2.8 C
Venezia
giovedì 28 Gennaio 2021

Riaperture, intervista a Marco e Claudio di Mestre: “Riaprire la gelateria, simbolo di speranza e libertà”

Home riaperture Riaperture, intervista a Marco e Claudio di Mestre: "Riaprire la gelateria, simbolo di speranza e libertà"
sponsor

Riaperture, intervista a Marco e Claudio: "Riaprire la gelateria, simbolo di speranza e libertà"

sponsor

Grazie ad una situazione in miglioramento che lascia ben sperare, ci si avvicina sempre di più ad un parziale e graduale ritorno alla normalità.

commercial

In Veneto dal 24 aprile, per effetto della nuova ordinanza del presidente Luca Zaia, è stata data una possibilità alle attività per poter tornare operativi oltre al sistema della consegna a domicilio.

È possibile ora per ristoranti, bar, pasticcerie e gelaterie la vendita tramite il sistema dell’asporto, il take-away, chiaramente nel rigoroso rispetto delle norme di sicurezza vigenti a causa dell’emergenza sanitaria COVID-19.

Grazie a questa nuova ordinanza si innesca un graduale processo di ritorno alla normalità per tante attività che mentre prima potevano adottare solo il servizio a domicilio, ora possono tornare al lavoro permettendo ai clienti di sfruttare il servizio d’asporto.

Le gelaterie dunque, grazie a questa nuova ordinanza, possono iniziare a tornare verso la normalità seppur al momento unicamente con il servizio take-away che garantisce però una possibilità importante considerando anche l’arrivo della bella stagione.

Marco e Claudio Zanette, della nota gelateria Chocolat Luxury gelato di Mestre, spiegano come l’attività ha reagito all’emergenza e come sarà la riapertura nel rispetto delle norme di sicurezza.

Come avete vissuto il dover chiudere la vostra attività a causa dell’emergenza COVID-19?
“Chiudere l’attività da un giorno all’altro non è mai facile, dietro un’attività come la nostra c’è un’accurata metodologia di gestione. Ci siamo trovati di punto in bianco a dover bloccare tutto, moltissime prenotazioni, lavorazioni che richiedono più giorni etc. In seguito ovviamente abbiamo perso tutta la merce con deperimento settimanale, basti pensare a panna e latte fresco, e poi quintali di gelato smaltito nei giorni a seguire. Il gelato può durare molto nei freezer, ma è soggetto comunque ad una riduzione qualitativa della struttura interna e se non è perfetto non si vende”.

“Poi quando ci si trova a buttare tantissime cose, tutto quello che ovviamente non siamo riusciti a donare, si fa vivo il pensiero delle famiglie che dipendono dai nostri locali, comprese le nostre. Arrivano le fatture da pagare, fornitori, stipendi, affitti… tutto va avanti come se l’attività fosse aperta, ma senza incassi. Si vive uno stato di angoscia perché sappiamo bene che non possiamo resistere molto. La nota positiva è stata senz’altro il poter stare un periodo così lungo a casa con la famiglia, dal momento che siamo abituati a passare le nostre giornate a lavoro.”

Avete adottato il sistema della consegna a domicilio? Ci sono state molte adesioni?
“Quando la situazione si è “stabilizzata”, siamo stati tra i primi ad adottare un sistema di consegne a domicilio, ci siamo rimboccati nuovamente le maniche, abbiamo preparato tutto il gelato in quantità ridotte e con l’aiuto dei social siamo riusciti ad organizzare un ottima gestione delle ordinazioni. Ovviamente gli incassi da questo tipo di servizio, sono esigui, ma sempre meglio di niente.”

Com’è stato poter finalmente riaprire con la modalità dell’asporto?
“Poter riaprire è stato bello anche se in parte si soffre nel vedere il locale aperto ma vuoto. Sabato abbiamo lavorato molto! Il problema è stato il mancato preavviso che ci ha trovati impreparati con scarsità di materie prime che venivano prima acquistate in modeste quantità.”

Come vi sembra ora e come pensate sarà lavorare convivendo con le misure di sicurezza?
“Al giorno d’oggi lavorare è sicuramente più complicato, soprattutto il poter servire un cliente alla volta. Per quanto riguarda le misure igienico sanitarie, per noi non c’è molta differenza: chi lavora nel settore alimentare è abituato alla sanificazione degli ambienti di lavoro, all’utilizzo di guanti monouso e mascherine, e così via. Le mascherine che prima si utilizzavano solo in laboratorio, adesso le dobbiamo utilizzare anche nella vendita, ma non è un problema. Sicuramente il danno maggiore sarà causato dalle distanza di sicurezza che ridurrà notevole i posti all’interno dei locali.”

Che significato ha per le persone, dopo tutto questo tempo, vivere le piccole cose quotidiane come poter uscire a comprare un gelato take-away?
“Gelato e caffè per la gente sono sembrati una rinascita! Il caffè e il gelato sono simboli dell’Italianità, e la gente li vive come una libertà! È stato veramente bello vivere questa voglia di libertà con i nostri clienti, in particolare dei più piccoli, che finalmente trovano un momento di felicità dopo una lunga quarantena.”

