5x1000 o cinque x mille o cinque per 1.000
5x1000 o cinque x mille o cinque per 1.000
5x1000 o cinque x mille o cinque per 1.000
18 C
Venezia
venerdì 07 Maggio 2021

Si spera nel tutto esaurito per il primo weekend “libero”

HomeTurismoSi spera nel tutto esaurito per il primo weekend "libero"

l'Italia torna a sperare, seppur con un invito generale a rispettare le norme, su tutte il distanziamento e l'obbligo della mascherina. Gli italiani ne approfitteranno anche per le gite fuoriporta, come dimostrano le prenotazioni per luoghi turistici e le isole.

Si spera nel tutto esaurito: è atteso un sold out nel primo weekend dopo le “riaperture”.
Per la prima volta da oltre un anno, gli italiani – quasi tutti – potranno passare il primo weekend di festa in “libertà”, o comunque con un sensibile allentamento delle restrizioni.
Il fine settimana del primo maggio sarà il primo vero test non solo per verificare l’andamento della curva dei contagi, ma anche – e soprattutto – per il rilancio del turismo, uno dei settori maggiormente messo alle strette dai provvedimenti anti-covid.
Nei prossimi tre giorni 47 milioni di italiani avranno la possibilità di tornare a spostarsi tra le regioni gialle, ma anche di raggiungere le altre zone avendo con sé il green pass, il documento che certifica l’avvenuta vaccinazione o, eventualmente, la negatività al tampone nelle 48 ore precedenti il viaggio.
Proprio per questo nelle ultime ore sono state segnalate file per sottoporsi al test e ottenere il certificato. Sulle strade saranno intensificate le attività delle forze dell’ordine. Anzi, i controlli si stanno già intensificando dato che solo nelle ultime 24 ore le forze dell’ordine hanno controllato oltre 101 mila persone, con 881 sanzioni e 4 denunce.
Dopo la seconda Pasqua in lockdown e un Natale in zona rossa,

l’Italia torna a sperare, seppur con un invito generale a rispettare le norme, su tutte il distanziamento e l’obbligo della mascherina.
Gli italiani ne approfitteranno anche per le gite fuoriporta, come dimostrano le prenotazioni per luoghi turistici e le isole.
Cominciano a riaprire hotel e ristoranti un po’ ovunque e sui litorali i posti a sedere all’aperto, gli unici disponibili in base alle restrizioni, sono sold out ormai da giorni.
Da oggi entrerà in vigore l’ordinanza a Venezia che fissa limiti all’accesso a determinate strade e piazze del centro urbano di Venezia.
Il provvedimento è teso ad evitare assembramenti a Venezia e a Mestre che aggravino la diffusione di Covid 19.
In Costiera Amalfitana saranno organizzate manifestazioni all’aperto nel rispetto delle norme, con il sindaco di Minori, Andrea Reale, che ha lanciato un appello al rispetto delle regole.
Niente vacanzieri, per il momento, sul litorale veneto che si prepara a riaprire lettini ed ombrelloni dal 15 maggio.
A Cortina, invece, gli alberghi riapriranno il 24 maggio con la speranza di recuperare almeno in parte il nulla di fatto della stagione invernale.
I servizi di controllo del territorio saranno rafforzati in tutta Italia, dalla Lombardia alla Campania.
Bisognerà ancora attendere, invece, per la Sardegna, in rosso per la terza settimana consecutiva, e per le regioni in zona arancione, cioè Valle d’Aosta, Puglia, Basilicata, Calabria e Sicilia. La speranza è riposta sui nuovi dati del monitoraggio che saranno pubblicati domani ma che, comunque, stabiliranno gli eventuali nuovi colori solo a partire da lunedì.

“L’apertura dei negozi è l’occasione per ripartire”, spiega il presidente di Federazione Moda Italia-Confcommercio, Renato Borghi.
“Se le aziende chiudono – prosegue – non ci sarà più futuro per molti imprenditori e lavoratori con le loro famiglie, ma anche per le nostre città che rischiano una progressiva ed inesorabile desertificazione”.
Tornano aperti anche i musei, seppur su prenotazione, con teatri e cinema che stanno piano piano riaprendo il sipario.
A Roma tornano accessibili le Terme di Caracalla, la Villa di Livia e l’Arco di Malborghetto.
A Bologna, invece, i sindacati tornano in piazza Maggiore per la festa del Primo Maggio dopo lo stop forzato del 2020.
Il Comune di Milano, invece, ha deciso per sabato l’apertura straordinaria delle mostre allestite a Palazzo reale, al Pac e al Mudec, il museo delle culture.
I musei civici, che saranno chiusi il primo maggio, apriranno invece domenica 2.

Data prima pubblicazione della notizia:

Una persona ha commentato

  1. Infatti la logica del niente assembramento con il tutto esaurito nei week end è proprio quella che terrà bassi i contagi…..

Vuoi lasciare un commento? Nessuna registrazione necessaria

Please enter your comment!
Please enter your name here

altre notizie dall'archivio qui sotto
spot
Advertisements
sponsor