venerdì 21 Gennaio 2022
-0.4 C
Venezia

Scavi nella laguna di Venezia: le posizioni contrapposte

HomeecosistemaScavi nella laguna di Venezia: le posizioni contrapposte

Scavi nella laguna di Venezia: posizioni contrapposte fra Ambientalisti e Corila. Ma alla fine della diatriba l’ultima parola l’avrà il VAS (valutazione d’impatto ambientale) che sugli scavi in laguna ha già espresso e motivato il suo giudizio negativo che collima e converge con il pensiero del mondo ambientalista e con gli studi specifici sulla salvaguardia e la morfologia del territorio lagunare. Sullo sfondo, sempre vigile e preminente la questione delle grandi navi.

Le posizioni riguardo gli scavi sono chiare e divisive. Il Corila (Consorzio per il coordinamento degli studi concernenti il sistema lagunare veneziano), asserisce che Il Piano morfologico della laguna e il Protocollo fanghi non danneggiano l’ambiente e non giudica adeguate le critiche di Ambiente Venezia e di Italia Nostra, che esprimono un forte dissenso.

Critiche che riguardano lo scavo dei canali e non solo: questione dirimente se si considera che l’ultimo Protocollo fanghi risale al 1993 e il Comitato tecnico del Provveditorato al Porto ne chiede la revisione, per una nuova classificazioni dei fanghi stessi, che dovrebbe giungere a breve.

Ambiente Venezia rimarca che il Piano morfologico studiato dal Provveditorato alle Acque e dal Consorzio Venezia nuova, avrebbe dovuto tener presente il porto off-shore sancito dal decreto legge 45 e per non consentire che si scavino canali per gli approdi temporanei a Marghera che danneggerebbero l’ecosistema lagunare. Corila ribatte, attraverso l’ingegner Pierpaolo Campo strini, che lo scavo dei sedimenti è legittimo perché permetterebbe di costruire barene artificiali proprio utilizzando i fanghi estratti dai canali scavati che proteggerebbero dall’erosione. Se la vedranno a pieno titolo i Ministeri della Transizione ecologica e Infrastrutture.

Italia nostra e Ambiente Venezia non sono d’accordo sullo scavo del canale dei Petroli e con nessun altro scavo perché ferirebbe la laguna, che va invece difesa e tutelata. Il ministero all’Ambiente, del resto, ha già giudicato negativamente il piano, e l’ha dimostrato con le direttive espresse nei due decreti la scorsa estate, attuati per non consentire alle grandi navi di percorrere la laguna (tutta) di Venezia.

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Andreina Corso
Cittadina 'storica' di Venezia, si occupa della città e della sua cronaca. Cura gli approfondimenti, è giornalista, insegnante, autrice letteraria, poetessa.

4 persone hanno commentato. La discussione è aperta...

  1. Credo che bisogna far coesistere più realtà nella stessa realtà; quindi le persone che hanno le competenze per gestire le svariate problematiche; dovrebbero trovare un punto d’incontro; per un piano sostenibile per ridurre il più possibile le varie criticità; perché questo possa salvaguardare le varie realtà che esistono all’interno della laguna e le varie filiere legate ad essa; in una convivenza rispettosa di tali realtà; in primis la città (più bella del Mondo) Venezia e la sua laguna…..; così per tutto il resto a seguire; turismo ristorazione; pesca…ecc. ecc. …; altrimenti ci vogliono decisioni estreme radicali.

  2. Sono contro qualunque scavo se non quelli di manutenzione ordinaria. Sarebbe un disastro per la laguna di Venezia. Se vogliamo costruire un terminal, lo facciano in mare fuori dal Lido di Venezia. La Laguna non può morire per fare passare navi.

  3. Con gli scavi si peggiorerebbe la situazione del caranto, il “catino” sul quale si regge Venezia .
    Se si aumentano i buchi nel caranto (che verso Marghera risale a soli 3 m) si aumenta inevitabilmente la velocità della subsidenza .

  4. Concordo pienamente con la posizione di Italia Nostra e Ambiente Venezia, ma come sempre gli interessi di Alcuni sono altri. Spero ardentemente che venga scelta la soluzione del Porto off shore. Venezia e il suo ambiente sono stati abbastanza violati.Basta!

