Sgominata la “Banda dell’Autogrill”, rapinavano turisti e stranieri in sosta

ultima modifica: 22/05/2019 ore 17:06

329


Sgominata la “Banda dell’Autogrill”, risultato di un obiettivo centrato dal Comando di Polizia Stradale di Venezia unitamente al Commissariato di P.S. di Marghera.

Dopo un’articolata attività d’indagine sui furti perpetrati nelle aree di servizio autostradali presenti nel territorio veneziano ai danni di turisti ed avventori stranieri, gli investigatori, sulla base delle testimonianze e dei filmati registrati dalle telecamere di sorveglianza, hanno individuato dapprima le autovetture utilizzate e successivamente i tre autori di ben sette furti commessi durante l’estate 2018, per un danno complessivo che supera i 30.000 euro.

I ladri agivano con particolare scaltrezza: sceglievano accuratamente le auto parcheggiate, preferendo quelle condotte da persone anziane o particolarmente vulnerabili, poi entravano in azione approfittando della sosta degli automobilisti.

A volte foravano uno pneumatico per indurre i malcapitati a sostituire la ruota e potere così rubare i beni incustoditi sui sedili, direttamente dagli sportelli aperti, approfittando della distrazione dei legittimi proprietari, altre volte invece forzando le serrature delle vetture parcheggiate. Uno dei furti è costato ad un anziano signore la perdita della sua costosa apparecchiatura acustica.

A.A. di 26 anni e S.J. di 37 anni, entrambi senza occupazione, gravati da numerose denunce per reati analoghi, sono risultati destinatari delle misure cautelari dell’obbligo di dimora e presentazione giornaliera alla P.G., mentre M.J. di anni 19, è stato raggiunto dalla medesima ordinanza presso la casa circondariale dove è già recluso per analoghi fatti.

Riproduzione Riservata.

LEGGI TUTTO

 

TEMI PIU' RICERCATI IN QUESTE ORE:

nuovo virus cinese 'Coronavirus' ceppo della Sars: ultimi aggiornamenti
"Bomba Day" a Marghera: evacuazione domenica 2 febbraio per migliaia di cittadini. Tutte le informazioni

Lascia un commento alla notizia che hai appena letto (nessuna registrazione necessaria)

Please enter your comment!
Please enter your name here