6 C
Venezia
giovedì 02 Dicembre 2021

Allarme morti in Germania, è la quarta ondata

Homequarta ondataAllarme morti in Germania, è la quarta ondata
la notizia dopo la pubblicità

Germania pensa a nuove misure, ma la quarta ondata preoccupa l'Europa: l'Oms ha segnalato un aumento del 6% dei contagi in sette giorni

L’allarme Covid riesplode in Germania, dove il Robert Koch Institut ha segnalato nel bollettino di mercoledì 194 morti in 24 ore e oltre ventimila contagi.
E Angela Merkel, preoccupata, non esclude limitazioni più severe per i non vaccinati in un Paese che, anche rispetto all’Italia, ha avuto una linea più morbida nel corso di questo autunno.

Berlino a questo punto guarda a Israele, Paese modello – dice il ministro della Salute Jens Spahn – per aver abbassato la curva grazie all’ampio ricorso alla terza dose di vaccino; e all’Italia, assai più ligia nei controlli, come ha personalmente sperimentato al G20.

“Viviamo una pandemia dei non vaccinati e la quarta ondata si sviluppa in modo irruento”, ha avvertito Spahn, mettendo in guardia anche dal sovraccarico delle strutture ospedaliere in alcuni Laender, dove i posti di terapia intensiva iniziano di nuovo a scarseggiare, spingendo a pianificare il trasferimento dei pazienti.

Il ministro ha anche lanciato un appello sui controlli del Green pass tedesco: “Troppo spesso ho sentito dire ‘non c’è problema mi fido…’ nei ristoranti o ad eventi pubblici”.
Vanno invece intensificati, e andrebbero controllati anche i controllori, ha rimarcato, “facendolo in modo sistematico, magari anche con qualche multa, si può dare un segnale chiaro”.

Su questo punto Spahn ha citato l’Italia: “Se al G20 di Roma ho dovuto esibire il mio certificato vaccinale in un giorno solo più volte che in quattro settimane qui da noi, vuol dire che c’è margine per fare di più”.

“Se la situazione negli ospedali si farà più grave, allora saranno possibili ulteriori limitazioni per i non vaccinati”, ha aggiunto a stretto giro il portavoce della cancelliera Steffen Seibert.

L’allarme sui dati è l’occasione utilizzata per un chiarimento di fondo da parte del governo: “Il fatto che si voglia evitare di prorogare ulteriormente lo stato di emergenza, in scadenza il 25 novembre – ha spiegato il ministro della Cdu alla vigilia di un nuovo incontro con gli assessori regionali di settore – non significa affatto che la pandemia sia finita”.

Anzi, la Germania vede con angoscia la diffusione del contagio, dovuto, secondo le analisi dei virologi, a una quota di non vaccinati ancora troppo alta (sono 3,2 milioni sopra i 60 anni, e 16,2 milioni sopra i 12, a fronte del 66,8% della popolazione completamente immunizzata).

Ma la cavalcata del virus solleva nuova attenzione in tutta Europa, con l’Oms che ha segnalato un aumento del 6% dei contagi nel continente negli ultimi sette giorni, il dato più alto a livello globale.

Ed è di queste ore l’annuncio del premier olandese, Mark Rutte, della reintroduzione delle restrizioni: mascherine obbligatore nei luoghi pubblici, controlli più severi e distanziamento, alla luce di un aumento del 30 per cento dei contagi in sette giorni.

Tornando ai dati tedeschi, il Robert Koch Institut ha ripreso a far pressione, come non accadeva da mesi: “Registriamo di nuovo oltre 100 morti di Covid al giorno. Sono dati spaventosi”, ha messo in guardia il presidente Lothar Wieler in conferenza stampa a Berlino con Spahn.

Il contagio settimanale su 100 mila abitanti è arrivato a 146,6 positivi, mentre il tasso di occupazione delle terapie intensive, dato federale di riferimento in questa fase della pandemia, resta per ora ampiamente sotto controllo: 3,29 su 100 mila abitanti (il record tedesco fu toccato a dicembre con 15,5 pazienti).

