5.2 C
Venezia
lunedì 25 Gennaio 2021

“Shock” affitti alloggi pubblici “causa algoritmo”. Veneziani a rischio se Ater o Comune

Home L'allarme "Shock" affitti alloggi pubblici “causa algoritmo”. Veneziani a rischio se Ater o Comune
sponsor

La Regione Veneto toglie l’Urbanistica a La Città Metropolitana

sponsor

Nessun risultato pare abbia ha avuto la richiesta di moratoria per Venezia inoltrata ad Ater e Comune, in virtù anche della Legge Speciale e della specificità di Venezia.

commercial

La “caporetto” per la residenzialità a Venezia annunciata dal cittadino “Veneziano D.O.C.” un anno fa, da quanto si legge sui quotidiani, sembra ora “sorprendere” gli addetti ai lavori.

Ma forse era tutto previsto e prevedibile, e i suoi appelli per salvare gli ultimi residenti dall’esodo appaiono ancora totalmente inascoltati, e forse qualcuno ha dimenticato che gli alloggi di Ater e Comune dovrebbero svolgere un’azione sociale, e non dovrebbero improvvisamente essere assoggettati a “criteri di mercato”, specie in quello di Venezia praticamente “devastato” dall’impatto del turismo.

Ben venga la decadenza per chi ha i soldi per comprarsi la casa a Venezia (e non saranno molti) e un adeguamento del canone per chi, pur avendo redditi più consistenti della media e dei risparmi, non può comunque concederselo.

Ma nessuna decadenza dovrebbe essere applicata a chi semplicemente supera, con un modesto stipendio e limitati risparmi, un isee-erp di 20.000 euro che pare possa anche corrispondere (reinserito un canone di locazione magari di 2000 € annui, inizialmente detratti dall’Isee base), a un Isee normale di 18.000 euro, tutto sommato modesto.

Per “colpa” di un figlio che magari trova lavoro, o per aver pensato, visti i tempi, di risparmiare qualche decina di migliaia di euro per imprevisti o per la vecchiaia, in una Venezia che non ha alternative se non la terraferma nessuno dovrebbe perdere l’alloggio! Questo incrementerebbe l’esodo da una città in costante emergenza abitativa…

Almeno per Venezia centro storico e isole invece, non avendo una analoga periferia, si era auspicato che non fosse applicata la decadenza dell’assegnazione, ma fosse semplicemente adeguato il canone, ovviamente in modo calmierato e non certo di mercato. Cosa che non pare stia avvenendo, nonostante appelli e solleciti inviati dal residente a Comune, Ater e Regione affinché considerassero la specificità di Venezia, ma caduti per ora nel vuoto.

Dovremo vedere anziani settantenni “costretti” a farsi la patente auto perché dovranno emigrare in chissà quale sperduto paesino della terraferma, irraggiungibile da chi magari a Venezia li poteva assistere nella vecchiaia?

Improponibile ci pare far paragoni tra i canoni pubblici e i prezzi di mercato delle locazioni a Venezia: i contratti di locazione vecchi spesso potevano essere parzialmente in nero, e i nuovi, se ne esistono per residenti, hanno prezzi improponibili a causa dell’impatto del turismo, quindi i valori di riferimento O.M.I. dell’Agenzia delle Entrate (cui fa riferimento la Legge Regionale 39/2017,) non appaiono realistici, e pare che in molti comuni e per certe categorie di alloggi (esempio alloggi in discrete condizioni in alcune zone di Venezia) non esistano proprio: allora su cosa si baseranno i nuovi “calcoli”?

Non pare inoltre giusto far pagare ai residenti una locazione insostenibile perché un turismo con effetti devastanti sulla residenzialità ne ha fatto crescere i prezzi.

Crediamo serva valutare principalmente retribuzioni e pensioni, e non far prevalere dei modesti risparmi o i prezzi del “mercato” immobiliare.

E perché poi, proprio a Venezia (la città col carovita tra i più alti d’Italia) gli affitti dovrebbero pure aumentare anche per quei soggetti che prima erano tutelati, non per privilegio, ma giustamente?

Un sistema forse per far “cassa”, o per rimediare alle vicende gestionali che avevano portato al commissariamento di qualche Ater?

Abitare a Venezia, per chi vi è nato, non può essere considerato un lusso, ma solo un’esigenza, un modo di vivere, difficilmente adattabile in terraferma.

Per il resto, se un turista può pensare che sia un privilegio viverci (pensando alla gioia di poter visitare chiese e musei dalla mattina alla sera…), chi conosce Venezia potrebbe giudicare folle o masochista chi si ostina a voler vivere in una città:

-abitata prevalentemente da anziani,

-senza divertimenti per i giovani,

-dove spostarsi o raggiungere un pronto soccorso è difficile e lento,

-dove il costo della vita tra i più alti d’Italia,

-soffocata dai turisti, taxi, barche “granturismo” e navi,

-allagata dall’alta marea,

-con un clima umido e nebbioso dannoso per la salute,

-priva di un centro commerciale,

-con negozi in estinzione,

e dove pure, dopo la diossina in laguna e nei rii, si è recentemente scoperto ci sia l’aria più inquinata della Tangenziale, e talvolta persino di Milano!

Forse qualcuno ha dimenticato che a Venezia c’è un esodo inarrestabile dovuto a mio avviso principalmente al turismo, e che le case pubbliche sono ormai quasi l’unico modo per abitare in un alloggio in locazione per residenti!

