2.4 C
Venezia
martedì 30 Novembre 2021

Portantino dell’ambulanza uccideva durante il tragitto per accordo con l’impresa funebre

HomeMorti misteriosePortantino dell'ambulanza uccideva durante il tragitto per accordo con l'impresa funebre
la notizia dopo la pubblicità

In molti sapevano ma non hanno mai parlato per paura. L'inchiesta partita da un servizio delle Iene che ha dato voce ad un pentito. 50 decessi sotto la lente d'ingrandimento dal 2012 a oggi

La bambina "dimenticata" in auto dalla mamma è morta. Perché il black out?
I reati più inquietanti sono quelli che si perpetrano nell’ambiente della sanità. Sono quelli che indignano di più, soprattutto perché prendono come obiettivi i soggetti deboli, o anziani, provati e messi in difficoltà dalle malattie.
Ancora più grave quando si commettono approfittando del proprio ruolo ufficiale di “operatore” della Salute, per il quale si viene pagati.

Il fatto emerso oggi è forse il più raccapricciante mai sentito: un addetto all’assistenza avrebbe ucciso volontariamente sull’ambulanza tre malati terminali per guadagnare 300 euro ciascuno.

Provocata un’embolia, l’addetto poi si sarebbe occupato della ‘vestizione’ dei cadaveri, in accordo con l’impresa di onoranze funebri a cui poi sarebbe passato il “lavoro.

Il barelliere aveva trovato così la maniera di “arrotondare” lo stipendio. Ed ora le indagini rivolgono le loro attenzioni su altri 50 decessi sospetti.

Venivano scelti malati terminali, con la presunzione poi che i parenti non avrebbero sollevato tante obiezioni. Venivano uccisi su un’ambulanza, iniettando loro dell’aria nel sistema sanguigno, provocando una veloce e dolorosa embolia gassosa.

Dopo le frasi di circostanza, l’accordo per poi farsi ‘regalare’ dai familiari distrutti dal dolore 2-300 euro per la ‘vestizione’ delle povere vittime.

E’ questa la disumana ricostruzione della tecnica perpetrata che ora viene contestata dalla Procura di Catania al barelliere Davide Garofalo, 42 anni, arrestato dai carabinieri per omicidio volontario aggravato dall’avere favorito la mafia. Perché parte dei soldi, sostiene l’accusa, andavano ai clan di Adrano e Biancavilla che avevano acquisito il controllo dell’ambulanza ed erano loro a scegliere il ‘personale’ di bordo.

All’indagato sono contestati tre delitti commessi, uno l’anno, tra il 2014 e il 2016. Vittime tutti malati terminali anziani, una donna e due uomini. Nella stessa inchiesta sono indagate altre due persone non raggiunte da provvedimenti restrittivi.

La tecnica era veloce e ne era all’oscuro il personale sanitario degli ospedali da cui partiva l’ambulanza, per la maggior parte da Biancavilla: i pazienti terminali venivano
legalmente dimessi in attesa dell’imminente decesso, poi sull’ambulanza il barelliere si trasformava in un ‘giustiziere’ iniettando aria nelle vene con siringhe sterili, utilizzando guanti di lattice per non lasciare impronte.

Ma la morte non veniva provocata per pietà, spiegano gli investigatori, ma per incassare i soldi della vestizione, 2-300 euro, da dividere con i clan.

Quando il malato arrivava morto a casa i pazienti erano presi dallo sconforto e dal dolore, e non riuscivano a collegare il veloce decesso con il tempo del trasferimento dall’ospedale a casa. E lasciavano che il barelliere vestisse la salma in cambio di un ‘regalo’ in soldi, da 200 a 300 euro per intervento.

L’inchiesta, denominata ‘Ambulanza della morte’, ha invece fatto emergere, comportamenti che “anticipano il decesso di persone gravemente malate, allo stato terminale, per profitto, per denaro, con disprezzo totale della vita umana e della dignità della persona”, ha spiegato il procuratore aggiunto Francesco Puleio, che, col procuratore Carmelo Zuccaro e il sostituto Andrea Bonomo, ha coordinato le indagini dei carabinieri della compagnia di Paternò e del Reparto operativo del comando provinciale dei carabinieri di Catania.

I Pm hanno fatto uno screening sui casi di morti sospette in ambulanza, rilevandone 50 tra il 2012 e il 2016. Di queste almeno un decina di “maggiore pregnanza processuali” e tre sono giunti al vaglio del Gip che li ha ritenuti credibili.

A fare aprire l’inchiesta le rivelazioni di un collaboratore di giustizia fatte in un’intervista a ‘Le Iene’ e che poi si era recato in Procura per riferire dei fatti a sua conoscenza.

“La gente non moriva per mano di Dio”, spiegò allora il collaboratore, ma per “guadagnare 300 euro, invece di 30 o 50”.

“Che schifo – aggiunse – spegni una persona per 300 euro…”. E sul perché abbia atteso tanto a parlare spiegò di avere avuto “paura”, ma di essere stato spinto dal rimorso di “avere visto morire cosi’ il padre di un amico…”, al quale non ha mai confessato quello che sarebbe accaduto.

