9.1 C
Venezia
sabato 27 Novembre 2021

Recoba, un uruguaiano in laguna

HomeCalcio VeneziaRecoba, un uruguaiano in laguna
la notizia dopo la pubblicità

Amarcord Venezia calcio: la meravigliosa salvezza del 1998-1999

Il calcio nella laguna veneziana è, come in tutta Italia, uno spettacolo di quelli importanti, nonostante la squadra locale non abbia mai raggiunto grandissimi traguardi. Tuttavia, c’è stato un tempo in cui, sotto la gestione dell’imprenditore Maurizio Zamparini, il Venezia calcio ha vissuto un’epoca molto felice. È stato a metà degli anni ’90, quando gli arancioneroverdi tornarono in Serie A nell’estate del 1998 per dare vita a una delle più belle stagioni di sempre sulla laguna.

Nell’annata successiva in massima serie, dopo un inizio stentato, arrivò un campione che avrebbe cambiato per sempre la percezione dello spettacolo calcistico a Venezia. Parliamo di Alvaro Recoba, uruguaiano acquistato un anno e mezzo prima dall’Inter e pallino di Massimo Moratti, il quale però non aveva trovato la continuità totale in nerazzurro.  

Dotato di un sinistro strepitoso, il sudamericano era stato scovato dagli scout dell’Inter, una delle favorite di quest’anno per lo Scudetto secondo le scommesse sul calcio di Betfair. Il suo approdo in laguna, tuttavia, fu fondamentale nel dargli molta fiducia e, soprattutto, un posto da attaccante titolare libero nei movimenti, del quale aveva bisogno per rendere al meglio.

Dopo aver indossato la maglia dei Leoni Alati a gennaio, l’uruguaiano rinacque, dando vita a un vero e proprio show fatto di dribbling, giocate impensabili e goal, con un bottino totale di 10 centri in 19 incontri.

Prima di arrivare al Penzo, Recoba quell’anno aveva disputato solamente una partita con l’Inter, una squadra nella quale non rientrava nei piani dell’allenatore Luigi Simoni. A Venezia, tuttavia, agli ordini del sapiente Walter Novellino, il mancino di Montevideo trovò la sua dimensione, grazie anche all’ottimo lavoro di una squadra che poteva contare su elementi affidabili come Gianluca Luppi, Francesco Pedone e l’attaccante Filippo Maniero, con il quale il mancino formò una splendida coppia d’attacco.

La salvezza raggiunta alla grande a fine stagione fu un capolavoro, con Recoba attore protagonista, come dimostrato in tante occasioni tra le quali spicca quella di una strepitosa tripletta alla Fiorentina.
Dopo il grande rendimento durante quei mesi in laguna, dove l’uruguaiano si era sentito come a casa, il ritorno all’Inter fu obbligato, e da quel momento in poi il fantasista sudamericano cominciò a fare sul serio.

L’annata seguente all’Inter lo vide giocare 27 partite e segnare 10 reti in campionato, e da quel momento il suo rendimento gli permise di scalare la classifica dei calciatori più pagati del momento, piazzandosi al primo posto dal 2001 al 2003.

Specializzato nei calci di punizione e dotato di una tecnica individuale squisita, il “Chino”, come  lo chiamavano in patria per via degli occhi a mandorla che sfoggia, avrebbe vinto due campionati con l’Inter prima di lasciare i nerazzurri nel 2007 e andare al Torino.

Quanto visto a Venezia, tuttavia, fu unico: Recoba aveva bisogno di un ambiente sereno e tranquillo per poter esplodere e solamente alla fine della carriera avrebbe ottenuto altre soddisfazioni a livello di titoli in Uruguay con il suo amato Nacional.

A Venezia, tuttavia, ancora oggi i tifosi della squadra locale lo ricordano con amore come il più grande fenomeno calcistico passato per la laguna. 

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Redazione
A cura della Redazione di www.lavocedivenezia.it

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

Notizie più seguite dall'archivio

spot_img

Separazione Venezia – Mestre, che cosa ne pensate? Sondaggio in tre clic

Separazione Venezia - Mestre sì o no? Referendum sì, referendum no. Importanti autorità cittadine affermano che il momento storico della città lo vede necessario ed ora è opportuno. Il sindaco, Luigi Brugnaro, invita, invece, a non andare a votare per 'invalidarlo'...

