giovedì 20 Gennaio 2022
3.6 C
Venezia

Propaganda, Fake News, Hoaxes e Provocatori. Di Apostolos Apostolou

HomeLa Clessidra del Pensiero. A cura del Prof. Apostolos ApostolouPropaganda, Fake News, Hoaxes e Provocatori. Di Apostolos Apostolou

Propaganda, Fake News, Coaxes e Provocatori. Di Apostolos Apostolou

La propaganda è un metodo sistematico di manipolazione, ed è piuttosto efficace come scrivono.

Garth S. Jowett e Victoria O’Donnell nel loro libro Propaganda & Persuasion (2014): “La propaganda è il tentativo deliberato e sistematico di modellare le percezioni, manipolare le cognizioni e dirigere il comportamento per ottenere una risposta che promuova l’intento desiderato del propagandista”.

La propaganda non nasce dal Paul Joseph Goebbels e anche non nasce dal Georgi Plekhanov, è un prodotto di Papa Gregorio XV.
La propaganda nasce nel 1622 quando Papa Gregorio XV con la bolla inscrutabili divinae Providentiae de propaganda fide per evangelizzare la religione cattolica tra gli infedeli, gli eretici e nei paesi non cattolici.

Oggi la propaganda si combatte con la fake news o la post- verità.
Le fake news sono le false storie che vogliono di scatenare gli istinti primari.
La fake news è una storia antica, è l’arte di persuadere come scrive Aristotele.
Conosciamo la storia tra Corace e Tisia: Tisia convinse Corace a non pagare la tassa per gli insegnamenti ricevuti finché non avesse vinto la sua prima causa legale: per questo motivo Tisia evitò accuratamente di recarsi in tribunale. A seguito di ciò, Corace citò in giudizio Tisia, argomentando che se Corace avesse vinto la causa sarebbe stato pagato, altrimenti nel caso in cui Tisia avesse avuto ragione, avrebbe dovuto onorare l’accordo originale pagando la tassa in quanto avrebbe così vinto la sua prima causa.

Altre versioni di questo racconto aggiungono la risposta di Tisia che, nel caso avesse perso la causa avrebbe comunque potuto evitare di pagare la tassa per l’accordo privato stipulato precedentemente e, nel caso avesse vinto, non sarebbe incorso in nessun pagamento in quanto avrebbe ricevuto il pagamento per la vittoria in tribunale. A questo punto, il giudice cacciò entrambi dal tribunale, sottolineando “κακοῦ κόρακος κακὸν ᾠόν” (“Da una cattiva cornacchia, un uovo cattivo”, equivalente di “tale padre, tale figlio”) Vedere: D. A. G. Hinks, Tisias and Corax and the Invention of Rhetoric, in The Classical Quarterly.

Dalla fake news provengono le parole coax, coxed, coaxing, coaxes.
Coax, è il bugiardo e insieme chi ci sa fare. Oggi parliamo di coaxes per le persone che dicono bugie come giornalisti, politici ecc. Persone che parlano di informazioni in parte o del tutto non corrispondenti al vero.
Nella storia esistevano molte persone coaxes, come: Lamber Simmel 1477-1535, George Psalmanazar 1679-1763, Mary Baker 1791-1864, Victor Lusting 1890-1947. Per questo il fenomeno di coaxes non è un fenomeno nuovo, esisteva anni fa. Fra propagandista e coaxes, esiste anche il provocatore. Il provocatore è un’altra categoria. Il provocatore è uno specialista del gioco collettivo. Ne possiede la tecnica ma non la dialettica. Sarebbe forse capace di tradurre le aspirazioni del gruppo in materia offensiva – il provocatore spinge sempre all’attacco, – se, tenuto per sua disgrazia a difendere sempre e soltanto il proprio ruolo, la propria missione, non fosse per ciò stesso incapace di rappresentare l’interesse difensivo del gruppo. Quest’incoerenza tra l’offensivo e il difensivo denuncia presto o tardi il provocatore, è causa della sua triste fine. Qual è il miglior provocatore?
L’animatore del gioco diventato dirigente.

Apostolos Apostolou
Docente di Filosofia.

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Prof. Apostolos Apostolou
Prof. Apostolos Apostolou. Docente di filosofia – Scrittore. Ha insegnato all’Università di scienze sociali e politiche "Panteion", l’ Università Panteion, è un'università situata ad Atene, in Grecia. Fondata nel 1927, è tra le tre più antiche università di scienze politiche in Europa. Ha anche insegnato come visiting professor all’ Università di Padova dipartimento di Scienze dell’ Antichità. Ha scritto 14 libri in greco e in italiano.

