6.1 C
Venezia
domenica 05 Dicembre 2021

Scuola senza insegnanti: in Provincia di Venezia ne mancano 2000

HomeScuolaScuola senza insegnanti: in Provincia di Venezia ne mancano 2000
la notizia dopo la pubblicità

Freddo nelle classi, al Pacinotti, Gritti, Cini Vendramin Corner saltano le lezioni
Sono davvero troppi duemiladuecento posti vacanti in Provincia di Venezia che attendono regolare posizione nel mondo della scuola.
E ancor più sperano in corsi di studio regolare gli studenti, che in poco più di un mese dall’inizio delle lezioni, hanno visto un’alternanza continua di docenti far staffetta nelle classi, lasciandoli, prima stupiti, poi interdetti e preoccupati con le famiglie che sollecitano la ripresa armonica delle lezioni e chiarezza sul futuro dei loro figli.

La Buona Scuola ha sbagliato strada da questa angolazione, l’aver pensato che i trasferimenti da Sud a Nord e viceversa avrebbero garantito la presenza annuale degli insegnanti e la continuità didattica, ha aggiunto problemi a quelli già esistenti.

Lo Snals a gran voce, ma anche gli altri rappresentanti dei sindacati scuola, considerano che mai si è arrivati a una situazione tanto complicata e a farne le spese sono soprattutto gli studenti, scoraggiati e sfiduciati dal fatto di non potersi affidare ad un insegnante, al suo metodo d’insegnamento.

Cinquemila docenti candidati aspettano di essere nominati, mentre negli istituti superiori mancano 933 professori, 492 alla Scuola media, 775 maestri tra elementari e materne. Ne consegue un via vai di docenti che si presentano nelle segreterie delle scuole e sperano in qualche giorno di lavoro, una volta esaurita la graduatoria delle supplenze ufficiali.

Tutte le scuole, gli istituti, i licei soffrono per questo clima di incertezza che, pur nel rispetto delle scelte (talvolta obbligate) professionali ed umane dei docenti, le conseguenze pesano sui ragazzi, sulla qualità della stessa scuola: è capitato che in una classe della Media Silvio Trentin di Mestre, in pochi giorni siano sfilati quattro insegnanti della stessa materia.

Può succedere che un docente accetti la nomina, ma poi nel ricevere un’altra opportunità, magari più vicino a casa, la preferisca e abbandoni la precedente.

Si conoscono pure le difficoltà (anche economiche) di chi ha accettato un posto a Venezia lasciando la propria città e famiglia in una regione lontana. Al momento accetta, perché lavorare è necessario, ma poi deve trovare casa, ambientarsi, basta una telefonata, un problema di famiglia, l’influenza dei bambini (che ha lasciato ai nonni), ed ecco che cerca di ritornare a casa, come è ragionevolmente comprensibile.

Pesca e ripesca dalle graduatorie, in attesa del titolare (immaginario) della cattedra, presidi alle prese con le nomine di supplenti temporanei, studenti dentro un vortice di cambiamenti, anche loro dentro le maglie di una burocrazia e sistemi difficili da sbrogliare in questo mondo del sapere, che ha il compito di formare ed educare i giovani, sta insegnando a chi l’osserva e lo studia che la strada per la Buona Scuola è ancora lunga e tortuosa.

Andreina Corso

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Andreina Corso
Cittadina 'storica' di Venezia, si occupa della città e della sua cronaca. Cura gli approfondimenti, è giornalista, insegnante, autrice letteraria, poetessa.

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

Notizie più seguite dall'archivio

spot_img

Ovovia, il Comune di Venezia vuole i danni (video della traversata)

L’Ovovia del Ponte di Calatrava e la sua rimozione: il Comune chiama in causa per danni i progettisti e le imprese costruttrici.

Actv, dipendenti, utenti, sindacato: chi ha ragione?

Filt Cgil giudica severamente il sistema dei trasporti, fino a definirlo indecente e vergognoso, l'azienda accusa il sindacato di spacciare fake news...

Bella giornata a Venezia rovinata da una dimenticanza: 184 euro di multa Actv

Buongiorno, sono una studentessa 25enne in corso di laurea magistrale e vorrei raccontarVi quanto accadutomi stamane 02/04/2017, al ritorno dalla "So e Zo per i ponti" a Venezia. Premetto di aver passato una bellissima mattinata in compagnia del mio fratellino e di un...

Deve andare a lavorare, entra in pontile dall’uscita causa turisti: pontoniera la fa multare

Una brutta multa e un brutto gesto. Una multa salata ad inizio settimana, come buongiorno. E la rabbia per una multa di 67 euro per essere entrata dalla parte dell’uscita del pontile della linea 1 sul piazzale di Santa Lucia. E’ vero,...

Automobilista litiga con ciclisti, fa inversione e li mette sotto come birilli

Litigio tra un gruppo di ciclisti ed un automobilista che li stava superando. L'automobilista fa inversione di marcia con l'automobile, punta dritto gli uomini in bici e li colpisce come birilli. Ne mette sotto due prima di fuggire. Uno degli uomini è...

G 20 a Venezia: città indifferente o infastidita

G 20 a Venezia: città e cittadini indifferenti o infastiditi, altro che occasione internazionale per mettere in mostra la città. In linea generale l'umore è irritato, gli incassi non sono all'altezza delle aspettative, il continuo sorvolo degli elicotteri, necessari alla sicurezza,...

“Non mi hanno fatto entrare all’Ospedale di Venezia per accompagnare mia figlia”. Lettere

Riceviamo e pubblichiamo. Buongiorno sono una cittadina italiana. Martedì ho accompagnato mia figlia di 10 anni a fare una visita in ospedale di Venezia ma all' ingresso non mi hanno fatto entrare perché non ho il "Green Pass". Ma secondo voi è possibile lasciare...

Tornelli a Venezia per gli arrivi: a volte ritornano

Con il turismo che ha ripreso e le folle a Venezia si ripropone il problema del controllo dei flussi. Ritornano i tornelli che non saranno come quelli installati nel 2018 ai piedi dei ponti di Calatrava e degli Scalzi in previsione...

Chiede di indossare la mascherina: turista picchia marinaio Actv

Il marinaio Actv chiede di indossare la mascherina: preso a pugni. Arriva il capitano: picchiato anche lui. Cattivo segno dei tempi di un turismo asfissiante e stressante a Venezia che sono tali anche per loro, per i turisti. La città, la pandemia,...

“Venezia è destinata a diventare un museo, fatevene una ragione”. Lettere

"Venezia diventerà un museo a cielo aperto fatevene una ragione" inizia così il parere di un lettore che poi dà "la colpa" proprio ai residenti

“Famiglie Veneziane Rovinate dagli Affitti Turistici”: un sondaggio per conoscersi e un comitato per il sostegno

Tra il serio e il faceto, “Tutta la Città Insieme!” lancia il Comitato FaVeRAT - “Famiglie Veneziane Rovinate dagli Affitti Turistici”. Per aderire, chiede di rispondere ad un sondaggio ed inviare racconti su come si convive con strutture ricettive nel proprio condominio...

Venezia. Match tra turiste ubriache per la pantegana. Vince l’animalista per ko tecnico alla 1a ripresa

Il video riporta una scena che si è svolta questa notte a Venezia, nello spiazzo dietro Rialto, di fronte al Fontego. Due ragazze, pare inglesi, sono al culmine di una bella serata, a quanto pare anche ben "allegre". Improvvisamente nasce una discordia....