Alessia Tosi

sponsor

TEMI PIU' RICERCATI

sponsor

Vuoi lasciare un commento? Nessuna registrazione necessaria

Please enter your comment!
Please enter your name here

sponsor

Altri titoli

Oltre 400 daspi a Venezia nel 2020, ritirate 83 patenti

Oltre 400 daspi urbani a Venezia nel 2020. Il Comando generale della Polizia locale di Venezia informa che, in occasione della festività di San Sebastiano,...

Crolla a terra a San Giovanni Grisostomo, malore fulminante

Verosimile malore fulminante a San Giovanni Grisostomo, a Venezia, ieri sera. Un uomo che stava passeggiando è improvvisamente crollato a terra probabilmente colto da un...

Altro bambino di 9 anni muore con la corda al collo. Social, sfida, gioco: qual è la matrice di questa follia?

Un altro bambino, questa volta di 9 anni, è morto impiccato in casa. Espressione dura che descrive tutta la crudezza di questa follia che...

Fiala vuota riempita con fisiologica e usata per vaccinare ancora. L’azienda : un errore

Fiala vuota riempita con fisiologica e usata per vaccinare ancora. Un mero "errore materiale" secondo la spiegazione. Uno scambio di fiale? Una cosa così. E' successo...

Hanging Challenge e i ragazzini su TikTok si stringono una cinta al collo. Morta bimba di 10 anni

Hanging Challenge è il nome di quest'ultima aberrazione. E' una 'sfida', le chiamano 'challenge', ed è l'ultima arrivata tra quelle lanciate sui social per provocare...
commercial

Incidente con lo scooter sul Ponte della Libertà: residente a Lido ricoverato in gravi condizioni

Incidente con lo scooter giovedì pomeriggio sul Ponte della Libertà. Un uomo di 57 è ricoverato in gravi condizioni a Mestre. Diverse le ipotesi della...

Concorso Letterario de “La Voce di Venezia”. Prima edizione: “Racconti in Quarantena”. La classifica

» vota il tuo racconto preferito » vai alla presentazione del concorso » leggi tutti i racconti arrivati

Covid: pazienti morti per colpa del medico? Dottore arrestato per improprio uso farmaci

Pazienti morti non per il Covid ma per colpa del medico? Un dottore è stato arrestato e posto agli arresti domiciliari per questa ipotesi. Va...

Coronavirus Venezia, la seconda ondata si sta ritirando

Coronavirus Venezia e provincia, la seconda ondata da segni di regressione. Il primo segno si può interpretare con il tasso di occupazione dei posti letto. I...

Giovane fermato alla guida, ma non ha mai preso la patente. In auto droga e Taser

Compagnia Carabinieri di Venezia Mestre attenta e presente nei controlli coordinati del centro città e periferia. Tra i vari reati accertati ieri la condotta grave...
sponsor

Il virus si fa ancora sentire: +14 terapie intensive. Esperto: un altro stop sarebbe meglio

Andamento Covid oggi: il virus si fa ancora sentire. +11.629 casi e 299 i morti in 24 ore. +14 i ricoveri nelle terapie intensive. Gli...

Andamento pandemia: casi in crescita oggi del 50%

Andamento pandemia in piena fase altalenante. Dopo un trend che tutti avevano definito 'di regressione' tornano ad aumentare i numeri oggi. Sono 15.204 i test...

“Il Carnevale di Venezia 2021 si farà”: ma come? Tutti gli scenari della kermesse

Tra un paio di settimane avrà inizio il Carnevale di Venezia 2021 mentre aumentano le incognite sulla sua organizzazione. Nel Carnevale 2020 ci fu...

Tagli agli stipendi per pandemia, dipendenti Actv sul piede di guerra

Tagli agli stipendi Actv a causa della pandemia. In realtà, non veri e propri 'tagli', bensì voci integrative che non possono più essere assicurate. Si...

Zuppa conservata male origina botulino: 40enne in rianimazione

Un uomo di 40 anni ha mangiato una zuppa scongelata ed è finito all'ospedale per intossicazione da botulino. L'incidente, che non ha responsabili se...
commercial

Anziana in stato confusionale voleva buttarsi in acqua di notte alle Fondamente Nove

Delicato intervento della Polizia di Stato alle tre di notte tra domenica e lunedì. Il soccorso ha riguardato una anziana signora che sembrava volersi buttare...

Piazza Ferretto: sfonda vetrina con un tombino per rubare bottiglie esposte

Una pattuglia del Reggimento Lagunari Serenissima, impegnata nel servizio Strade Sicure, ha bloccato ieri sera un uomo che dopo aver sfondato la vetrina di...

ZENO di Lorella Del Gesso [concorso letterario]

Il mio nome è Zeno, la mia età cinque anni. Vivo con Eleonora, che è la mia mamma, e Alan, il suo compagno, con cui...

Chi mi ha chiamato? Di chi è questo numero?

Chi mi ha chiamato con questo numero? Ecco le informazioni sul numero comunicate dagli altri utenti...

Legge n. 104, cosa si può e non si può fare. Quali sono le sanzioni in caso di abusi?

Ancora Legge n. 104. Cosa posso fare e non posso fare durante i giorni di permesso retribuito per assistere un familiare con handicap. Quali...
sponsor
error: Contenuto coperto da Copyright. Ogni trasgressione verrà perseguita a termini di legge. Questo messaggio costituisce informativa, l\'interessato del plagio non potrà quindi invocare la \"buona fede\" ai sensi di Legge.