Gianluca Stival consulenza linguistica
Gianluca Stival consulenza linguistica
Gianluca Stival consulenza linguistica
5.5C
Venezia
domenica 28 Febbraio 2021
HomeIl suicidioPateh Sabally, le troppe zone buie di un fatto senza risposte

Pateh Sabally, le troppe zone buie di un fatto senza risposte

Pateh Sabally, le troppe zone buie di un fatto senza risposte

Adesso è davvero troppo tardi. Pateh Sabally, il ragazzo gambiano annegato a ventidue anni in Canal Grande, sotto gli occhi attoniti di chi ha assistito, di chi ha visto e ha provato terrore, di chi gli ha lanciato i salvagente dai mezzi Actv, di chi dalle rive gli urlava di nuotare, di altri che lo schernivano, lo incitavano ad affondare, riprendendo con il cellulare la sua povera vita che andava spegnendosi, è morto.

“Africa!” sono le voci che dicono e sovrastano le voci che tacciono. E’ freddo, è difficile fare gli eroi quando il termometro è sotto lo zero. E difficile essere eroi. Ed ecco una enorme quantità di giudizi, di impressioni sulla tragedia consumata sull’acqua della laguna. Voleva morire? L’acqua gelata gli ha impedito di muovere le braccia e attaccarsi alle corde e ai salvagente? I soccorsi sono arrivati troppo tardi? E’ una forzatura meschina pensare che se non fosse stato “un africano” qualcuno avrebbe fatto qualche sforzo in più per salvarlo?

Chi sono “quelli” che dalle rive gli urlavano, “va soto, neghite”, facendo arrossire di vergogna la città esposta in tutto il mondo all’indignazione, cosa pensano “quelli” che hanno ripreso la fine di una esistenza con il cellulare e l’hanno fatta navigare in rete, chi sono “quelli?”

Stranieri, “quelli” sì, dell’umanità difesa dalla pietà, poco hanno indagato sui sentieri dell’ospitalità, poco sanno e poco comprendono di una vita che se ne va, di una esistenza sconosciuta che solo la morte richiama. E che ci informa sui nostri limiti, sulle nostre debolezze, noi, anche noi stranieri nella nostra pelle, abituati ad assistere a migliaia di annegati nel Mediterraneo, che invece di trovare salvezza e rifugio, trovano la morte. Cosa cambia in noi, quando vediamo, ascoltiamo notizie che narrano i loro destini? O forse “quelli” delle deliranti battute, sono solo incoscienti, incapaci di distinguere il vero dal falso, atrofizzati dalla magia degli smartphone, che sovrasta la ragione?

Il poeta egiziano Edmond Jàbes, in una sorta di testamento spirituale ha scritto: ”Chi è ospite e chi ospita fanno ‘l’umano’, noi siamo sempre stranieri su questa terra e sempre siamo in cerca di Ospitalità. E ogni volta che qualcuno ci dona ospitalità, nella sua casa, nel suo cuore, nell’incontro degli sguardi noi siamo pensati da un nuovo inizio”.

Potessero le parole salvare un uomo. Potrà l’inchiesta che sta indagando sulla tragedia raccontare quel che realmente è accaduto, riuscirà il Sostituto Procuratore Massimo Michelozzi accertare se è vero che un motoscafo del Casinò, è passato accanto a Pateh e ha tirato dritto. E’ vero che il conducente non l’ha visto? E’ possibile, è vero che tutto è possibile, che il freddo particolare di quel pomeriggio possa aver scoraggiato chi, forse, avrebbe voluto prodigarsi per salvare il ragazzo e invece i suoi occhi hanno intravisto “gli occhi di un uomo che muore”, come dice una celebre ballata di Fabrizio De Andrè.