Mi auguro che chi decide sulla sorte degli ultimi residenti, non si basi su algoritmi, ma, senza considerali privilegiati, sulla specifica realtà di Venezia e dei suoi abitanti…

Prof. Fabio Mozzatto – “Veneziano D.O.C.”

sponsor

TEMI PIU' RICERCATI

sponsor

Vuoi lasciare un commento? Nessuna registrazione necessaria

Please enter your comment!
Please enter your name here

sponsor

Altri titoli

Oltre 400 daspi a Venezia nel 2020, ritirate 83 patenti

Oltre 400 daspi urbani a Venezia nel 2020. Il Comando generale della Polizia locale di Venezia informa che, in occasione della festività di San Sebastiano,...

Coronavirus Venezia, curva rallenta. Addio al gestore della Latteria Popolare, 57 anni

Coronavirus Venezia con la curva che rallenta, finalmente. Si spera diventi presto possibile dimenticare i giorni in cui si superavano i 500 nuovi contagi in...

Morte della donna dimessa a piedi dal pronto soccorso, partite le indagini

Ci saranno minuziose indagini conseguentemente al decesso di Fabiana Carone, la povera donna di 52 anni morta dopo aver fatto rientro al proprio domicilio...

Whatsapp cede dati a Facebook? Fuga di utenti in massa: sospeso tutto per tre mesi

Whatsapp cede i dati a Facebook? Sul punto c'è una gran confusione, dice l'azienda di messaggistica, ma ormai il l'allarme era partito tra i...

“Il Carnevale di Venezia 2021 si farà”: ma come? Tutti gli scenari della kermesse

Tra un paio di settimane avrà inizio il Carnevale di Venezia 2021 mentre aumentano le incognite sulla sua organizzazione. Nel Carnevale 2020 ci fu...
commercial

Fiala vuota riempita con fisiologica e usata per vaccinare ancora. L’azienda : un errore

Fiala vuota riempita con fisiologica e usata per vaccinare ancora. Un mero "errore materiale" secondo la spiegazione. Uno scambio di fiale? Una cosa così. E' successo...

Hanging Challenge e i ragazzini su TikTok si stringono una cinta al collo. Morta bimba di 10 anni

Hanging Challenge è il nome di quest'ultima aberrazione. E' una 'sfida', le chiamano 'challenge', ed è l'ultima arrivata tra quelle lanciate sui social per provocare...

L’Isola dei Famosi 2021, i concorrenti: indiscrezioni su 47 possibili naufraghi

Il Grande Fratello VIP non è finito, anzi, ancora non è chiaro quando andrà in onda la finale. Nel frattempo già si parla del...

È morto anche il papà del falconiere, Gianni Busso

Nella notte tra lunedì e martedì è morto Gianni Busso, di 72 anni, all'ospedale dell'Angelo di Mestre, dov'era ricoverato dall'11 dicembre scorso per il...

Veneto prossima settimana in zona arancione o gialla. Zaia: «Sicuramente non rossa»

Sono 1359 i positivi nelle ultime 24 ore in Veneto con l'incidenza dei contagi al 3%. Non avendo più con la nuova circolare la...
sponsor

Incidente con lo scooter sul Ponte della Libertà: residente a Lido ricoverato in gravi condizioni

Incidente con lo scooter giovedì pomeriggio sul Ponte della Libertà. Un uomo di 57 è ricoverato in gravi condizioni a Mestre. Diverse le ipotesi della...

Terremoto, i comuni più a rischio in Veneto: la mappa aggiornata

Terremoto, i comuni più a rischio in Veneto sono 11. La mappa delle zone sismiche della regione è stata aggiornata dalla giunta regionale, su...

Trovato morto nel letto d’ospedale dopo l’intervento al piede

Trovato morto nel suo letto d'ospedale dopo l'intervento al piede. E’ successo il 19 gennaio all'ospedale di Mirano: un uomo di 72 anni, Luigi Geretto,...

Mestre, sabato ore 18: centinaia per lo spritz senza mascherina [video]. Lettere

Mestre, sabato sera: poche ore fa. Il video parla da solo. La segnalazione del lettore questa volta produce le prove incontrovertibili di come (alcuni) giovani se...

Chi mi ha chiamato? Di chi è questo numero?

Chi mi ha chiamato con questo numero? Ecco le informazioni sul numero comunicate dagli altri utenti...
commercial

Legge n. 104, cosa si può e non si può fare. Quali sono le sanzioni in caso di abusi?

Ancora Legge n. 104. Cosa posso fare e non posso fare durante i giorni di permesso retribuito per assistere un familiare con handicap. Quali...

Giovane fermato alla guida, ma non ha mai preso la patente. In auto droga e Taser

Compagnia Carabinieri di Venezia Mestre attenta e presente nei controlli coordinati del centro città e periferia. Tra i vari reati accertati ieri la condotta grave...

Giuseppe Conte: la fidanzata Olivia Paladino, l’ex moglie e il figlio

Dal primo giugno 2018 Giuseppe Conte è presidente del Consiglio dei ministri. I suoi 56 anni portati benissimo e il suo aspetto curato hanno...

Coronavirus Venezia, nuovi positivi con leggera ripresa

Coronavirus Venezia (e provincia) una giornata in chiaro-scuro quella che va dalle ore 17 di martedì alle ore 17 di mercoledì. In attesa che i...

Ospedale Civile: dimessa dal pronto soccorso va a casa a piedi e muore

Ospedale Civile di Civile ancora nelle prime pagine oggi. Una donna, visitata e dimessa dal pronto soccorso, è tornata a casa (con grande fatica) camminando...
sponsor
error: Contenuto coperto da Copyright. Ogni trasgressione verrà perseguita a termini di legge. Questo messaggio costituisce informativa, l\'interessato del plagio non potrà quindi invocare la \"buona fede\" ai sensi di Legge.