giovedì 27 Gennaio 2022
1.6 C
Venezia

Pagan torna a San Marco: è Venezia che resiste

HomeVenezia che ResistePagan torna a San Marco: è Venezia che resiste

di Giorgia Pradolin
Pagan torna a San Marco. Non più in Piazza come prima, non più sotto le Procuratie Nuove, a due passi dal Caffè Florian nel salotto buono di Venezia, ma sempre nell’area marciana.
Riaprirà a poca distanza da dov’era prima, in campo San Zulian, davanti all’omonima chiesa, in un negozio dove fino a pochi mesi fa c’era un’agenzia di cambio valuta. Oggi sono in corso i lavori di restauro per la prossima apertura ed è un po’ la rivincita della tradizione veneziana che, per una volta, scalza un’attività dedicata al turismo.
Un effetto portato dall’emergenza coronavirus, ma non solo. Il proprietario dei muri ha infatti deciso di affittare il negozio all’artigiano veneziano rifiutando un’altra offerta economicamente più vantaggiosa.

La pelletteria Pagan ha oltre un secolo di attività a Venezia e la sua chiusura, a settembre, aveva inferto un duro colpo alla città. A quel civico 54 in Piazza San Marco c’è ancora l’insegna, storica pure quella. Tanto che difficilmente la Soprintendenza ne permetterà la rimozione.
E’ la Venezia che resiste, quella costretta ad alzare bandiera bianca e abbassare le serrande durante l’emergenza sanitaria ed economica, a trovare sedi meno prestigiose nonostante i tanti anni di lavoro, ma anche quella pronta a ripartire appena le condizioni lo consentono.
E qui viene il bello. Perché l’artigiano riaprirà in un piccolo punto vendita

Il nuovo negozio a San Zulian
Il nuovo negozio a San Zulian

in campo San Zulian, alle Mercerie, che appartiene alla famiglia Nardi, proprietaria dell’omonima gioielleria in Piazza San Marco, sotto le Procuratie Nuove, che vicino alla famiglia Pagan ha lavorato per decenni.
La cosa curiosa è che i Nardi avevano ricevuto un’altra

offerta, più alta, per la gestione di quel negozietto a San Zulian, ma hanno comunque deciso di affittarlo agli artigiani perché ritornassero con un punto vendita a San Marco.
La famiglia è infatti presente a Venezia dal 1919 ed è l’ultima in città a praticare un’antica lavorazione artigianale della pelle conciata al naturale e dipinta a mano, come si legge sul loro sito.
A confermare come sono andate le cose è il gioielliere Alberto Nardi: “E’ vero, abbiamo ricevuto due proposte scritte per quel negozio, quella di Pagan e quella di un altro commerciante italiano. Nonostante la seconda fosse più alta, abbiamo voluto affittarlo a Pagan perché mantenesse la sua presenza a Venezia”.
Nardi, ex presidente dell’Associazione Piazza San Marco, si è sempre battuto contro la mercificazione di Venezia, contro il commercio abusivo e di scarsa qualità e per la valorizzazione della tradizione. E ha dimostrato di essere coerenti con i propri principi, mettendo in secondo piano anche il proprio interesse economico.

Il negozio di articoli in pelle aprirà prossimamente, probabilmente a maggio. In Piazza San Marco Pagan era stato tra le prime botteghe storiche ad abbassare le serrande e chiudere definitivamente, o almeno così sembrava, a causa degli alti affitti e del calo, se non assenza, dei fatturati. Una situazione che per molti è diventata insostenibile all’ombra del campanile, dovuta prima all’acqua alta eccezionale del 12 novembre 2019 e poi al ritorno dell’emergenza sanitaria da coronavirus. Dopo l’artigiano infatti hanno chiuso altri negozi storici come Venini, Coupole Glass e Ars Cenedese, come in un drammatico effetto domino.
Ora però Pagan ritorna a San Marco, e qualcosa sembra cambiare.

