30.5 C
Venezia
sabato 19 Giugno 2021

Scarafaggio nel piatto alla mensa di scuola. Per ora l’unico colpevole è l’insetto

HomeNotizie Venezia e MestreScarafaggio nel piatto alla mensa di scuola. Per ora l'unico colpevole è l'insetto

scuola elementare mensa bambini nostra
Un insetto sul piatto della pasta trovato da un bambino di 9 anni durante la mensa in una scuola di Mestre, riapre il bisogno di verifica dei controlli e delle carenze strutturali ed igieniche che vivono le nostre scuole.

I tecnici dell’Usl del Servizio Igiene Alimenti e Nutrizione, stanno verificando la situazione per capire come quell’ospite indesiderato sia potuto capitare nel piatto durante la scodellatura che quotidianamente offre il pranzo ai circa cento alunni delle classi che usufruiscono della mensa.

Inizia e si avvia come sempre il palleggio delle responsabilità, si indaga sulla cottura o meno dello scarafaggio, per definirne la provenienza, si denunciano carenze legate all’incuria: da mesi il vetro di una finestra della mensa è rotto ed è stato ricoperto “per modo di dire” da fogli di carta e scotch: gli insetti possono entrare anche da lì?

I genitori lamentano altre esperienze legate ad insetti riferendo di averli trovati dentro lo zainetto dei piatti e si interrogano seriamente sulle effettiva sicurezza igienica per la salute dei loro figli.

Gabriele Senno dirigente Ames, responsabile dei pasti che si distribuiscono nelle nostre scuole, non ha dubbi, il Servizio non c’entra, il vero problema sono le fognature, chiama a rispondere Veritas e a suo giudizio, tutta la zona con la scuola dovrebbe essere disinfestata.

L’unico e solo imputato responsabile per ora è lo scarafaggio che i laboratori dell’Arpav stanno analizzando per capire la dinamica di questa brutta esperienza che ha messo in grande difficoltà i bambini, gli insegnanti e i genitori, con il Comitato mensa, vittime di problemi non risolti rispetto la manutenzione corretta di quella ed altre scuole.

Potrebbe essere un’occasione per verificare lo stato delle scuole, il rispetto delle norme igieniche ed ambientali, la situazione edilizia e il superamento delle barriere architettoniche, la valutazione dei luoghi dove mangiano i bambini, ( l’insonorizzazione delle pareti, a quando?).

Intanto i bambini mangiano i panini confezionati a casa e per il momento il problema è congelato fino alla diagnosi dei laboratori Arpav.

Andreina Corso | 05/06/2016 | (Photo d’archive) | [cod sepameve]

Data prima pubblicazione della notizia:

Vuoi lasciare un commento? Nessuna registrazione necessaria

Please enter your comment!
Please enter your name here

altre notizie dall'archivio qui sotto
spot
Advertisements
sponsor