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

Notizie più seguite dall'archivio

pubblicità

Jesolo: cani in spiaggia, perché in pochi rispettano le regole? Perché nessuno le fa rispettare?

Come ogni anno, decido di trascorrere qualche giorno di vacanza a Jesolo con la mia compagna e il nostro bimbo di un anno e mezzo. Dato che non abbiamo esigenze particolari, andiamo in spiaggia libera, in modo da avere più spazio...

Festa riuscita? Ve la racconto io la festa: un Rave in via Garibaldi. Lettere

Gentile direttore, vorrei sapere perché tutti contribuiscono a portare avanti questa farsa degli eventi in sicurezza quando invece è solo un'attività di facciata. Situazione di questa notte: un esercito di agenti a controllare che i residenti si posizionassero diligentemente entro gli spazi...

Redentore di quest’anno segna il punto della città che sta finendo

E, alla fine, il Redentore, la festa più amata di Venezia, si svolse senza incidenti. Questo dicono le cronache, ma non si è trattato del solito copione che si ripete. Con un plauso per gli agenti dell'Ordine pubblico (un po' meno per...

Venezia e sovraffollamento di turisti: altro weekend di passione

Ritorna l’onda alta della marea di turisti che assediano Venezia e che rispecchiano, come già tante volte abbiamo visto in questi anni, le situazioni di disagio e di crisi che la città si trova a subire a causa del sovraffollamento, dopo...

Actv, dipendenti, utenti, sindacato: chi ha ragione?

Filt Cgil giudica severamente il sistema dei trasporti, fino a definirlo indecente e vergognoso, l'azienda accusa il sindacato di spacciare fake news...

Quando la città è troppo affollata di visitatori: “Venezia la si vuole piena di turisti”. Lettere

In risposta alla lettera: "A Venezia siamo scortesi? Gravissima protesta di una ragazza arrivata a detestare i veneziani". Venezia la si vuole piena di turisti !!! Questo e’ il business. Dai ragazzi, guardatevi negli occhi. Io a Venezia ci vivo da non Veneziano: le...

Se un lavoratore ha l’Indennità di Disoccupazione e al tempo stesso lavora «in nero» cosa accade?

Al lavoratore che ha reso all'INPS o al Centro per l'Impiego la dichiarazione dello stato di disoccupazione può essere contestato il reato di falsità ideologica commessa dal privato in atto pubblico (art. 483 c.p.) che prevede la sanzione della reclusione fino a due anni.

Venezia affollata: altri 50mila. Ancora trasporti in difficoltà

"Mamma ma Venezia è sempre così affollata...?". La mamma cerca una risposta che abbia una logica, ma la risposta la possiamo dare noi: "Sì tesoro, praticamente sempre e peggiora di sabato e domenica". La scena viene colta andando verso i Gesuiti tra...

A Venezia tutti stipati dentro i vaporetti, e l’intesa ancora non c’è

Venezia, il desiderio di visitarla. Venezia, la sua tenuta, Venezia e la strategia dei trasporti che tenta di dar risposta alle esigenze di spostamento a quanti, veneziani e turisti cercano di raggiungere un vaporetto o un motoscafo, facendosi largo a gomitate...

“Si parla tanto di spopolamento di Venezia, ma la città perde meno abitanti di prima”. Lettere

In riposta alla lettera: "Le colpe dei veneziani e dei 'venezianassi' ". Vedo, purtroppo, che ancora una volta si punta il dito contro questo mostro delle locazioni turistiche senza mai vedere tutto l’insieme. Chiedo al prof. Mozzatto che faccia meglio i compiti prima...

Marinaio ‘sprezzante’, alterco in motoscafo Actv

E' ormai un quarto alle 8 e alla fermata di San Pietro di Castello non si vede ancora all'orizzonte il motoscafo Actv con direzione Fondamente Nove, quello che porta i dipendenti dell'Ospedale Civile a lavorare (7,39 sul tabellone). "Passano altri cinque, dieci,...

Sanzione disciplinare irrogata dal datore di lavoro. L’impugnazione. I principi di immutabilità, specificità, immediatezza e proporzionalità

La Sanzione Disciplinare irrogata dal datore di lavoro. Vediamo oggi l'impugnazione della sanzione e i principi di immutabilità, specificità, immediatezza e proporzionalità