Donna morta dopo 4 vaccini, figli: “A noi chiesto niente”, l’ospedale: “C’è il consenso informato”

La signora aveva fatto un ictus a marzo, dopo la prima coppia di vaccini. Ne avrebbe poi ricevuto altri due secondo la denuncia dei figli.

Venezia da oggi ha il ticket di ingresso. Potrà arrivare a 10 euro

Gli indotti che l'amministrazione potrà incassare riguarderanno verosimilmente i visitatori che arrivano con: grandi navi, autobus gran turismo, lancioni provenienti da altri comuni, treni, auto private, ecc.

La manifestazione di Venezia contro il vaccino: siringhe come carri armati

La difesa ferrea delle proprie convinzioni, ha scatenato gli oltre mille manifestanti contrari al vaccino e alla certificazione verde e li ha trasformati in oratori e attori impegnati a interpretare un copione pieno di riferimenti storici e di accenti letterari e...

Chi volontariamente non si vaccina ruba un pezzo di probabilità di evitare la dissoluzione del genere umano. Lettere

Con la propaganda No-Vax io non riesco a discutere né a confrontarmi perché si tratta di un Extramondo *(una specie di Vandea del XXI secolo)* nel quale non riesco neanche a respirare. La Storia non si muove in senso vettoriale ma circolare...

Situazione Actv/Avm Venezia: Brugnaro convoca i sindacati

Nonostante a Venezia i flussi turistici siano ripresi, nei primi dieci mesi del 2021 situazione ricavi peggiore di quanto si prevedeva

Chiede di indossare la mascherina: turista picchia marinaio Actv

Il marinaio Actv chiede di indossare la mascherina: preso a pugni. Arriva il capitano: picchiato anche lui. Cattivo segno dei tempi di un turismo asfissiante e stressante a Venezia che sono tali anche per loro, per i turisti. La città, la pandemia,...

“No al vaccino perché…”. Parla l’infermiere di Rianimazione: “Ecco le mie ragioni”

Troppo spesso si entra nel merito dei giudizi sul perché una percentuale di operatori sanitari rifiuti il vaccino anti-covid (non tutti i vaccini, si badi bene, essi non sono no-vax). Ecco le loro motivazioni espresse da un 'addetto ai lavori'. Gli si deve, quantomeno, l'opportuna libertà di parola, che tutti gli altri dovrebbero quantomeno fronteggiare con disponibilità all'ascolto. Questo significa essere informati.

Turisti riducono Piazza San Marco pizzeria a cielo aperto: da oggi non pagherò più le tasse

Il prof. Tamborini denuncia che la Polizia Municipale è intervenuta solo dopo molte insistenze e quando ormai non c'era più niente da rilevare. Oltre al fatto che ormai non viene praticamente sanzionato più nulla (neanche agli abusivi), perchè un cittadino deve...

C’è chi abusa del nome di Venezia per riempirsi le tasche mentre “schiavi” lavorano per loro. Lettere

Passavo per Campo Santo Stefano attirata dalla bella musica classica sparata a tutto volume. Ho scorto un banchetto addobbato con fiori e circondato da uomini in tuxedo e donne in abiti d'atelier. Dapprima pensai fosse una sorta di celebrazione dell'antistante Istituto...

Guide turistiche abusive a Venezia: giusto multarle, ma chi vuole essere in regola che possibilità ha?

In questi giorni sono state sanzionate molte guide turistiche abusive a Venezia, ma vediamo anche l’altra faccia della questione: per chi volesse lavorare in regola, dopo una laurea sudata e successivi studi, da anni ormai non ha alcuna possibilità di abilitarsi. Sono...

“Si parla tanto di spopolamento di Venezia, ma la città perde meno abitanti di prima”. Lettere

In riposta alla lettera: "Le colpe dei veneziani e dei 'venezianassi' ". Vedo, purtroppo, che ancora una volta si punta il dito contro questo mostro delle locazioni turistiche senza mai vedere tutto l’insieme. Chiedo al prof. Mozzatto che faccia meglio i compiti prima...