Gianluca Stival
Gianluca Stival
Gianluca Stival
4C
Venezia
lunedì 01 Marzo 2021
HomeIn CopertinaPanevin e polveri sottili: polemiche e diffide

Panevin e polveri sottili: polemiche e diffide

panevin polveri sottili polemiche diffide 080120

L’aria resta di pessima qualità. Il Comune di Venezia è passato al livello “arancione” a causa del superamento della concentrazione di PM10. Decisione che prevede modifiche alla circolazione degli autoveicoli.

Si parla di smog e inquinamento, ma è inutile ignorare che il tema del giorno sono i tradizionali falò che, in ordine sparso, vengono accesi nelle campagne delle province a scopo propiziatorio secondo la cultura rurale.

Sui ‘famigerati’ Panevin giungono solo notizie frammentarie, non si sa di controlli e di posizioni ufficiali delle ‘autorità’. Ad eccezione di quella del Governatore Luca Zaia che ieri ha candidamente confermato: “I Panevin non fanno male, ci vanno anche i medici”.

Improvvisamente il tema è tornato prepotentemente di attualità però, a causa delle nuove limitazioni del traffico e dei rilievi dell’Arpav che danno il superamento dei valori consentiti con troppo abbondanti eccessi: picchi di Pm 10 di oltre il doppio dei limi di legge, 6 giorni consecutivi di superamento dei limiti di PM 10 in tutte le centralina della provincia di Venezia.

Tutti effetti che cittadino veneziano prof. Fabio Mozzato aveva inutilmente previsto e segnalato. Inutilmente, dato che i panevin sono comunque stati tollerati un po’ ovunque.

Lo stesso prof. Mozzato – sempre impegnato sul fronte di inquinamento e smog – ha dunque inviato un’altra diffida con oggetto: “Nuova richiesta tempestivo decisivo intervento di divieto accensione Panevin – Provincia di Venezia-rischi per la salute: diffida contro i falò dell’Epifania “Panevin” in Veneto”.

Questo il testo.

Illustrissimi,

in seguito a mia diffida inoltrata il 3.1.2020 alle istituzioni competenti, contenente anche un appello al Signor Prefetto di Venezia affinché non si aspetti di soffocare per 11 giorni consecutivi con le polveri PM 10, ma si prenda un provvedimento secondo il principio di precauzione e di prevenzione,
disponendo il divieto di accensione dei falò dell’Epifania (denominati anche Panevin) in tutto il territorio della Provincia di Venezia, allarmano le deroghe tramite le quali, da come leggo sulla stampa, pare che Comuni, Regione, Ulss ed istituzioni competenti intendano comunque autorizzare detti falò, e questo rappresenta secondo me un atto gravissimo che attenta alla salute dei cittadini, degli anziani e dei neonati.

Con la presente quindi si rinnova la richiesta al signor Prefetto di porre il blocco totale ai falò dell’Epifania (detti anche Panevin) quantomeno nella Provincia di Venezia, e in particolare all’interno del Comune di Venezia (visti anche i continui picchi di biossido di Azoto rilevati a Venezia – Rio Novo da Arpav, sotto riportati, con valori di oltre quattro volte il limite medio annuo).

Si rinnova inoltre la diffida a Comune di Venezia, Regione del Veneto, Ulss 3 Serenissima, Città Metropolitana di Venezia, ciascuna per quanto di propria competenza, affinché adottino adeguati provvedimenti di divieto di accensione di detti falò nei territori di propria competenza.

Con l’occasione ci si chiede quali siano gli organi di vigilanza, con quali modalità, e come possano essi essere presenti in ogni falò acceso nel territorio Veneto che dovrebbero limitare, come leggo nella stampa, gli stessi all’altezza di due metri… (come se fosse un problema di altezza e non, ad esempio, di materiali bruciati, di durata dei falò o di numero degli stessi).

Certi che la cittadinanza saprà ben più apprezzare un provvedimento di blocco piuttosto che di permesso ad intossicare l’aria dell’intera Pianura Padana, in attesa di cortese pronto riscontro, e comunque entro i termini della L.241/90, porgo distinti saluti.

Prof. Fabio Mozzatto

Data prima pubblicazione della notizia:

sponsor

Vuoi lasciare un commento? Nessuna registrazione necessaria

Please enter your comment!
Please enter your name here

Le notizie più lette dopo la pubblicità
Loading...

Rialto, la banda di aggressori ha le ore contate [il video]

Rialto, la banda di aggressori ha le ore contate. Hanno urinato sul ponte di Rialto e colpito chi li ha rimproverati. Non sapendo, probabilmente, che...

“Ci viene impedito di issare la bandiera di San Marco. Danno alle generazioni veneziane”. Lettere

Riceviamo e pubblichiamo. "L' Associazione culturale wsm Venexia Capital tiene a far sapere che a Venezia non è possibile commemorare la nascita del Doge Morosini...

Auto si capovolge, giovane donna perde la vita. Ultima ora

Auto si capovolge, una giovane donna ha perso la vita. Un incidente mortale quello che si è verificato questa sera alle 21.30 a Salzano,...
spot

Aggressione a Rialto: denunciato un ventenne, individuati due amici

Il comandante della Polizia locale, Agostini: "Venezia è una città sicura e sotto controllo, grazie anche alla collaborazione con le altre forze di polizia...

Ricercato internazionale arrestato a Venezia, faceva colazione in un hotel di lusso

Come in un intrigo internazionale, di quelli che si vedono nei film o nei romanzi ad alta suspense , il giallo si conclude con...

Assembramenti a Venezia, Polizia chiude bar

Veneto ancora zona gialla ma non deve venire meno l'attenzione per le norme anti-contagio. Nella giornata di ieri, invece, la Sezione Polizia Amministrativa del Commissariato...
le notizie più lette dopo la pubblicità
Loading...

Concorso Letterario de “La Voce di Venezia”. Prima edizione: “Racconti in Quarantena”. La classifica

» vota il tuo racconto preferito » vai alla presentazione del concorso » leggi tutti i racconti arrivati

Morto Antonio Catricalà. E’ suicidio

Antonio Catricalà è morto. Aveva 69 anni. Ex sottosegretario alla Presidenza del Consiglio ed ex Garante dell'Antitrust, Catricalà si sarebbe suicidato in casa. La scoperta...

Covid ospedaliero a Venezia in ripresa: 22 ricoveri in due giorni

Covid Venezia, numeri in ripresa di riflesso agli indicatori che arrivano dalla situazione regionale e nazionale. 22 altre persone si sono ricoverate in due giorni...
spot

Covid, a Mestre centro sabato tamponi rapidi gratuiti

Domani, sabato, a Mestre, in piazzale Donatori di Sangue, sarà possibile sottoporsi al test del 'tampone rapido'. L'esame sarà eseguito con tampone di terza generazione. In...

Nuovo Dpcm: niente riaperture fino a Pasqua

Nuovo Dpcm: il governo non allenta le misure. "Le variante inglese, a maggior diffusione, sarà presto prevalente. L'Rt si appresta a superare la soglia...

Aggiornamento Covid: balzo dei positivi

Covid Veneto: è allarme per un nuovo forte balzo dei positivi. Nuovi contagi Covid in Veneto oggi: si registrano 1.304 positivi al virus in 24...
error: Contenuto coperto da Copyright. Ogni trasgressione verrà perseguita a termini di legge. Questo messaggio costituisce informativa, l\'interessato del plagio non potrà quindi invocare la \"buona fede\" ai sensi di Legge.