venerdì 28 Gennaio 2022
7.5 C
Venezia

Pizzerie in Piazza San Marco a cielo aperto: “E dove andiamo?”. Hanno ragione i turisti?

HomeLa bacheca dei CafoniPizzerie in Piazza San Marco a cielo aperto: "E dove andiamo?". Hanno ragione i turisti?

Pizzeria in Piazza San Marco a cielo aperto: "E dove andiamo?". Hanno ragione i turisti?

La foto di oggi per la rubrica “La Bacheca dei Cafoni a Venezia” ci è stata inviata da Alessandro che ringraziamo. La recuperiamo. Lo facciamo per sviscerare un’altra situazione, il punto di vista degli “ospiti”. Era l’estate del 2017.

Un gruppo di una trentina di visitatori (verosimilmente una scolaresca) ha comprato un pacco di pizze da asporto e se lo divide banchettando con le mani nel salotto di Venezia, in Piazzetta dei Leoncini, a fianco la Basilica San Marco. Vuoi mettere il gusto? L’idea era delle capogruppo (forse maestre).

Luogo più “sacro” non ci sarebbe per lo sfregio di un picnic all’aperto, seduti per terra, con bicchieri, e cartoni che saranno trasformati in rifiuti.

Ma, alla luce delle molte discussioni fatte con gli interessati in questi anni, riportiamo anche il loro punto di vista. E’ giusto anche interrogarsi.
Decidete voi se le loro motivazioni siano legittime al punto da giustificare tali “libertà”.

Prima obiezione: “Ma se non si deve mangiare per strada, dov’è che possiamo trovare uno spazio lecito per consumare cibi all’aperto? Non risulta che ci sia un’area ristoro, uno spazio per picnic…”

Seconda obiezione: “Perchè non dovrebbe essere consentito mangiare per strada all’aperto, se ci sono molti negozi che vendono cibi da asporto per turisti? Se non si potessero comprare sarebbero chiusi… Cosa vuol dire: che uno dovrebbe comprare cibo da asporto e portarselo a casa alla sera a fine giornata?”

Terza obiezione: “Limitare questo tipo di libertà personale (come quella di impedire di portarsi nello zaino panini e bibite da casa, ndr) vorrebbe dire obbligare la gente a consumare in bar e ristoranti e tutta la vicenda apparirebbe imposta per favorire una categoria di commercianti e per fare spendere di più i visitatori…”

Non diamo giudizi.
Dal nostro punto di vista, ci limitiamo a confermare solo che vedere ragazzini che si puliscono le mani dall’unto della pizza sul marmo dei leoncini di San Marco del 1722 è cosa indegna.

La bacheca dei cafoni a Venezia. Vedi tutte le foto.

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Redazione
A cura della Redazione di www.lavocedivenezia.it

4 persone hanno commentato. La discussione è aperta...

  1. Si può mangiare all”aperto ma in luoghi adatti. Senza sporcare e senza lasciare le immondizie dove si vuole. Usare tovaglioli di carta ed essere educati e comportarsi bene in qualunque città di vada a visitare!!!

  2. Di solito si mangia qualcosa passeggiando, che sia comprato sul posto oppure portato da casa. Non è vietato mangiare per strada, è vietato sedersi e bivaccare in giro a causa del fatto che i turisti erano diventati troppo maleducati lasciando rifiuti e “svaccandosi” un po’ troppo. Ora il problema rimane quando si deve usare una toilette (diventa obbligatorio entrare in un bar e consumare) oppure se si vuole restare (comprensibilmente) seduti a riposare un poco. Ricordo soltanto un minuscolo parco con panchine, mentre i cestini per rifiuti non sono così numerosi. Forse la città deve trovare un modo per limitare i turisti entro un numero massimo e una piccola tassa di ingresso potrebbe essere un sistema… Lasciando a tutti la possibilità di ammirare Venezia, però.

  3. I turisti hanno ragione.
    Quindi è doveroso che paghino un prezzo d’ingresso in Città.
    Che verrà speso per allestire limitate zone per consumare pasti all’aperto, con fontanelle, tavolini e con adeguati sistemi di raccolta dei loro rifiuti, ritiro e riciclaggio degli stessi.
    Perchè sicuramente non pretenderanno che il costo totale della loro visita in economia ricada sulle spalle del Comune e sotto gli occhi degli altri ospiti della Città.

