mercoledì 19 Gennaio 2022
0.6 C
Venezia

Rave sul Forte Sant’Andrea alle Vignole

HomeCronacaRave sul Forte Sant'Andrea alle Vignole

Una ventina di giovani ha raggiunto il Forte Sant'Andrea con i barchini e ha organizzato un rave abusivo in cima al mastio quattrocentesco

Rave sul Forte Sant’Andrea alle Vignole: si balla con alcol, musiche e fiaccole sul monumento quattrocentesco. L’estate cafona torna a farsi sentire a Venezia e molto spesso fa rima con “pericolo”: solo ieri mattina un palestinese di 32 anni si è tuffato dal ponte degli Scalzi in Canal Grande tra le barche e i battelli per provare il brivido di un salto ad alta quota, rischiando di schiantarsi sopra un vaporetto dell’Actv in transito e nella totale incoscienza di cosa sarebbe potuto accadere a lui o ad altre persone.

La stessa incoscienza che nella notte tra lunedì e martedì, tra il 9 e il 10 agosto 2021, ha spinto un gruppo di giovani, circa una ventina, ad organizzare un rave abusivo sul tetto del Forte Sant’Andrea che si trova sull’omonima isola, all’estremità dell’isola delle Vignole.
Musica, alcol e fiaccole portati con i barchini per ballare in cima al monumento quattrocentesco dell’isola veneziana in barba alle misure anti-covid e senza tener conto del grande rischio, dato che il monumento è antico e la sua torre malandata, qualcuno avrebbe potuto farsi male.

Il Forte di Sant’Andrea a Venezia è una fortezza edificata a metta del Cinquecento sui resti di precedenti opere difensive in rovina, che facevano parte del sistema difensivo della laguna di Venezia. Tutto il complesso è raggiungibile solo con imbarcazioni private e giace invaso dalle sterpaglie in stato di totale abbandono.
Il gruppo ha raggiunto l’isola con sei barchini, ormeggiandoli dietro il forte di Sant’Andrea, e l’ipotesi è che l’abbiano fatto durante il tardo pomeriggio o in orario serale, perché a causa del buio è difficile attraversare il bosco e raggiungere la zona in sicurezza di notte.

Il forte Sant’Andrea, conosciuto anche come “Castel Novo” è composto da due torri laterali con merlatura ghibellina, la muraglia intermedia con merlatura, una terza centrale, il mastio. Ed è proprio in cima al mastio quattrocentesco che i giovani danzavano scatenati tra musica e fiaccole in barba ad ogni regola e ignorando i rischi di potersi far male. Tanta incoscienza, voglia di fare festa a dispetto di qualsiasi rischio, ma anche disinteresse e probabilmente ignoranza di trovarsi a saltare sopra un monumento storico di pregio.

Il rave abusivo è stato però avvistato dalle forze dell’ordine che hanno raggiunto la zona per bloccarlo.
Il Forte alle Vignole fu progettato dall’architetto veronese Michele Sanmicheli (1484-1559), incaricato dal governo veneziano di salvaguardare l’accesso dal mare e sbarrando il passo, se necessario con le artiglierie, alle eventuali flotte. La costruzione in epoca recente era stata adibita a caserma e successivamente sottoposta a imponenti opere di restauro per evitarne il costante abbassamento.

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

Notizie più seguite dall'archivio

pubblicità

Dove si buttano le batterie a Venezia? E un cellulare? Ecco luoghi e orari: è una “ecomobile”

Forse non tutti sanno che a Venezia esiste un' "Ecomobile" acquea itinerante, che raccoglie alcune tipologie di rifiuti urbani pericolosi. Utile, pertanto, ricordarne orari e luoghi, anche perché con l’ora solare, da martedì 9 novembre, sono cambiati gli orari. E’ stata inoltre istituita...

Jesolo: cani in spiaggia, perché in pochi rispettano le regole? Perché nessuno le fa rispettare?

Come ogni anno, decido di trascorrere qualche giorno di vacanza a Jesolo con la mia compagna e il nostro bimbo di un anno e mezzo. Dato che non abbiamo esigenze particolari, andiamo in spiaggia libera, in modo da avere più spazio...

A Venezia siamo scortesi? Gravissima protesta di una ragazza arrivata a detestare i veneziani

Venezia ospita fra i 23 e i 25 milioni di visitatori all’anno. A questi vanno sommati i "gitanti giornalieri" (con treno e auto) e poi i circa 3 milioni l'anno di cosiddetti «falsi escursionisti» (chi pur visitando la città pernotta...

Come e’ morta Marilyn Monroe? giallo risolto dopo 51 anni in un libro

La Morte di Marilyn Monroe è uno dei più grandi misteri che costellano la storia americana. Ora, dopo 51 anni, la verità su Come e' morta Marilyn Monroe, venuta a mancare il 4 agosto del 1962, potrebbe essere svelata da un...

“Lido: ragazzi ubriachi di notte ovunque. Uno saltava sul tetto di un’auto. Ci si preoccupa solo di far arrivare turisti…”. La lettera

Lido, in una laterale del Lungomare all'altezza della zona A, ore 2.00 del lunedì notte. Ormai col caldo si dorme con le finestre aperte, anzi in realtà non si dorme molto perché dalla strada arrivano voci, urli e schiamazzi, non c'è...

Viale San Marco, a Mestre, perde la sua storica pasticceria Corona

La Pasticceria Corona, di Raffaella e Fabio, fino ad oggi a Mestre, in Viale San Marco, si trasferisce a Fossalta di Piave.

Caro capitano Actv ti ringrazio. Lettere al giornale

Caro capitano Actv ti ringrazio. Sono quello che aspettava la corsa del 4.1 al pontile dei Giardini ieri, venerdì mattina alle 7.27. Non è colpa mia se sono una persona anziana. Ho lavorato tutta una vita e adesso ho bisogno di usufruire dei...

Prende il viagra: la moglie chiama la polizia

Prende il viagra: la moglie chiama la polizia. 82 anni, dopo avere preso la pillolina blu ha tentato di avere un rapporto sessuale con la moglie. Ma la donna, sua coetanea, ha avuto paura "dell'impeto" ed ha chiamato la polizia.  E' inutile descrivere...

“Venezia è patrimonio del mondo e non appartiene ai veneziani di adesso”. Lettere

In risposta alla lettera: "Le colpe dei veneziani e dei ‘venezianassi’. Venezia è patrimonio del mondo e non appartiene ai soli veneziani, specialmente quelli di adesso che non l’hanno davvero fondata. Tanto sbraitano contro il turismo /petrolio della città, ma in fondo cos’altro...

La confessione di chi è “scappato” da Venezia: “Vetrerie, portieri, bugie…”. Lettere al giornale

In risposta alla lettera al giornale: "Il lusso dei grandi alberghi veneziani porta ricchezza? La confessione di Jacopo, portiere per 5 anni". Il sistema delle vetrerie è stato creato grazie alle sale, praticamente dei supermercati del vetro ( dove gira anche vetro...

Quando la città è troppo affollata di visitatori: “Venezia la si vuole piena di turisti”. Lettere

In risposta alla lettera: "A Venezia siamo scortesi? Gravissima protesta di una ragazza arrivata a detestare i veneziani". Venezia la si vuole piena di turisti !!! Questo e’ il business. Dai ragazzi, guardatevi negli occhi. Io a Venezia ci vivo da non Veneziano: le...

Le colpe dei veneziani e dei ‘venezianassi’. Lettere

In merito alla "lettera al giornale":  “Venezia è destinata a diventare un museo, fatevene una ragione”