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

La discussione è aperta: una persona ha già commentato

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Notizie più seguite dall'archivio

pubblicità

Il nostro giornale festeggia: oltre 10 milioni di pagine viste

"La Voce di Venezia" a luglio 2014 ha incredibilmente abbattuto il muro delle 10 milioni di pagine viste. Era ormai qualche anno fa: un pugno di ragazzi (in parte di Venezia) usciti dal corso di laurea di "Scienze della Comunicazione"...

Vaporetti Actv Venezia: torna la Linea 2 fino a Lido

Actv implementa più corse: Linea 2 adesso arriva fino a Lido e ci sono corse supplementari 5.1 2 5.2.

“So venexian de aqua, abito in campagna, Venezia resta la mia città”. Lettere

In risposta alla letterea: "Go fato ben a andar via (da Venezia) chea volta e no me dispiaxe proprio”. So venexian de aqua... nato nei anni cinquanta... abito in campagna a Mestre... sì, Mestre per i venexiani... se campagna... anca Mian e...

“Alle vetrerie di Murano 3 milioni, anche ai furbetti, quelli che evadono milioni di euro”. Lettere

In riferimento all'articolo: "Fornaci di Murano ‘salvate’ dalla Regione". Lettere al giornale. Io penso che: …ma come, le vetrerie di Murano vengono finanziate con tre milioni di euro, dopo che più di qualcuna, da quanto leggo su quotidiani locali,   è stata “pizzicata” ad...

Il Comune contesta la cassettina per i libri gratis, Ticozzi: “Da premiare, non sanzionare”

Il Comune di Venezia contesta al bookcrossing l'occupazione di suolo pubblico. Ticozzi: "iniziativa da premiare non da sanzionare".

Nata Cassa Mutuo Soccorso per sostenere operatori sanitari che resistono al vaccino

Riceviamo e pubblichiamo. E' NATA LA CASSA DI MUTUO SOCCORSO , per sostenere ECONOMICAMENTE UN OPERATORE SANITARIO IN LOTTA CONTRO UN SOPRUSO, la sperimentazione vaccinale del decreto legge 44 art 4, che impone un vaccino che vaccino fino al 2023...

Un Campagnolo a Venezia: la venezianità vista da un Millennial boy. Lettere

UN CAMPAGNOLO A VENEZIA: la venezianità vista da un Millennial boy Fin dai primi giorni di scuola superiore nel centro storico veneziano, il biglietto da visita da parte dei miei nuovi compagni e compagne di classe è stato questo: -“Da dove ti vien,...

Scavi nella laguna di Venezia: le posizioni contrapposte

Scavi nella laguna di Venezia: posizioni contrapposte fra Ambientalisti e Corila. Ma alla fine della diatriba l’ultima parola l’avrà il VAS (valutazione d’impatto ambientale) che sugli scavi in laguna ha già espresso e motivato il suo giudizio negativo che collima e...

Mauro da Mantova è morto. L’ospite della trasmissione ‘La Zanzara’ non ce l’ha fatta

Mauro da Mantova è morto ieri a Verona. Era ricoverato dal 10 dicembre, quasi subito era entrato in condizioni critiche e, alla fine, non c'è stato niente da fare. Mauro da Mantova, "ospite-incursore" della trasmissione radiofonica "La Zanzara" è spirato all’ospedale Borgo...

Il Mose vince: Venezia “asciutta”. Perché la conferma tarda ad arrivare

L'acqua alta a Venezia non è arrivata: la marea ha toccato a Lido 138 cm. ma le paratie del Mose alle 18.40 di lunedì erano già issate

“L’attuale modello economico è basato sull’assembramento: la IV ondata ve la siete cercata”. Lettere

"Nessuno ha mai controllato il rispetto delle regole negli alberghi di Venezia"

Sanzione disciplinare irrogata dal datore di lavoro. L’impugnazione. I principi di immutabilità, specificità, immediatezza e proporzionalità

La Sanzione Disciplinare irrogata dal datore di lavoro. Vediamo oggi l'impugnazione della sanzione e i principi di immutabilità, specificità, immediatezza e proporzionalità