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Notizie più seguite dall'archivio

pubblicità

“Venezia è ingorda di denaro. Sarebbe l’ora di un progetto sostenibile”. Lettere

Io vengo saltuariamente a Venezia dove possiedo un mini appartamento comperato 15 anni fa. Amo Venezia la sua storia i suoi scorci e la sua arte. Mi sono riconosciuto in essa essendo discendente da famiglia istro-veneta. Purtroppo negli ultimi anni Venezia...

Scavi nella laguna di Venezia: le posizioni contrapposte

Scavi nella laguna di Venezia: posizioni contrapposte fra Ambientalisti e Corila. Ma alla fine della diatriba l’ultima parola l’avrà il VAS (valutazione d’impatto ambientale) che sugli scavi in laguna ha già espresso e motivato il suo giudizio negativo che collima e...

Dottoressa Maria Elena De Bellis sospesa per no al vaccino: 1500 assistiti devono cambiare medico

Dottoressa Maria Elena De Bellis, una professionista stimata alla quale i suoi 1500 assistiti si sono sempre affidati con fiducia. Sarà difficile per i suoi pazienti rinunciare a un rapporto solido e rassicurante, instaurato in un tempo di reciproco affidamento. Eppure quell’ambulatorio...

Mestrino condannato per violenze sessuali alla bimba di 6 anni

Venezia. Un abominevole abuso ai danni di una bambina di sei anni. Le parole, la sentenza e le pene adeguate all’orrore di questo abominevole abuso, le assegnerà la Giustizia a colui che si stenta a chiamare uomo, colui che ha commesso reati...

“Lido: ragazzi ubriachi di notte ovunque. Uno saltava sul tetto di un’auto. Ci si preoccupa solo di far arrivare turisti…”. La lettera

Lido, in una laterale del Lungomare all'altezza della zona A, ore 2.00 del lunedì notte. Ormai col caldo si dorme con le finestre aperte, anzi in realtà non si dorme molto perché dalla strada arrivano voci, urli e schiamazzi, non c'è...

Rapina in villa sul Terraglio pistole in pugno, minacciata bambina

Rapina odiosa a Mogliano, domenica sera. Sono circa le 19 e 30, quando quattro malviventi con passamontagna in faccia, irrompono nella villa sul Terraglio con le pistole in mano. Immobilizzano il proprietario, il petroliere Giancarlo Miotto di 79 anni, la moglie, e non...

Il Natale che verrà: con nuovo picco di contagi priorità a salute o economia?

Caro amico ti scrivo. Tra poco sarà periodo pre-natalizio: con i numeri in continua salita priorità all'economia o ad eventuali prescrizioni?

“I televirologi che ci avevano promesso l’immunità col vaccino…”. Lettere

Dal mese di dicembre, televirologi, burocratici della sanità pubblica e chi ha fatto del virus misteriosamente arrivato dalla Cina (e mai isolato) una prolifica professione, stanno cadendo come pere dagli alberi. Gli interessati adoratori del Dio vaccino, si accorgono o fingono...

Musei Civici Veneziani, grave attacco a lavoratrici e lavoratori

Nei Musei Civici Veneziani si aggrava l’attacco alle lavoratrici e ai lavoratori dei servizi in appalto, con l’annuncio delle cooperative Coopculture e Socio Culturale della disdetta dei contratti integrativi aziendali. Ancora una volta l'unica strategia che le aziende intendono attuare è quella...

Venezia: ecco le barche private per evitare il controllo della certificazione verde sui mezzi Actv

Laddove non si convince, si scatena la creatività e il far da sé. Barche private, iniziative dovunque, social scatenati, soprattutto tra chi vive nelle isole e deve recarsi al lavoro o accompagnare i figli a scuola: ognuno si organizza a modo...

“Far pagare spese sanitarie a chi non si vaccina: proposta oscena”. Lettera

La proposta di far pagare le cure sanitarie a chi si ammala dopo aver rifiutato il vaccino è oscena: "E le altre malattie?"

“I televirologi che ci avevano promesso l’immunità col vaccino…”. Lettere

Dal mese di dicembre, televirologi, burocratici della sanità pubblica e chi ha fatto del virus misteriosamente arrivato dalla Cina (e mai isolato) una prolifica professione, stanno cadendo come pere dagli alberi. Gli interessati adoratori del Dio vaccino, si accorgono o fingono...