20.4 C
Venezia
mercoledì 04 Agosto 2021

Poveglia, invalidata l’asta che ha visto vincere Brugnaro

HomeNotizie Venezia e MestrePoveglia, invalidata l'asta che ha visto vincere Brugnaro

Poveglia ai veneziani comitati non mollano

Futuro per Poveglia incerto dopo che il Demanio ha considerato ‘non congrua’ la cifra di 513mila euro proposta da Luigi Brugnaro, che aveva vinto l’asta.

Ad esultare i rappresentanti del comitato ‘Poveglia per tutti’ che avvertono, faranno una grande festa per festeggiare la notizia. «Siamo felicissimi – dichiara Giancarlo Chigi dall’associazione – il prossimo passo sarà quello di portare al Demanio le nostre proposte, vogliamo che si recepisca il fatto che la cittadinanza ci ha lavorato interamente».

Secondo proprio il Demanio, infatti, i soldi offerti da Brugnaro, unico concorrente assieme all’associazione, sarebbero troppo pochi. I 513 mila euro, infatti, sarebbero solo il 2,3% di quanto speso negli ultimi 15 anni dallo Stato per mantenere solo le rive dell’isole, che sono andate a costare 22 milioni.

Ma se sono pochi gli oltre 500 mila euro, come possono essere considerati ‘congrui’ i 400mila dell’associazione? Chigi spiega che «La valutazione delle offerte è diversa anche costituzionalmente se si tratta di una proposta di un gruppo di persone o di un singolo».

A questo punto il Comune potrebbe anche esercitare il diritto di prelazione, ma la cosa potrebbe risultare difficile. Sale in cattedra, allora, come ipotesi più probabile che l’isola venga rimessa al ministero dei Beni e delle attività culturali ed è ciò a cui punta l’associazione ‘Poveglia per tutti’, come spiegato da Chigi: «Se avessimo da parte del ministero la gestione degli spazi, l’uso o una convenzione per un po’ di anni funzionerebbe comunque».

E così i cittadini vogliono consegnare al Demanio un vademecum, da loro stessi stilato, dove vige un unico punto fermo: la governance sarà partecipata.

Alice Bianco

[11/06/2014]

Riproduzione vietata

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Data prima pubblicazione della notizia:

Condividi la notizia, potrebbe interessare agli altri:

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

altre notizie dall'archivio qui sotto
spot
Advertisements
sponsor

Grazie per aver sfogliato la nostra pagina. La tua considerazione è un'attestazione per il nostro lavoro.
Questo giornale è libero e gratuito per tutti dal 2006.
E' gradito ai lettori perché ha pubblicità in modo meno invasivo possibile anche se questo significa rinunciare a introiti.
Come hai potuto vedere, tutte le righe si leggono perfettamente e non ci sono finestre o video che si aprono contro la tua volontà.
Così come garantiamo la qualità dell'informazione pubblicando solo notizie verificate.
Per tutto questo non chiediamo nulla ma se vuoi sostenerci puoi farlo con il 5x1000. Oppure puoi scorrere le altre news e leggere un'altra notizia in modo da darci un punto in più nelle prossime rilevazioni statistiche. Infine, potresti cliccare il "mi piace" sul 'Like Page' di Facebook qui sotto.
Grazie.