Shopping alle Barche con carte di credito rubate in ristorante di Venezia

ultimo aggiornamento: 27/09/2015 ore 11:18

127

carte di credito rubate in un ristorante di venezia

Avevano appena terminato di fare “la spesa”, e si era trattato di una sorta di shopping compulsivo, quando due ventitreenni dell’est Europa sono stati arrestati dalla squadra Volante della Questura di Venezia per il reato di uso fraudolento di carta di credito.

L’altro pomeriggio, presso il Centro commerciale “Le Barche” di Mestre, gli agenti di Polizia fermavano i due rumeni, visibilmente agitati e insofferenti al controllo, dopo che la commessa della Coin si accorgeva che la carta di credito utilizzata dai due clienti non corrispondeva al documento esibito.


Allertato il 113, gli operatori delle volanti giungevano celermente sul posto per procedere alla verifica del caso e si accertavano di cosa avessero nelle tasche e all’interno delle varie borse dopo svariati altri acquisti fatti anche in altri negozi di Mestre.

La perquisizione dava riscontro positivo: venivano trovati così gli scontrini quale prova dell’utilizzo della carta di credito e la carta stessa: quest’ultima, intestata ad un cittadino inglese, si trovava nel portafogli di uno dei due ragazzi che non sapevano giustificarne il possesso. Le diverse versioni fornite dal possessore non risultavano convincenti: prima asseriva che era del compagno della madre e poi che l’aveva trovata per terra.

A questo punto, i poliziotti, per approfondire la situazione, procedevano prima alla loro identificazione conducendo i due in Questura: qui riscontravano diversi precedenti a carico di uno dei due, in materia di reati contro il patrimonio.


Successivamente, proseguivano, recandosi presso tutti i negozi, indicati sulle borse degli acquisti effettuati, ove era stata utilizzata la carta di credito “trovata”.
I commessi interpellati confermavano che i due rumeni si erano effettivamente presentati nei rispettivi negozi con le carte di credito rubate.

Infine, si risaliva al proprietario della carta di credito, un cittadino americano che raccontava di essere stato derubato la sera del 21 all’interno di un ristorante di Venezia.

Dell’avvenuto arresto dei due (tali M.I.C. di 23 anni e P.F., coetaneo) e dell’attività svolta veniva informato il P.M. di turno presso il Tribunale Ordinario di Venezia che disponeva che i due stranieri fossero trattenuti presso le camere di sicurezza della Questura in attesa del processo con rito direttissimo.

27/09/2015

TEMI PIU' RICERCATI IN QUESTE ORE:

➔ Coronavirus: tutti gli aggiornamenti
➔ Mose e Acqua alta a Venezia
➔ Pensioni, le novità
➔ 'Racconti in quarantena': il concorso letterario aperto a tutti
 

⌂ titoli di prima pagina

Please enter your comment!
Please enter your name here