E’ tutto vero e insieme labile. Conforta il raduno spontaneo degli amici di Pateh, della “Casa di Amadu”, che ora vogliono dargli sepoltura in patria, e di quanti hanno voluto gettare una corona in acqua per ricordare, in un pomeriggio di gennaio, nel piazzale di Santa Lucia, un ragazzo africano. Uno sconosciuto, assorbito dalle acque che hanno messo a tacere i suoi perché e i suoi bisogni, ma che ha avuto la forza di risvegliare i nostri, oggi intimiditi e a disagio dalle risposte che non arrivano e qualora giungessero alla verità, sarebbe già inevitabilmente troppo tardi.

Data prima pubblicazione della notizia:

sponsor

Vuoi lasciare un commento? Nessuna registrazione necessaria

Please enter your comment!
Please enter your name here

Le notizie più lette dopo la pubblicità
Loading...

Lisa e Orsetta, la sfida di aprire per i residenti a Venezia

Lisa e Orsetta, la sfida di aprire per i residenti a Venezia. In realtà le sfide sono più d'una, perché le due veneziane hanno...

“Ci viene impedito di issare la bandiera di San Marco. Danno alle generazioni veneziane”. Lettere

Riceviamo e pubblichiamo. "L' Associazione culturale wsm Venexia Capital tiene a far sapere che a Venezia non è possibile commemorare la nascita del Doge Morosini...

Auto si capovolge, giovane donna perde la vita. Ultima ora

Auto si capovolge, una giovane donna ha perso la vita. Un incidente mortale quello che si è verificato questa sera alle 21.30 a Salzano,...
spot

Chiuso profilo TikTok di donna che sfidava a soffocarsi, aveva 700mila follower

Chiuso profilo TikTok di una donna che "istigava al suicidio". Si tratta del profilo Tik Tok di una influencer con circa 700.000 follower. Il provvedimento...

Ricercato internazionale arrestato a Venezia, era in un hotel di lusso

Come in un intrigo internazionale, di quelli che si vedono nei film o nei romanzi ad alta suspense , il giallo si conclude con...

Ciclista trovato morto a bordo strada a Sernaglia, forse investito e non soccorso

Trovato morto ciclista a bordo strada questa mattina. Si tratta di un uomo di 45 anni. Il deceduto è stato scoperto un paio d'ore fa al...
le notizie più lette dopo la pubblicità
Loading...

Covid ospedaliero a Venezia in ripresa: 22 ricoveri in due giorni

Covid Venezia, numeri in ripresa di riflesso agli indicatori che arrivano dalla situazione regionale e nazionale. 22 altre persone si sono ricoverate in due giorni...

Concorso Letterario de “La Voce di Venezia”. Prima edizione: “Racconti in Quarantena”. La classifica

» vota il tuo racconto preferito » vai alla presentazione del concorso » leggi tutti i racconti arrivati

Covid, a Mestre centro oggi tamponi rapidi gratuiti

Domani, sabato, a Mestre, in piazzale Donatori di Sangue, sarà possibile sottoporsi al test del 'tampone rapido'. L'esame sarà eseguito con tampone di terza generazione. In...
spot

Mose: perito per le cerniere da le dimissioni. “Nel 2019 abbiamo rischiato”

Clamoroso al Mose. La notizia esplode questa mattina in edicola con la Nuova Venezia. L'articolo racconta nel dettaglio una durissima lettera d'accusa inviata al Provveditore...

Nuovo Dpcm: niente riaperture fino a Pasqua

Nuovo Dpcm: il governo non allenta le misure. "Le variante inglese, a maggior diffusione, sarà presto prevalente. L'Rt si appresta a superare la soglia...

Aggiornamento Covid: balzo dei positivi

Covid Veneto: è allarme per un nuovo forte balzo dei positivi. Nuovi contagi Covid in Veneto oggi: si registrano 1.304 positivi al virus in 24...
error: Contenuto coperto da Copyright. Ogni trasgressione verrà perseguita a termini di legge. Questo messaggio costituisce informativa, l\'interessato del plagio non potrà quindi invocare la \"buona fede\" ai sensi di Legge.