Spahn ha ribadito la necessità di accelerare sulle terze dosi per tutti i pazienti che lo vogliano. La protezione dal virus si indebolisce dopo sei mesi dalla seconda iniezione, secondo gli esperti dello Charité di Berlino.

continua a leggere dopo la pubblicità

» leggi anche: “Decessi +46%. Scienziati: è quarta ondata. Vaccinatevi

» leggi anche: “Covid, panico in Cina per annuncio: “Fate scorta per rimanere in casa”

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

redazione centrale
A cura della redazione centrale. Per inviare una segnalazione: [email protected]

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

Notizie più seguite dall'archivio

spot_img

“Venezia è tutta centro storico, ma vedo gente non residente a passeggio”. Lettere

Emergenza Covid: Ordinanza regionale 151: si può passeggiare solo "al di fuori delle strade, piazze del centro storico della città, delle località turistiche, e delle altre aree solitamente affollate". Venezia tutta centro storico, fatta di strade non certo rurali, è località turistica,...

“I veneziani DOC non hanno mai fatto niente: mille sigle, associazioni, solo per blaterare…”. Lettere

In risposta alla lettera: "Limitare il turismo per una ristretta parte di residenti di Venezia? Follia”. Il signor Francesco dimentica che Venezia è il capoluogo ( seppur bistrattato) e, il resto attorno è : centro storico, residenziale, ecc ecc. Spero per i suoi...

Il Comune contesta la cassettina per i libri gratis, Ticozzi: “Da premiare, non sanzionare”

Il Comune di Venezia contesta al bookcrossing l'occupazione di suolo pubblico. Ticozzi: "iniziativa da premiare non da sanzionare".

Venezia da oggi ha il ticket di ingresso. Potrà arrivare a 10 euro

Gli indotti che l'amministrazione potrà incassare riguarderanno verosimilmente i visitatori che arrivano con: grandi navi, autobus gran turismo, lancioni provenienti da altri comuni, treni, auto private, ecc.

La Venezia perduta. Addio a Testolini, la cartoleria dei veneziani. Storia e ricordi

Testolini chiude, dal 1911 la cartoleria dei Veneziani. Storia e ricordi di un altro pezzo di Venezia che scompare. Intervista a Stefano Bettio, assieme al fratello Alessandro, ultimi gestori.

“Frecce tricolori su Venezia: io non le gradisco e il mio cane ha paura”. Lettere al giornale

Gentile cronista, la prego di pubblicare quanto segue. Le Frecce Tricolori a Venezia oggi (venerdì 28 maggio, ndr) sono passate ripetutamente con sorvoli verosimilmente bassi, tanto che mi tremavano i vetri della casa. Avevo letto che la loro esibizione è domani (sabato 29...

Mose solo da bloccare, progetto scollegato dalla elementare realtà lagunare

Mose; non solo un progetto da bloccare, ma una riflessione tecnica sulle responsabilità concettuali di una operazione sviluppata da un team di eminenti studiosi, totalmente scollegati dalla elementare realtà lagunare. A chi conosce il fango lagunare,i problemi legati alla corrosione galvanica, all'agressività...

“Alcune malattie non hanno cure dopo 40 anni, il vaccino lo hanno fatto in pochi mesi: è un miracolo”. Lettere

E' convinzione che i miracoli siano spettanza religiosa: falso! Nell'ultimo anno e mezzo è accaduto un miracolo "laico" che ha dell'incredibile. Dopo 40 anni di ricerca, nessun vaccino contro l'HIV; nessun vaccino perpetuo contro la banale influenza; nessun trattamento farmaceutico valido...

Dottoressa Maria Elena De Bellis sospesa per no al vaccino: 1500 assistiti devono cambiare medico

Dottoressa Maria Elena De Bellis, una professionista stimata alla quale i suoi 1500 assistiti si sono sempre affidati con fiducia. Sarà difficile per i suoi pazienti rinunciare a un rapporto solido e rassicurante, instaurato in un tempo di reciproco affidamento. Eppure quell’ambulatorio...

Prepensionamento dipendenti pubblici, cammino difficile

Il ministro Madia ha cominciato a scontrarsi con visioni opposte al suo piano e la strada che porta al prepensionamento dei dipendenti pubblici non è per niente in discesa. Stefania Giannini, ministro per l'Istruzione le risponde: «Un sistema sano non ha bisogno...

Il Comune contesta la cassettina per i libri gratis, Ticozzi: “Da premiare, non sanzionare”

Il Comune di Venezia contesta al bookcrossing l'occupazione di suolo pubblico. Ticozzi: "iniziativa da premiare non da sanzionare".

Lettera ai veneziani: Non vedete lo scempio in cui state riducendo la vostra città?

Accludo una fotografia emblematica del disastro che state combinando nella vostra città (Venezia, ndr). A un primo esame si potrebbe pensare che si tratta della foto di qualche bazar in Medio Oriente o un mercatino in centro America o Africa, invece corrisponde...