5.7 C
Venezia
giovedì 09 Dicembre 2021

Scomparsa del sindaco di Dolo, il cordoglio di Brugnaro. I messaggi di vicinanza

HomeComune di VeneziaScomparsa del sindaco di Dolo, il cordoglio di Brugnaro. I messaggi di vicinanza
la notizia dopo la pubblicità

«Fai buon viaggio Alberto, sentiremo la mancanza della tua saggezza». Il sindaco di Venezia Luigi Brugnaro ha rivolto un messaggio di cordoglio per la morte del primo cittadino di Dolo, Alberto Polo, scomparso oggi, lunedì 4 gennaio, in tarda mattinata all’ospedale di Mirano.

«Tutta la comunità veneziana si stringe a Claudia, Adelaide, Gherardo e a tutti coloro che hanno voluto bene al sindaco di Dolo, Alberto Polo, in questo momento di grande dolore per la scomparsa non solo di un uomo, ma anche di un marito e un padre che ha saputo, con la sua vita, diventare esempio di dedizione al suo territorio. La sua città lo ha sempre visto, anche in quest’ultimo periodo di lotta contro la malattia, presente e attento alle esigenze di chiunque si rivolgesse a lui». Un sindaco moderato, ha continuato Brugnaro, capace di affrontare il suo incarico, soprattutto quello in ambito metropolitano, facendo sempre prevalere l’interesse collettivo rispetto a quello personale.

«Ho ancora ben vivi nella mente i momenti del tornado che ha colpito Dolo nel 2015 e che ci ha visto, entrambi neoeletti, collaborare per superare il momento di emergenza, e ancora più ho potuto apprezzare in questi anni la sua pacatezza e la sua lungimiranza. Doti che i cittadini di Dolo gli hanno riconosciuto tanto da rieleggerlo con un larghissimo consenso. La Città Metropolitana di Venezia perde oggi un suo stimato rappresentante», ha concluso il sindaco di Venezia.

Italia Viva

«La scomparsa del sindaco di Dolo, Alberto Polo, è una perdita grave per tutti: amici, famiglia e forze politiche. Se ne va una figura di prestigio del panorama politico rivierasco e metropolitano, persona stimata e sensibile ai temi del territorio, modello dell’idea progressista di società – ha scritto Italia Viva metropolitana Venezia – La saggezza, l’audacia, la perseveranza e l’autorevolezza con cui ha amministrato durante i suoi mandati e la sua idea di “Città gentile” rappresenteranno un punto di riferimento per la politica riformista. Alberto Polo ha saputo tracciare, con garbo e accortezza, la strada del rilancio del proprio territorio, manifestando sempre premura e disponibilità nei confronti di tutti».

L’Associazione Comuni del Veneto

«Se ne va un grande sindaco cha ha saputo incarnare con responsabilità e dedizione il suo ruolo istituzionale. La perdita di Alberto lascerà un grande vuoto, ma sono certo che il suo ricordo resterà vivo nella comunità di Dolo – ha scritto il presidente di Anci Veneto, Mario Conte, insieme ai vicepresidenti Maria Rosa Pavanello, Elisa Venturini ed Alessandro Bolis, il direttore Rapicavoli e gli organi di Anci Veneto – Alla famiglia – ha concluso il presidente – va la nostra vicinanza e il nostro pensiero affettuoso in questo momento di profondo dolore».

La Conferenza dei sindaci

«Costernati, a nome della Conferenza dei sindaci della Riviera del Brenta, esprimiamo il nostro cordoglio alla moglie, ai figli, ai genitori e alla comunità dolese per la perdita dello stimatissimo amico e collega Alberto Polo», è il messaggio della presidente della Conferenza, Federica Boscaro, sindaco di Fossò, a nome di tutti i primi cittadini -.
È doveroso ricordare il suo impegno e la sua presenza vivace e propositiva, la serietà e l’onestà nella programmazione che hanno determinato una crescita culturale e politica nel territorio. Presidente della Odg (Organizzazione di gestione della destinazione), organismo che comprende tutti i Comuni della Riviera e del Miranese, quattro Comuni del Trevigiano e di Padova, associazioni di categoria e del volontariato, Università Ca’Foscari e aziende pubbliche, si è speso con diplomazia ed eleganza ed ha portato al raggiungimento di obiettivi di sviluppo nel settore del turismo. Forte di principi irrinunciabili e risoluto, nonostante la malattia, non ha mai trascurato di prendersi “cura” dei settori che gli avevamo affidato all’interno dell’Unione di Comuni e come rappresentante dell’area della Riviera in seno al Consiglio Metropolitano. Il “ senso civico e di responsabilità” che aveva invocato nel discorso di fine anno ai suoi concittadini, ci vede commossi custodi del suo messaggio. La sua perdita lascia in tutti noi un vuoto incolmabile».

