Sgomberato lo stabile in via Dante, diventato rifugio per i disperati di Mestre

ultimo aggiornamento: 06/02/2014 ore 11:57

109

vigili urbani armati a mestre

Lo stabile abbandonato a due passi dalla stazione di Mestre, era diventato il posto preferito per gli spacciatori, i malviventi e i senza tetto.

Niente era riuscito a fermarli, nemmeno le reti elettrosaldate e la muratura costruite per impedirne l’accesso.


Così ieri mattina, al civico 128 di via Dante, grazie a continue segnalazioni dei cittadini, in particolar modo del Comitato residenti di via Piave, i vigili urbani hanno messo a segno lo sgombero della palazzina.

Quando sono entrate le forze dell’ordine, hanno sorpreso tre extracomunitari, dai 27 ai 34 anni in uno stato igienico assolutamente precario. Per i tre è scattata immediatamente la denuncia per invasione di proprietà privata e per uno di loro con precedenti penali, sono scattate subito le procedure per l’espulsione.

Lo stabile appartiene ad una società di Mirano che sta preparando nuovi sistemi di misura per la sicurezza dell’appartamento.


Sara Prian

[06/02/2014]

Riproduzione vietata

TEMI PIU' RICERCATI IN QUESTE ORE:

➔ Coronavirus: tutti gli aggiornamenti
➔ Pensioni, le novità
➔ 'Racconti in quarantena': il concorso letterario aperto a tutti
 

⌂ titoli di prima pagina

Please enter your comment!
Please enter your name here