20.8 C
Venezia
martedì 27 Luglio 2021

Crisi turismo: ko anche storiche vetrerie di Piazza San Marco

HomeCrisiCrisi turismo: ko anche storiche vetrerie di Piazza San Marco

Crusi del turismo per Covid: in piazza San Marco chiudono anche le vetrerie storiche.
Chiude Ars Cenedese, storica vetreria muranese che aveva il negozio a pochi passi dal campanile, dagli anni Sessanta.
Il problema è sempre lo stesso: affitti alti e calo dei fatturati dovuto all’assenza del turismo per l’emergenza sanitaria.
È la terza azienda storica del vetro di Murano che abbandona la sua vetrina naturale, Piazza San Marco,

dopo Venini e Coupole Glass.
E se nel conteggio si aggiunge la chiusura della pelletteria Pagan, un secolo di attività, sono quattro le attività veneziane che abbandonano il salotto più bello di Venezia e del mondo.
“A chiudere in Piazza sono proprio le attività veneziane – commenta Claudio Vernier, presidente dell’Associazione tra i commercianti di san Marco -. Venezia si rialzerà, questo è sicuro, ma quando lo farà vi sarà anche un ricambio di aziende enorme, e invece di tutelare il tessuto tradizionale e culturale, locale, la si sta lasciando andare”.

(Rip.)
Crusi del turismo per Covid: in piazza San Marco chiudono anche le vetrerie storiche.
Chiude Ars Cenedese, storica vetreria muranese che aveva il negozio a pochi passi dal campanile, dagli anni Sessanta.
Il problema è sempre lo stesso: affitti alti e calo dei fatturati dovuto all’assenza del turismo per l’emergenza sanitaria.
È la terza azienda storica del vetro di Murano che abbandona la sua vetrina naturale, Piazza San Marco,

dopo Venini e Coupole Glass.
E se nel conteggio si aggiunge la chiusura della pelletteria Pagan, un secolo di attività, sono quattro le attività veneziane che abbandonano il salotto più bello di Venezia e del mondo.
“A chiudere in Piazza sono proprio le attività veneziane – commenta Claudio Vernier, presidente dell’Associazione tra i commercianti di san Marco -. Venezia si rialzerà, questo è sicuro, ma quando lo farà vi sarà anche un ricambio di aziende enorme, e invece di tutelare il tessuto tradizionale e culturale, locale, la si sta lasciando andare”.

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Data prima pubblicazione della notizia:

Condividi la notizia, potrebbe interessare agli altri:

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

altre notizie dall'archivio qui sotto
spot
Advertisements
sponsor

Grazie per aver sfogliato la nostra pagina. La tua considerazione è un'attestazione per il nostro lavoro.
Questo giornale è libero e gratuito per tutti dal 2006.
E' gradito ai lettori perché teniamo le pubblicità in modo meno invasivo possibile anche se questo significa rinunciare a introiti.
Come hai potuto vedere, tutte le righe si leggono perfettamente e non ci sono finestre o video che si aprono contro la tua volontà.
Così come garantiamo la qualità dell'informazione pubblicando solo notizie verificate.
Per tutto questo non chiediamo nulla ma se vuoi sostenerci puoi farlo con il 5x1000. Oppure puoi scorrere le altre news e leggere un'altra notizia in modo da darci un punto in più nelle prossime rilevazioni statistiche. Infine, potresti cliccare il "Mi Piace" sul 'Like Page' di Facebook qui sotto.
Grazie e speriamo che tu possa tornare a trovarci presto, in modo da poterti essere ancora utili con il nostro giornale libero e gratuito.