Gianluca Stival consulenza linguistica
Gianluca Stival consulenza linguistica
Gianluca Stival consulenza linguistica
13C
Venezia
domenica 28 Febbraio 2021

SEGNALAZIONI

HomeCronacaSfasciano tutto nel carcere minorile: è per far vedere allo Stato che sono i nuovi boss

Sfasciano tutto nel carcere minorile: è per far vedere allo Stato che sono i nuovi boss

Sfasciano tutto nel carcere minorile: è per far vedere allo Stato che sono i nuovi boss

Hanno sfasciato mobili, tubature, termosifoni, televisori.
Hanno colpito con i piedi di legno dei tavoli e con manici di scopa gli agenti penitenziari, ferendone in maniera lieve due.
Hanno sfondato una parete divisoria tra due celle utilizzando delle brande.

Una rivolta, quella fatta scoppiare nel carcere minorile di Airola (Benevento) che, sia secondo il Centro giustizia minorile che per il Sappe, ha un obiettivo chiaro: l’ascesa criminale di alcuni detenuti vicini al clan.

Una ‘manifestazione’ di forza, dunque: per dimostrare di essere in grado di tenere in scacco lo Stato e di poter, quindi, aspirare a diventare boss.

Ci sarebbe dietro questo scenario a quanto accaduto nel carcere del Beneventano: 37 detenuti, minorenni ma anche ultra 21enni. “Abbiamo temuto perché la situazione è stata critica – dice Donato Capece, segretario generale del Sindacato Autonomo Polizia Penitenziaria Sappe – I detenuti dopo aver sfasciato interamente una Sezione dell’Istituto penale per Minorenni, hanno continuato a minacciare gli Agenti di Polizia Penitenziaria in servizio nelle sezioni detentive con i piedi di legno dei tavoli e manici di scope, dopo averne feriti due ai quali va la nostra solidarietà”.

Il ‘pretesto’ della rivolta sono state rivendicazioni legate al vitto e alla sigarette ma la realtà, dice il Sappe, è più complessa. “É una manifestazione di forza da parte di clan della criminalità organizzata all’interno del carcere. La rivolta è scoppiata per questo – spiega Capece – è una lotta tra bande e uno dei clan ha voluto così dimostrare che è più forte e che riesce a tenere in scacco anche lo Stato. Il problema è che l’ordinamento consente la presenza di ultra 21enni Sono piccoli boss che portano avanti una lotta per la supremazia. L’ennesima dimostrazione che il carcere è una università del crimine”.

Ammontano ad oltre 30mila euro i danni provocati dalla rivolta. Sul posto, tra i primi ad arrivare, Giuseppe Centomani, dirigente del Centro Giustizia Minorile della Campania. “Questi ragazzi hanno come obiettivo fare una carriera criminale – dice – oggi hanno voluto dimostrare di essere in grado di creare problemi e di poter passare al carcere duro, quello degli adulti”.

A promuovere la protesta, infatti, sarebbero stati alcuni detenuti maggiorenni che gravitano nell’orbita di clan camorristici napoletani e che nella protesta avrebbero coinvolto gli altri giovani detenuti.

Per il ministro della giustizia Andrea Orlando, la rivolta “è un fatto preoccupante. Cercheremo di capire che cosa è successo anche se devo dire che l’universo dell’esecuzione penale minorile è un’eccellenza che si distingue in positivo dal sistema penitenziario del Paese”.

06/09/2016

(foto di repertorio)

Data prima pubblicazione della notizia:

sponsor

Vuoi lasciare un commento? Nessuna registrazione necessaria

Please enter your comment!
Please enter your name here

Le notizie più lette dopo la pubblicità
Loading...

Rialto, la banda di aggressori ha le ore contate [il video]

Rialto, la banda di aggressori ha le ore contate. Hanno urinato sul ponte di Rialto e colpito chi li ha rimproverati. Non sapendo, probabilmente, che...

“Ci viene impedito di issare la bandiera di San Marco. Danno alle generazioni veneziane”. Lettere

Riceviamo e pubblichiamo. "L' Associazione culturale wsm Venexia Capital tiene a far sapere che a Venezia non è possibile commemorare la nascita del Doge Morosini...

Auto si capovolge, giovane donna perde la vita. Ultima ora

Auto si capovolge, una giovane donna ha perso la vita. Un incidente mortale quello che si è verificato questa sera alle 21.30 a Salzano,...
spot

Aggressione a Rialto: denunciato un ventenne, individuati due amici

Il comandante della Polizia locale, Agostini: "Venezia è una città sicura e sotto controllo, grazie anche alla collaborazione con le altre forze di polizia...

Ricercato internazionale arrestato a Venezia, faceva colazione in un hotel di lusso

Come in un intrigo internazionale, di quelli che si vedono nei film o nei romanzi ad alta suspense , il giallo si conclude con...

Assembramenti a Venezia, Polizia chiude bar

Veneto ancora zona gialla ma non deve venire meno l'attenzione per le norme anti-contagio. Nella giornata di ieri, invece, la Sezione Polizia Amministrativa del Commissariato...
le notizie più lette dopo la pubblicità
Loading...

Concorso Letterario de “La Voce di Venezia”. Prima edizione: “Racconti in Quarantena”. La classifica

» vota il tuo racconto preferito » vai alla presentazione del concorso » leggi tutti i racconti arrivati

Morto Antonio Catricalà. E’ suicidio

Antonio Catricalà è morto. Aveva 69 anni. Ex sottosegretario alla Presidenza del Consiglio ed ex Garante dell'Antitrust, Catricalà si sarebbe suicidato in casa. La scoperta...

Covid ospedaliero a Venezia in ripresa: 22 ricoveri in due giorni

Covid Venezia, numeri in ripresa di riflesso agli indicatori che arrivano dalla situazione regionale e nazionale. 22 altre persone si sono ricoverate in due giorni...
spot

Mose: perito per le cerniere da le dimissioni. “Nel 2019 abbiamo rischiato”

Clamoroso al Mose. La notizia esplode questa mattina in edicola con la Nuova Venezia. L'articolo racconta nel dettaglio una durissima lettera d'accusa inviata al Provveditore...

Nuovo Dpcm: niente riaperture fino a Pasqua

Nuovo Dpcm: il governo non allenta le misure. "Le variante inglese, a maggior diffusione, sarà presto prevalente. L'Rt si appresta a superare la soglia...

Aggiornamento Covid: balzo dei positivi

Covid Veneto: è allarme per un nuovo forte balzo dei positivi. Nuovi contagi Covid in Veneto oggi: si registrano 1.304 positivi al virus in 24...
error: Contenuto coperto da Copyright. Ogni trasgressione verrà perseguita a termini di legge. Questo messaggio costituisce informativa, l\'interessato del plagio non potrà quindi invocare la \"buona fede\" ai sensi di Legge.