COMMENTA QUESTO FATTO
 

Sea Watch arriva a Lampedusa nonostante divieti. Guardia di Finanza intima l' "alt" ma la nave non si ferma
La Sea Watch, la nave di migranti in viaggio verso l’Italia, ha deciso di approdare sulle nostre coste nonostante ciò sia stato vietato dal blocco navale in atto e ribadito personalmente alla comandante.

Per fare ciò la comandante della nave ha letteralmente forzato il blocco violando i divieti che le erano stati imposti.

Skytg24 ha diffuso un audio di pochi minuti fa. La Capitaneria di Porto informa: “Non avete l’autorizzazione per l’approdo…”. La risposta della comandante: “Tra pochi minuti sarò nelle vostre acque territoriali…”.

“Ho deciso di entrare in porto a Lampedusa. So cosa rischio ma i 42 naufraghi a bordo sono allo stremo. Li porto in salvo”. Questo un tweet della comandante della Sea Watch, Carola Rackete, alle ore 14 di oggi che annunciava le intenzioni.

La responsabile della Ong, negli stessi attimi, ha invece dichiarato: “nessuna soluzione politica e giuridica è stata possibile, l’Europa ci ha abbandonati. La nostra Comandante non ha scelta”.

La Sea Watch era la nave che ha fatto sbarcare 47 migranti lo scorso mese grazie ad una concessione della procura per motivi di sicurezza all’ultimo momento, dopo un lungo braccio di ferro per lo scontro con le attuali normative sugli sbarchi.
Giorgia Linardi, portavoce di Sea Watch, all’epoca aveva dichiarato: “Ancora una volta si è dimostrato che i porti dell’Italia non sono chiusi”.

Immediata la reazione di Salvini che non ha mancato di sottolineare come la nave sia passata davanti ad altre coste e ad altri porti senza fermarsi per tirare dritto e indirizzare la prua verso Lampedusa, quindi non può indicare motivi di necessità. “L’immigrazione non può essere gestita da navi fuorilegge: siamo pronti a bloccare qualunque tipo di illegalità. Chi sbaglia, paga. L’Europa? Assente, come sempre”.

“Io non do autorizzazione allo sbarco a nessuno, non la do e non la darò mai, nessuno pensi di poter fare i porci comodi suoi sfruttando decine di disgraziati e fregandosene delle leggi di uno Stato. I governi di Olanda e Germania ne risponderanno, sono stufo” ha continuato il vicepremier e
ministro dell’Interno.

 
ASSOCIAZIONE LA VOCE DI VENEZIA 5X1000
 

“Chi se ne frega delle regole ne risponde, lo dico anche a quella sbruffoncella della comandante della Sea Watch che fa politica sulla pelle degli immigrati pagata non si sa da chi” ha poi scritto il ministro Matteo Salvini su facebook. “Se qualcuno pensa che le leggi sono barzellette pagherà fino in fondo”, ha aggiunto.

Pochi minuti fa, verso le ore 15, le motovedette della Guardia di finanza sono partite dal porto di Lampedusa per dirigersi verso la Sea Watch, che stava navigando in direzione dell’isola con 42
migranti a bordo. I mezzi della GdF avrebbero raggiunto la nave intimando l’ “Alt” via radio e per mezzo di segnalazioni visive.

Secondo quanto appreso, però, la nave ha tirato dritto senza fermarsi. Ora sta accostando a Lampedusa.

Riproduzione Riservata.

 

11 persone hanno commentato questa notizia

  1. Se ne valesse la pena e se lei, signor Andrea non fosse così accecato e prevenuto, si sarebbe accorto che ho sempre risposto. A meno che non voglia processarmi. Siamo ancora in democrazia e le idee si confrontano. O no? Per qianto riguarda la sua pretesa di sapere cosa faccia io o meno per gli altri, le dico che faccio quello che posso e non sono abituata ad esibire i miei comportamenti. Come vede mi ha trascinata in una penosa conversazione.

  2. Buona sera,
    Come al solito si parla di migranti, e come al solito la signora Corso ha da dire la sua.
    Non vi preoccupate se non risponde mai alle domande dirette e scomode. Purtroppo anche con me ha usato lo stesso metodo. Non può andare ad aiutarli perché non ha più l’età; non può ospitarli perché se no la si offende con futili questioni populiste. Lasciate perdere e continuate ad esprimere le vostre opinioni giuste e sincere. Non fatevi censurare e opponetevi al perbenismo falso e ipocrita. Apriamo gli occhi. L’immigrazione è un piano congeniato per distruggere i nostri punti di riferimento: FAMIGLIA, RELIGIONE CRISTIANA E STORIA NAZIONALE.

  3. Penso che la comandante avrà valutato, forse non li avrebbero accolti, a Malta.
    In quanto alle sue illazioni in merito a eventuali traffici e interessi, francamente li trovo così volgari e ingiusti che si sbriciolano da soli. A parte il fatto che non capisco perché i profughi dovrebbero andare dove vuole lei, le ricordo che Lampedusa ha sempre accolto con disponibilità grande le persone salvate in mare perché la gente del sud apre cuore e case ai suoi ospiti, non discrimina, accoglie e basta.

  4. Tante belle parole con cui riempirsi la bocca però non mi risponde: perché non si sono fermati a Malta?? Forse perché Malta non avrebbe alimentato quel traffico di questi poveretti che arricchisce qualcuno?
    Mi risponda!!
    Perché non si è fermata a Malta? Non andava bene per dare conforto alle persone stremate??

  5. Tanta cecità mi spaventa. Spero in tempi e cittadini migliori. Quando si perdono di vista i bisogni dei nostri simili più deboli e sfortunati si viola la nostra e altrui umanità. Per me oggi è una magnifica giornata perché di quei disgraziati in mare, mi importa e sono commossa e grata alla comandante.

  6. Eh no, scusi tanto, signor Marcello, non è leale il suo non ragionamento che è solo un’invettiva al vento. Sia invece felice per le persone stremate, so che a lei non importa di loro, è in buona compagnia con gli incivili e crudeli che sbandierano il rosario e poi sono cattivi e crudeli. Adesso basta. Tanto in basso non siamo mai caduti.

  7. Bravissima e grazie per aver dimostrato che si può essere grandi anche quando gli altri sono piccoli. Salvini non ha perso l’occasione per dimostrare la sua miserabile pochezza. Grazie, grazie ancora a una donna coraggiosa e giusta.

Lascia un commento alla notizia che hai appena letto (nessuna registrazione necessaria)

Please enter your comment!
Please enter your name here