Corso

Quanti bambini, quanti ragazzi sognerebbero di non andare a scuola, di studiare a casa, magari supportati dai genitori, se non devono andare a lavorare, dai nonni, dagli amici, dai vicini, guidati dai loro interessi nella scelta degli argomenti che più li...

Tornelli a Venezia per gli arrivi: a volte ritornano

Con il turismo che ha ripreso e le folle a Venezia si ripropone il problema del controllo dei flussi. Ritornano i tornelli che non saranno come quelli installati nel 2018 ai piedi dei ponti di Calatrava e degli Scalzi in previsione...

Francesca e il lavoro delle pulizie: questo turismo a Venezia ha riportato la schiavitù

A seguito dell’articolo “Questo turismo porta benessere e posti di lavoro a Venezia? No: solo povertà e schiavismo”, ci scrive una ragazza pronta a condividere con noi la sua esperienza. Francesca, nata e residente nel Centro Storico, lavora da 10 anni...

Sanzione disciplinare irrogata dal datore di lavoro. L’impugnazione. I principi di immutabilità, specificità, immediatezza e proporzionalità

La Sanzione Disciplinare irrogata dal datore di lavoro. Vediamo oggi l'impugnazione della sanzione e i principi di immutabilità, specificità, immediatezza e proporzionalità

Donna morta dopo 4 vaccini, figli: “A noi chiesto niente”, l’ospedale: “C’è il consenso informato”

La signora aveva fatto un ictus a marzo, dopo la prima coppia di vaccini. Ne avrebbe poi ricevuto altri due secondo la denuncia dei figli.

Malattia durante le ferie del lavoratore dipendente. Che fare?

Innanzitutto, ringrazio la Voce di Venezia per avermi concesso questa rubrica in materia di diritto del lavoro. Sovente i media menzionano parole come TFR, licenziamento per giusta causa, parasubordinazione, contratti collettivi e infinite altre, dando per scontato il loro significato. In realtà,...

Covid: oggi crescita lenta ma esponenziale. La nuova variante AY.4.2

La nuova variante del Covid "AY.4.2" isolata in Gran Bretagna pare meno aggressiva della "Delta" (ex "Indiana")

“Non mi hanno fatto entrare all’Ospedale di Venezia per accompagnare mia figlia”. Lettere

Riceviamo e pubblichiamo. Buongiorno sono una cittadina italiana. Martedì ho accompagnato mia figlia di 10 anni a fare una visita in ospedale di Venezia ma all' ingresso non mi hanno fatto entrare perché non ho il "Green Pass". Ma secondo voi è possibile lasciare...

Dottoressa di base No Vax sospesa: paese senza medico

La dott. Dina Sandon è sospesa come medico di base dall'Ulss di Padova privando la comunità di Cervarese Santa Croce della sua assistenza

La manifestazione di Venezia contro il vaccino: siringhe come carri armati

La difesa ferrea delle proprie convinzioni, ha scatenato gli oltre mille manifestanti contrari al vaccino e alla certificazione verde e li ha trasformati in oratori e attori impegnati a interpretare un copione pieno di riferimenti storici e di accenti letterari e...

5×1000 alla Voce di Venezia: da 16 anni ti siamo fedeli, ci meritiamo una firma?

5x1000 al nostro giornale: da 15 anni ti siamo fedeli, meritiamo una tua firma? Tu che ci leggi conosci già il nostro lavoro. Sicuramente hai già letto nostri articoli: le ultime notizie più importanti del giorno da leggere già dalle prime ore del...

Identificata baby gang che terrorizza Venezia e Mestre. Brugnaro: “Abbiamo 27 nomi”

Il sindaco di Venezia conferma quanto era nei dubbi e nei timori della gente comune: sono tanti e due-tre, verosimilmente i "capi", sono molto, molto pericolosi. "Sappiamo chi sono. Abbiamo 27 nomi. Due o tre sono particolarmente pericolosi. Mi auguro che qualcuno...