I partiti

«Con grandissimo dolore abbiamo appreso della scomparsa di Alberto Polo, amministratore capace e attento alle necessità della sua gente, ma soprattutto una grande persona, di rara umanità e sensibilità. Quella stessa tenacia e determinazione che lo hanno confermato sindaco di Dolo pochi mesi fa, con un risultato straordinario. Perdiamo un amministratore attento e preparato, ad esempio nelle battaglie per garantire alla Riviera del Brenta una sanità di qualità, ma perdiamo soprattutto una persona che si è spesa per un’idea alta della politica e dell’amministrazione di una comunità», hanno scritto il segretario regionale veneto Articolo Uno, Gabriele Scaramuzza, il segretario metropolitano Gianluca Trabucco e la segretaria della Riviera del Brenta, Irene Salieri.

 

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

Notizie più seguite dall'archivio

spot_img

Essere disabile di serie B a Venezia: se non hai la sedia a rotelle non ti credono

Cara Redazione, mi chiamo Maurizio Coluccio, 48 anni, nato a Novara, Assistente della Polizia di Stato in pensione per una malattia autoimmune rara, da esserne l'unico caso al Mondo, incurabile, tanto da dover ricorrere già per ben già due volte a trapianti...

G 20 a Venezia: città indifferente o infastidita

G 20 a Venezia: città e cittadini indifferenti o infastiditi, altro che occasione internazionale per mettere in mostra la città. In linea generale l'umore è irritato, gli incassi non sono all'altezza delle aspettative, il continuo sorvolo degli elicotteri, necessari alla sicurezza,...

“Si parla tanto di spopolamento di Venezia, ma la città perde meno abitanti di prima”. Lettere

In riposta alla lettera: "Le colpe dei veneziani e dei 'venezianassi' ". Vedo, purtroppo, che ancora una volta si punta il dito contro questo mostro delle locazioni turistiche senza mai vedere tutto l’insieme. Chiedo al prof. Mozzatto che faccia meglio i compiti prima...

Redentore di quest’anno segna il punto della città che sta finendo

E, alla fine, il Redentore, la festa più amata di Venezia, si svolse senza incidenti. Questo dicono le cronache, ma non si è trattato del solito copione che si ripete. Con un plauso per gli agenti dell'Ordine pubblico (un po' meno per...

Venezia si spopola: contatore ormai a 50mila residenti

Lentamente, i veneziani sono costretti a lasciare la loro città. L’agonia silenziosa degli esiliati in terraferma, inesorabile come una malasorte, è registrata fin dal 2008 su iniziativa di Venessia.com, dalla Farmacia Morelli in campo San Bartolomeo che ha posto in vetrina un...

L’autopsia dovrà chiarire perché è morto a 31 anni: non si è più svegliato dopo il vaccino

Mattia Brugnerotto è morto il giorno dopo l'iniezione. Si era sottoposto a dose unica del vaccino, andato a letto non si è più risvegliato.

C’è chi abusa del nome di Venezia per riempirsi le tasche mentre “schiavi” lavorano per loro. Lettere

Passavo per Campo Santo Stefano attirata dalla bella musica classica sparata a tutto volume. Ho scorto un banchetto addobbato con fiori e circondato da uomini in tuxedo e donne in abiti d'atelier. Dapprima pensai fosse una sorta di celebrazione dell'antistante Istituto...

8 Marzo dedicato alla Coreografa Luciana De Fanti. Di Andreina Corso

Se Italo Calvino ci perdona, se lo copiamo e ci lascia dire: se una sera d’inverno a Mestre una Grande Donna, un’Artista, una Ballerina, una Coreografa e una animalista ricorda suo figlio Omar Caenazzo, morto prematuramente in un incidente stradale, quella...

Venezia? Città invivibile per tutti. Lettere

In risposta a: “L’esodo da Venezia c’è ma è voluto e alcune categorie sono privilegiate”. La città è invivibile per tutti. Molti anziani non possono più muoversi di casa poiché quasi tutti gli appartamenti a Venezia non sono dotati di ascensore, c’è il...

Lettere. Nuova legge sugli alloggi pubblici, Zaia tratta i veneti peggio delle altre regioni leghiste

NUOVA LEGGE ALLOGGI PUBBLICI: TANTA PROPAGANDA SULL’AUTONOMIA, MA PROPRIO IL POPOLO VENETO E’ TRATTATO DALLA REGIONE DI ZAIA PEGGIO DELLA LOMBARDIA! I VENETI “FIGLI DI UN NORD MINORE”?

Anche la banca diventa bar: 50 ora i locali a Santa Margherita. Di Andreina Corso

Il problema Movida e i suoi affluenti, vien da dire ridendo amaro. Abbiamo ricevuto una bella lettera, lungimirante da Eric, cittadino canadese, che riportiamo qui sotto, per chi non l’avesse ancora letta. “Sono canadese e sono andato due volte in Venezia. Mi...

Prende il viagra: la moglie chiama la polizia

Prende il viagra: la moglie chiama la polizia. 82 anni, dopo avere preso la pillolina blu ha tentato di avere un rapporto sessuale con la moglie. Ma la donna, sua coetanea, ha avuto paura "dell'impeto" ed ha chiamato la polizia.  E' inutile descrivere...