La stessa paura che ha reso silenti testimoni che si sono fatti avanti dopo con i carabinieri di Paternò e la Procura di Catania: “l’azione dell’Arma sul territorio che ha portato a numerosi arresti di affiliati a clan e boss della zona – spiega il comandante provinciale di Catania, col. Raffaele Covetti – ha agevolato l’inchiesta ‘Ambulanza della morte’.

I testimoni hanno visto che molte delle persone coinvolte erano in carcere, e hanno avuto meno paura e maggiore fiducia nelle Istituzioni”.

Adesso l’inchiesta continua. Il ‘faro’ dei Pm resta acceso sulle altri morti sospette.

(foto di repertorio)

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Mario Nascimbeni
Giornalista professionista, collabora ed ha collaborato con grandi testate nazionali. Ha base operativa a Roma, ma la sua professione lo porta in ogni parte del mondo come inviato o per reportage personali.

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

Notizie più seguite dall'archivio

spot_img

Il nostro giornale festeggia: oltre 10 milioni di pagine viste

"La Voce di Venezia" a luglio 2014 ha incredibilmente abbattuto il muro delle 10 milioni di pagine viste. Era ormai qualche anno fa: un pugno di ragazzi (in parte di Venezia) usciti dal corso di laurea di "Scienze della Comunicazione"...

Questo turismo porta benessere e posti di lavoro a Venezia? No: solo povertà e schiavismo

Negli ultimi decenni abbiamo assistito ad una graduale quanto inarrestabile trasformazione di Venezia: da città a non-luogo in mano al turismo e alle sue regole. Nel 1988, davanti a una popolazione residente di 81.000 unità, Paolo Costa e Jan Van Der...

Assessore alla Sicurezza spara durante una lite: morto marocchino

Massimo Adriatici, avvocato, assessore alla sicurezza del Comune di Voghera (Pavia), è l'uomo che ha sparato il colpo di pistola che ieri sera, poco dopo le 22, ha ucciso un uomo di 39 anni di nazionalità marocchina. Il fatto è accaduto...

“Vaporetto da Lido: 7,50 euro e ammassati come animali”

Riceviamo e pubblichiamo. La lettrice prende spunto da una segnalazione precedentemente ricevuta in cui si dice: "Centinaia di persone costrette a stiparsi all’interno di un imbarcadero chiuso nell’attesa di un vaporetto che passa ogni 30 minuti. È stato ridotto il numero di...

Non si è vaccinato: sospeso medico di base di Venezia, Castello

Salvatore Di Prisco, medico di base con ambulatorio a Venezia, nel sestiere di Castello, è stato sospeso dalla professione fino al 31 dicembre dal suo Ordine professionale. Il medico, molto preparato, con 34 anni di anzianità, con specializzazioni in otoiatrica e grande...

Con l’addio alle Suore Imeldine la mia Salizada San Canciano non esiste più

(Seguito dell'articolo "La Venezia perduta. Le Suore Imeldine e la scuola a San Canciano che non esistono più") L’uscita da scuola. La fine delle lezioni, come l’inizio, era un altro rito. Si correva fuori, in un Campo San Canciano affollato di genitori, cercando con...

Venezia si spopola: contatore ormai a 50mila residenti

Lentamente, i veneziani sono costretti a lasciare la loro città. L’agonia silenziosa degli esiliati in terraferma, inesorabile come una malasorte, è registrata fin dal 2008 su iniziativa di Venessia.com, dalla Farmacia Morelli in campo San Bartolomeo che ha posto in vetrina un...

“Far pagare spese sanitarie a chi non si vaccina: proposta oscena”. Lettera

La proposta di far pagare le cure sanitarie a chi si ammala dopo aver rifiutato il vaccino è oscena: "E le altre malattie?"

La Venezia perduta. Addio a Testolini, la cartoleria dei veneziani. Storia e ricordi

Testolini chiude, dal 1911 la cartoleria dei Veneziani. Storia e ricordi di un altro pezzo di Venezia che scompare. Intervista a Stefano Bettio, assieme al fratello Alessandro, ultimi gestori.

“Alcune malattie non hanno cure dopo 40 anni, il vaccino lo hanno fatto in pochi mesi: è un miracolo”. Lettere

E' convinzione che i miracoli siano spettanza religiosa: falso! Nell'ultimo anno e mezzo è accaduto un miracolo "laico" che ha dell'incredibile. Dopo 40 anni di ricerca, nessun vaccino contro l'HIV; nessun vaccino perpetuo contro la banale influenza; nessun trattamento farmaceutico valido...

L’autopsia dovrà chiarire perché è morto a 31 anni: non si è più svegliato dopo il vaccino

Mattia Brugnerotto è morto il giorno dopo l'iniezione. Si era sottoposto a dose unica del vaccino, andato a letto non si è più risvegliato.

“Anziani trattati come mentecatti all’aeroporto di Tessera”. Lettere

Buonasera, la presente per segnalare un fatto increscioso e poco carino accaduto ai miei genitori di 74 anni con una patologia grave di diabete che lo ha portato alla cecità di un occhio e a mia madre di 68 anni anche...