25.5 C
Venezia
sabato 24 Luglio 2021

“Scarpe Veneziane” ma venivano dall’India: maxi sequestro

Homefalsi d'autore"Scarpe Veneziane" ma venivano dall'India: maxi sequestro

“Scarpe Veneziane” finte: scarpe ‘veneziane’ fatte in India arrivate e sbarcate a Tessera. Hanno scoperto tutto i militari della Guardia di Finanza di Mirano con un sequestro del valore di un milione di euro di merce.
Il sequestro riguarda 12.000 paia di calzature. Le scarpe sono state scoperte sprovviste dell’indicazione del Paese di produzione durante un servizio di controllo economico del territorio svolto da una pattuglia della Compagnia di Mirano.

Il carico era trasportato in un autoarticolato in viaggio verso i canali di vendita. Le scarpe erano confezionate in scatole pronte per la vendita ma prive di indicazioni relative al luogo di produzione.
La ricostruzione del viaggio, tramite l’esame della documentazione di trasporto, ha consentito di appurare che erano state prodotte in India e, dopo le procedure doganali all’aeroporto “Marco Polo” di Venezia, erano destinate a un’azienda della provincia, da dove sarebbero poi state immesse in commercio in tutto il territorio dell’Unione Europea.

L’intervento dei finanzieri nel deposito dell’importatore ha consentito la scoperta di ulteriori prodotti dello stesso tipo, da poco arrivati in Italia con le medesime modalità. Il valore di mercato complessivo delle calzature supera il milione di euro. Sulle confezioni di una parte della merce erano riprodotti richiami all’Italia e alla città di Venezia, tali da poter indurre in errore il consumatore finale circa l’origine nazionale del materiale. Le scarpe sono state sottoposte a sequestro e l’importatore è stato segnalato alla Camera di Commercio di Venezia e Rovigo per le sanzioni amministrative.

» potrebbe interessarti anche: “Gucci, Prada, Dior, Hermes, Chanel e Balenciaga: fiera del tarocco scoperta a Padova dalla GdF

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Data prima pubblicazione della notizia:

Condividi la notizia, potrebbe interessare agli altri:

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

altre notizie dall'archivio qui sotto
spot
Advertisements
sponsor

Grazie per aver sfogliato la nostra pagina. La tua considerazione è un'attestazione per il nostro lavoro.
Questo giornale è libero e gratuito per tutti dal 2006.
E' gradito ai lettori perché teniamo le pubblicità in modo meno invasivo possibile anche se questo significa rinunciare a introiti.
Come hai potuto vedere, tutte le righe si leggono perfettamente e non ci sono finestre o video che si aprono contro la tua volontà.
Così come garantiamo la qualità dell'informazione pubblicando solo notizie verificate.
Per tutto questo non chiediamo nulla ma se vuoi sostenerci puoi farlo con il 5x1000. Oppure puoi scorrere le altre news e leggere un'altra notizia in modo da darci un punto in più nelle prossime rilevazioni statistiche. Infine, potresti cliccare il "Mi Piace" sul 'Like Page' di Facebook qui sotto.
Grazie e speriamo che tu possa tornare a trovarci presto, in modo da poterti essere ancora utili con il nostro giornale libero e gratuito.