La discussione è aperta: una persona ha già commentato

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

Notizie più seguite dall'archivio

pubblicità

Mose solo da bloccare, progetto scollegato dalla elementare realtà lagunare

Mose; non solo un progetto da bloccare, ma una riflessione tecnica sulle responsabilità concettuali di una operazione sviluppata da un team di eminenti studiosi, totalmente scollegati dalla elementare realtà lagunare. A chi conosce il fango lagunare,i problemi legati alla corrosione galvanica, all'agressività...

Porto off-shore: tempi lunghi e incertezza sulla crocieristica

Le 11 proposte per il concorso di idee del porto Off-shore di Venezia arrivate all’Autorità di Sistema portuale del Mare Adriatico Settentrionale sono state accolte con ottimismo. C’è chi ha letto in questa nutrita partecipazione un inaspettato interesse per Venezia ma in...

Il Mose funziona ma a Venezia si perdono ‘barene’

Nella Laguna di Venezia l'apporto di sedimenti, che permette alle barene (terre semi emerse con sedimenti spugnosi) di tenere il passo con l'innalzamento del livello del mare, avviene prevalentemente durante eventi dell'acqua alta. Se da un lato l'utilizzo del sistema Mose...

Con l’addio alle Suore Imeldine la mia Salizada San Canciano non esiste più

(Seguito dell'articolo "La Venezia perduta. Le Suore Imeldine e la scuola a San Canciano che non esistono più") L’uscita da scuola. La fine delle lezioni, come l’inizio, era un altro rito. Si correva fuori, in un Campo San Canciano affollato di genitori, cercando con...

Automobilista litiga con ciclisti, fa inversione e li mette sotto come birilli

Litigio tra un gruppo di ciclisti ed un automobilista che li stava superando. L'automobilista fa inversione di marcia con l'automobile, punta dritto gli uomini in bici e li colpisce come birilli. Ne mette sotto due prima di fuggire. Uno degli uomini è...

Un Campagnolo a Venezia: la venezianità vista da un Millennial boy. Lettere

UN CAMPAGNOLO A VENEZIA: la venezianità vista da un Millennial boy Fin dai primi giorni di scuola superiore nel centro storico veneziano, il biglietto da visita da parte dei miei nuovi compagni e compagne di classe è stato questo: -“Da dove ti vien,...

Ponte della Costituzione scivoloso, altri lavori. Amore-odio dei veneziani per il Ponte di Calatrava

Ancora guai per il Ponte della Costituzione progettato dall’architetto Santiago Calatrava, che tanto ha fatto discutere i cittadini veneziani, che hanno prima incontrato e poi vissuto gli effetti di un’opera che è costata 11 milioni di euro. Il Ponte era entrato nell’immaginario...

Arrivo a Venezia e subito multato in vaporetto per non aver obliterato, ma non è giusto

"Appena il tempo di sedersi e 2 addetti mi chiedono i biglietti che mostro prontamente. Mi dicono laconicamente che non sono stati validati e siamo in contravvenzione".

Rottweiler libero in spiaggia azzanna una donna, paura a Jesolo

Il rottweiler ha attaccato e affondato i denti al polso della malcapitata che cercava proprio in questo modo di "parare il colpo".

“Frecce tricolori su Venezia: io non le gradisco e il mio cane ha paura”. Lettere al giornale

Gentile cronista, la prego di pubblicare quanto segue. Le Frecce Tricolori a Venezia oggi (venerdì 28 maggio, ndr) sono passate ripetutamente con sorvoli verosimilmente bassi, tanto che mi tremavano i vetri della casa. Avevo letto che la loro esibizione è domani (sabato 29...

“No al vaccino perché…”. Parla l’infermiere di Rianimazione: “Ecco le mie ragioni”

Troppo spesso si entra nel merito dei giudizi sul perché una percentuale di operatori sanitari rifiuti il vaccino anti-covid (non tutti i vaccini, si badi bene, essi non sono no-vax). Ecco le loro motivazioni espresse da un 'addetto ai lavori'. Gli si deve, quantomeno, l'opportuna libertà di parola, che tutti gli altri dovrebbero quantomeno fronteggiare con disponibilità all'ascolto. Questo significa essere informati.

Scavi nella laguna di Venezia: le posizioni contrapposte

Scavi nella laguna di Venezia: posizioni contrapposte fra Ambientalisti e Corila. Ma alla fine della diatriba l’ultima parola l’avrà il VAS (valutazione d’impatto ambientale) che sugli scavi in laguna ha già espresso e motivato il suo giudizio negativo che collima e...